Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Miti sull’aborto: la legalizzazione non causa né provoca il cancro al seno

I sostenitori dell’aborto legale manifestano davanti alla Corte Costituzionale, a Bogotà (Colombia), foto d’archivio. EFE / Mauricio Duenas Castaneda

Bogotà, 15 novembre (EFE). Smettila di classificare l’aborto come un crimine. È la posta in gioco in questi giorni presso la Corte costituzionale colombiana, dove i giudici devono decidere se considerare incostituzionale questo reato e rimuoverlo dal codice penale.
Alla vigilia di una nuova decisione del tribunale – che nel 2006 ha consentito l’aborto in tre casi – decine di utenti sui social network hanno amplificato i messaggi contro la depenalizzazione dell’aborto, che si ripetono in tutta l’America Latina.
L’aborto continua a definire l’agenda politica dell’America Latina, e ancor di più in campagna elettorale. In Honduras, con le elezioni del 28 novembre, migliaia di membri del Partito Nazionale al potere hanno marciato domenica 7 novembre per opporsi alla depenalizzazione e al comunismo.
Efe Verifica ha analizzato cinque dei miti o delle idee sbagliate più comuni sull’aborto e ha cercato indizi per scoprire cosa hanno da dire la scienza e gli esperti.
1. Nei paesi in cui l’aborto è autorizzato, l’aborto non è raddoppiato
Uno degli argomenti più frequenti su Twitter è che quando l’aborto viene depenalizzato, la domanda aumenta.
I ricercatori dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e del Guttmacher Institute hanno studiato l’incidenza globale dell’aborto tra il 1990 e il 2014 e hanno concluso che i tassi di aborto “sono diminuiti significativamente dal 1990 nei paesi sviluppati”, dove sono per lo più depenalizzati.
Al contrario, non è stato ridotto nei “paesi in via di sviluppo”, dove rimane illegale in molti casi, come ad Haiti, Nicaragua, El Salvador e Honduras. Tuttavia, alcuni paesi registrano un aumento del tasso di aborto nei primi anni dopo la depenalizzazione, ma poi diminuisce e si stabilizza.
In Francia e in Italia, il tasso di aborto per 1.000 donne in età fertile ha oscillato leggermente durante i primi due o tre anni dopo la depenalizzazione, ma poi è diminuito costantemente almeno dal 1980 al 1996, secondo l’Istituto Superiore di Sanità italiano.
Il direttore della ricerca presso l’Università di Los Andes School of Medicine, Luis Jorge Hernandez, ha detto a Effie che questo aumento iniziale era dovuto alla “sotto-registrazione” che esiste quando gli aborti sono proibiti.
Molte donne ricorrono all’interruzione di una gravidanza senza segnalarla a nessuna autorità medica per paura che venga denunciata, ma quando diventa legale, compaiono casi che sono stati fatti in clandestinità.
Va notato che i tassi di aborto più bassi al mondo si osservano nei paesi in cui le leggi sono ampiamente lassiste e l’aborto è accessibile, come Paesi Bassi, Belgio, Germania e Svizzera, dove nel 2008 i tassi variavano da 7 a 9 – aborti per 1.000 donne di età compresa tra i 15 ei 44 anni, secondo i dati del Guttmacher Institute.
Il tasso medio di aborto tra il 2015 e il 2019 è stato di 15 per 1.000 donne nei paesi ad alto reddito, 44 ​​nei paesi a medio reddito e 38 nei paesi a basso reddito, secondo le ultime stime dell’organizzazione statunitense.
2. La mortalità materna non è in aumento
“Nei paesi in cui c’è l’aborto gratuito, il tasso di mortalità materna è molto più alto”, ha detto il candidato presidenziale cileno Jose Antonio Caste in un dibattito televisivo.
È falso. I dati mostrano che è vero il contrario. Nell’Unione Europea, il tasso di mortalità materna è stato di 6 decessi ogni 100.000 nati vivi tra il 2012 e il 2017, secondo i dati della Banca Mondiale.
Al contrario, in America Latina e nei Caraibi, il tasso è stato di 74 decessi ogni 100.000 nel 2017, con paesi come la Bolivia molto più alti, con 155 decessi ogni 100.000 nati vivi. In Cile, il MMR era 13 nel 2017, mentre in Spagna, invece, era 4 in Italia 2.
Inoltre, secondo i ricercatori dell’OMS, l’aborto non sicuro, quando una donna da sola interrompe una gravidanza senza garanzie mediche minime, ha causato tra il 4,7% e il 13,2% di tutte le morti materne globali tra il 2003 e il 2009.
3. L’aborto non provoca il cancro al seno
L’interruzione volontaria della gravidanza non provoca il cancro al seno, ha affermato a ottobre il deputato brasiliano Felipe Barros, in un tweet che fa eco a una convinzione diffusa che non ha alcun supporto scientifico ed è stata respinta dalle organizzazioni mediche professionali.
È stato categoricamente smentito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità in diverse occasioni. Ad esempio, in uno studio del 2012 ha spiegato: “Forti dati epidemiologici non mostrano un aumento del rischio di cancro al seno nelle donne dopo l’aborto o l’aborto indotto”.
È stato anche respinto dal National Cancer Institute degli Stati Uniti, dall’American Cancer Society, dall’American Congress of Obstetricians and Gynecologists o dal German Cancer Research Center.
Il National Cancer Institute (NCI) degli Stati Uniti ha tenuto un seminario nel 2003 in cui il National Cancer Institute (NCI) ha invitato 100 tra i maggiori esperti mondiali di gravidanza e rischi di cancro al seno, esaminando gli studi esistenti sull’argomento e concludendo che “la procedura di aborto indotto Oppure un aborto non aumenta il rischio di sviluppare il cancro al seno”.
Sul sito del National Cancer Institute c’è una pagina dedicata a questo problema, dove vengono presentate prove che negano un legame tra aborto e cancro al seno, come uno studio in Francia su più di 100.000 donne, pubblicato anche nel 2003, che non ha trovato rapporto tra i due. .
4. L’aborto non causa gemelli mentali nelle donne
Già nel 2008, un’indagine della Johns Hopkins University ha esaminato 21 studi di lingua inglese su 150.000 donne e ha scoperto che gli aborti, se eseguiti secondo standard di qualità, non causavano problemi psicologici a lungo termine tra le donne. che ha abortito.
Un’altra ricerca dell’Università della California ha seguito 956 donne per 5 anni e ha concluso che coloro che non avevano accesso all’aborto avevano maggiori probabilità di sperimentare “alti livelli di ansia, minore soddisfazione di vita e minore autostima”, rispetto alle donne che avevano accesso all’aborto. cattiva amministrazione.
Il dottor Luis Jorge Hernandez sottolinea: “L’aborto non è chiaramente una decisione facile, provoca stress personale e stress psicologico ed emotivo, ma non provoca conseguenze”.
Su questo tema è intervenuta anche l’Organizzazione mondiale della sanità, che ha ritenuto che “le conseguenze psicologiche negative si verificano in un numero molto ristretto di donne e sembrano essere una continuazione di condizioni preesistenti, piuttosto che il risultato dell’esperienza dell’aborto”.
5. In Colombia e Messico ci sono donne che sperimentano l’aborto
Uno degli argomenti contro la depenalizzazione è che non è necessaria perché non ci sono nemmeno donne in carcere per aborto.
Le ONG messicane spiegano che mentre non ci sono donne in carcere per questo specifico reato, ci sono 200 donne in carcere per reati correlati, come parti spontanei, aborti precoci o parti d’emergenza.
In Colombia, lo Studio sulla criminalizzazione del crimine di aborto in Colombia, condotto da Mesa por la Vida y la Salud de Mujeres e ricercatori dell’Università di Los Andes, ha raccolto dati dall’Ufficio del Procuratore Generale che dal 2008 sono circa 400 cause per aborto ogni anno, con un aumento del 320% per l’anno 2005.
Ares Biskas

READ  Rivelano la routine che Jennifer Lopez pratica a casa per esercitare i glutei e l'addome