Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Crociere a favore della riduzione della congestione del traffico a Venezia

L’Italia ha annunciato il mese scorso un divieto di ingresso a Venezia per le grandi navi. E accolgono “con soddisfazione” dal settore la decisione del governo italiano di ritirare le grandi navi dal Canale della Giudecca per snellire il traffico a Venezia. “Siamo coscienti La polemica è sul transito delle navi da crociera e noi siamo sempre stati disponibili e attivi per essere parte della soluzione”, spiega a HOSTELTUR, Direttore della International Association of Cruise Lines of Spain (CLIA), Alfredo Serrano, che ricorda che l’industria ha sempre sostenuto il trasporto delle navi da crociera da Piazza San Marcos attraverso il Canale della Giudeca dal 2012. “Siamo stati sollecitando da anni le autorità a trovare soluzioni alternative e la possibilità di spostare grandi navi in ​​altri luoghi”.

Quanto al porto di attracco alternativo per le navi da crociera dopo questo divieto, da CLIA ricordano come il governo italiano aveva annunciato lo scorso marzo che dovevano dirigere le navi da crociera al porto di Marghera, il principale porto commerciale di Venezia, “Che è in grado di ospitare il traffico passeggeri e completare gli altri usi attuali come punto di ingresso a Venezia e all’intero Veneto”.

In tal senso, affermano che vi sono ancora molti elementi che devono essere considerati efficaci nella difesa di tutti gli specifici aspetti ambientali e operativi.

Una crociera nelle acque di Venezia. Foto: Lucie Hošová su Unsplash.

“Si tratta di una misura temporanea mentre si lavora a una soluzione migliore”, spiega Serrano, che dettaglia il lancio di un bando internazionale di idee “per risolvere in modo strutturale e definitivo il problema del transito delle grandi navi a Venezia”

(Vedi Venezia alla ricerca di una soluzione definitiva all’espulsione delle navi da crociera.)

READ  Le rimesse ricevute in DR aumentano nel primo trimestre del 2021

“Ora non vediamo l’ora di progredire Verso la fornitura di soluzioni di ormeggio alternative a Porto Marghera Giusto in tempo per la stagione 2022”.

Allo stesso modo, Cyrano sottolinea l’importanza di questa attività per la città dei canali. “Venezia è un importante hub per le navi da crociera in tutta la regione, e lasciarlo avrebbe un effetto negativo sull’intero Adriatico.. Ad esempio, i porti dell’Adriatico, tra cui Ancona, Bari Brindisi, Spalato, Dubrovnik e Trieste, non possono essere raggiunti dalle navi da crociera senza Venezia».

A questo punto, si distingue per i crocieristi La presenza di Venezia è un fattore decisivo nella decisione di navigare l’Adriatico. E avverte che “se si perde Venezia, andrà perso il traffico delle navi da crociera nel Mediterraneo orientale, non solo nell’Adriatico, visto che Venezia è la fonte del 60% di questo traffico”.

Numeri

Il direttore di CLIA Spagna presenta i numeri che mettono in luce il peso dell’industria nel Paese: il settore crocieristico nasce in Italia Ha un fatturato di 14.000 milioni di euro ogni annoComprendeva circa 120.000 posti di lavoro diretti e indiretti e stipendi pari a 3.900 milioni di euro.

“Il settore crocieristico rappresenta circa il 3% dell’economia veneziana e genera benefici per le attività satellite del Veneto e del resto d’Italia, che comprende un settore ampio e diversificato di agenzie di viaggio, compagnie aeree, hotel, tour operator, tassisti, servizi di condivisione del viaggio, porti, terminal, gestori di linea, ristoranti e una varietà di altre catene di approvvigionamento”, afferma