Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

In che modo l’AIDS e l’HIV differiscono? La medicina si sta avvicinando a un vaccino per controllare la malattia

01/12/2022 alle 00:03

TEC


Si stima che nel nostro Paese vivano tra le 160.000 e le 170.000 persone che convivono con l’HIV, di cui il 14% non viene diagnosticato.

Secondo le stime dell’UNAIDS, tra 160.000 e 170.000 persone in Spagna convivono con l’HIV. e il 14% non è stato diagnosticato.

Attualmente, i pazienti devono prendere Terapia antiretrovirale (un gruppo di medicinali per sopprimere la moltiplicazione dell’HIV), perché il suo sistema immunitario non è in grado di controllare automaticamente il virus.

È una malattia per la quale non esiste ancora una cura, ma ha un trattamento molto efficace e sicuro.

E ora, un’indagine apre una nuova speranza.

I risultati di una sperimentazione clinica di un vaccino HTI della società di biotecnologie AELIX, in collaborazione con Gilead Sciences, mostrano che questa iniezione può migliorare la risposta contro il virus.

Gli scienziati dimostrano che i vaccini combinati sono fondamentali per combattere l’AIDS |

Questa nuova indagine, recentemente pubblicata sulla rivista scientifica Nature Medicine, è stata condotta su 45 pazienti (44 uomini e 1 donna) che avevano una soppressione virale da almeno un anno, il che significa che la quantità di HIV nel sangue è molto alta . un po.

Il nostro approccio al vaccino a cellule T ha il potenziale per svolgere un ruolo fondamentale nelle strategie di trattamento dell’infezione da HIV.

Per studiarne l’efficacia, una volta somministrato Siero I partecipanti interrompono temporaneamente la terapia antiretrovirale e hanno i livelli di virus nel sangue misurati settimanalmente per sei mesi.

Pertanto, è stata valutata l’efficacia della vaccinazione e come l’uso del vaccino AELIX HTI potrebbe consentire ai pazienti di interrompere la terapia antiretrovirale prolungata (ART) per almeno sei mesi.

Come Il dottor Christian BranderCo-Fondatore e Direttore Scientifico di AELIX:

  • “Il nostro approccio al vaccino a cellule T ha il potenziale per svolgere un ruolo fondamentale nelle strategie di trattamento dell’infezione da HIV”.
Immagine del file di un test di screening dell’HIV | Organizzazione Mondiale della Sanità – Archivio

Di tutti i pazienti analizzati (15 che hanno ricevuto placebo e 26 hanno ricevuto il vaccino), 41 hanno interrotto il trattamento e sono stati studiati per 24 settimane.

READ  AGN ha scoperto gravi irregolarità nei contratti Covid-19 stipulati dal Ministero della Salute

Il risultato:

  1. Il 40% di coloro che hanno ricevuto il vaccino sono stati in grado di resistere a sei mesi senza questo trattamento.
  2. Nel gruppo placebo, tutti tranne uno dei partecipanti hanno dovuto ricominciare il trattamento dodici settimane prima.

Questo vaccino “ci consente di migliorare la soppressione del virus senza un farmaco”.

Questo è il metodo utilizzato dal file Dott.ssa Beatrice MuthyIrsiCaixa, ricercatore principale dello studio della Infection Control Foundation e ricercatore associato presso l’Institute for AIDS Research.

  • “I risultati positivi di questo studio dimostrano che è possibile stimolare una risposta immunitaria in una persona che vive con l’HIV, consentendo una migliore soppressione del virus in assenza di farmaci antiretrovirali”.

Uno studio clinico di fase II, che inizierà nei prossimi mesi, denominato AELIX-003, mira a indagare la sicurezza, la tollerabilità e l’efficacia del vaccino in combinazione con un agonista del recettore Toll-Like 7 (TLR7), in 57 persone con HIV ricevere una terapia antigenica per i retrovirali (ART).

Devi Senguptadirettore del programma di sviluppo del trattamento dell’HIV presso Gilead Sciences, sottolinea che il percorso verso una cura per questa malattia “è una sfida scientifica complessa e la collaborazione è fondamentale per stimolare la ricerca.

I numeri dell’HIV continuano a diminuire in Portogallo, ma rimangono tra i più alti dell’UE |

HIV e AIDS, sono la stessa cosa?

L’HIV non è la stessa cosa dell’AIDS, come spiegato a questo portale, in occasione della Giornata mondiale contro l’AIDS, Medico Fisnik FalcoCapo del Servizio Malattie Infettive dell’Ospedale Val d’Ebronne.

  • “Sono diversi stadi della stessa malattia. È che questo virus infetta le difese e quando si deteriorano gravemente, iniziano le complicazioni (infezioni opportunistiche dovute a un sistema immunitario indebolito) che è noto come losanghe (sindrome da immunodeficienza acquisita)”.
READ  Sportradar lancia un video sul benessere degli atleti

Ciò significa che l’AIDS è lo stadio finale dell’HIV.

Quali sono i sintomi dell’HIV?

I sintomi dell’infezione si sviluppano in tre fasi:

  1. La prima fase passa inosservata. Si verifica da due a quattro settimane dopo l’infezione e può causare sintomi molto simili a quelli dell’influenza.
  2. Nella seconda fase, detta intronica, il retrovirus continua ad infettare le cellule, anche se molto lentamente. Ecco perché la terapia antiretrovirale è fondamentale. Se il paziente segue correttamente il trattamento e si sottopone a controlli regolari, l’infezione può diventare cronica, renderla non rilevabile e non trasformarsi mai in AIDS.
  3. Nella terza e ultima fase il virus si è moltiplicato a dismisura e le difese immunitarie del paziente non sono in grado di rispondere.

Tuttavia, i pazienti sottoposti a trattamento impediscono la “storia naturale del virus” e rdquor, quindi non sviluppano l’AIDS e quindi altre malattie associate come:

  • Polmonite.
  • La mia infezione è fungina
  • Tubercolosi.
  • Citomegalovirus.
  • Meningite criptococcica.
  • toxoplasmosi.

“Ci sono anche una serie di tumori associati a questa immunosoppressione, e vale la pena sottolinearli Sarcoma di Kaposicancro della pelle che causa chiazze di tessuto anomalo sotto la pelle o alcuni linfomi (tumori del sangue)

Come si diffonde l’HIV?

L’HIV si trasmette attraverso quattro fluidi: sangue, sperma, secrezioni vaginali e latte materno. Il che significa che può essere trasmesso in tre modi: sessuale (rettale, vaginale o orale), sangue e da madre a figlio.

  • Non si trasmette attraverso saliva, lacrime o sudore.
  • Nessuna puntura di insetto
  • Né per contatto con animali domestici.
Archivio – Test di autodiagnostica HIV | Mylan – Archivio

Non rilevabile = Non inviabile

Attualmente esistono diversi farmaci per le persone che vivono con l’HIV, che stanno diventando “più potenti, meglio tollerati, con quasi nessuna tossicità e più facili da assumere”.

Oggi, la stragrande maggioranza dei pazienti deve assumere solo una pillola (alcuni anni fa il trattamento consisteva in una combinazione di pillole), che ha migliorato la qualità e aspettativa di vita”, che è approssimativamente vicino quanto le persone non infette.

  • Ma una delle migliori notizie è che l’ART è in grado di “eliminare questo virus al punto da renderlo non rilevabile”.

Ciò significa che la carica virale non può essere rilevata negli esami del sangue, il che significa che “la malattia non sta progredendo e il sistema immunitario si sta riprendendo”.

Un altro grande risultato è stato assicurarsi che se la carica virale non fosse rilevabile, la malattia non fosse trasmessa “per contatto sessuale, ma per via ematica”.

Come si previene la trasmissione dell’HIV?

  • Usa i preservativi (maschili e femminili) quando fai sesso con penetrazione, orale, vaginale o anale, con persone infette o la cui infezione è sconosciuta.
  • Scopri i rischi di esposizione derivanti da diverse pratiche sessuali e lo stato sierologico dei partner sessuali.
  • Evita di condividere siringhe, aghi e altri materiali per l’iniezione, come strumenti per piercing o tatuaggi.
  • Esami del sangue regolari per rilevare malattie sessualmente trasmissibili.