Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

In bicicletta: Jermay, l’africano | Marca

Camino de Wevelgem, il paese delle Fiandre dove finisce il primo dei grandi classici Belgi in primavera, una foto di Christophe Laporte rende impossibile indovinare chi è rimasto al volante. Con potenti pedalate il francese ruppe l’aereo e lasciò il braccio nero di Beniam Jermay, che poi vinse l’altra tripla in volata regalando la prima grande vittoria della storia del ciclismo nell’Africa subsahariana, regione dove fino a domenica marzo 27, la memoria aveva a malapena legato la bici alla malaria, contratto da Fausto Cope in Alto Volta e messo fine alla sua vita. Oppure via Nairobi, la città natale di Chris Froome per caso.

Il ciclista si mette le mani sulla testa La telecamera rileva il volto di un 21enne. Ha la faccia di un vecchio guerriero. Stessa cosa perché è già padre. Ha già vinto quest’anno con Intermache ad Alcudia, durante il Mallorca Challenge, a febbraio, in volata. Le sue gambe sono veloci. Il somatotipo che collega il cervello a un atleta non è di queste latitudini. “Non ha il tipo di corridore di lunga distanza nell’atletica leggera”, spiega Mikel Zabala, professore di scienze dello sport all’Università di Granada che ha una vasta esperienza nel ciclismo, anche con il team Movistar. “Ha muscoli e se non ha vinto l’oro nell’ultima Coppa del Mondo Under 23, è perché era nel posto sbagliato”, dice.

La bici non è solo watt, ha anche bisogno di cultura ciclistica, guida in gruppo, apprendimento, in breve”

Mikel Zabala

Girmay da Asmara (2400 metri) in Eritrea come Daniel Teklahaimanot, Primo ciclista a fare un Giro di Spagna nel 2012, ha vinto l’Ordizia Classic con Eureka Neal Stevens nel 2015 e quell’anno ha guidato il Tour de France. “Ricordo che volevamo aiutarli e sono venuti in Spagna per un test molto presto. Tutti e quattro sono caduti a terra e hanno raggiunto il traguardo nel sangue. Ma sono arrivati. Sono stati molto tosti e tosti”, dice Pablo Anton, ex UNA VOLTA manager. “Poi è intervenuta la politica e non hanno più lasciato il loro Paese”.

READ  Le stelle simili al sole hanno pianeti "mangiati": studia

Eritrea, ha ottenuto l’indipendenza dall’Etiopia nel 1993, Ex colonia italiana, bagnata dal Mar Rosso, è la grande nazione del ciclismo insieme al Ruanda, l’unico paese ad avere gare di un certo livello UCI. Continente 2.1. Nel 2025 ospiterà le finali dei Mondiali. “È l’unica gara a cui partecipano corridori europei di un certo livello”, spiega Alejandro Martin, segretario generale della Federazione spagnola di ciclismo. Nel 2019, Taaramae, vincitore di tappa alla Vuelta, è arrivato secondo. Tekle Haymanot l’ha vinto nel 2010 quando aveva 21 anni.

Tutto ciò che ha dato impulso al ciclismo in Eritrea è stato grazie all’UCI World Cycling Center”.

Alessandro Martino

“Tutto ciò che è stato promosso dal ciclismo in Eritrea è stato grazie All’UCI World Cycling Center di Eagle (Svizzera), “Martin continua”. È una specie di Repubblica Centrafricana che condivide un edificio con l’Unione ciclistica internazionale dove ciclisti di paesi con poche tradizioni si incontrano per la solidarietà olimpica in Iran, Afghanistan… Jermay è uno di questi. “Qui è dove ho imparato a pedalare. Era uno di quelli che poteva vantarsi della sua vittoria sul grande Remko Evenpoel nel suo secondo anno da junior”. Il ciclismo non è la stessa cosa dell’atletica. “È stato più o meno dimostrato che la razza degli africani di questi paesi è più efficiente di quella dei caucasici”, afferma Zabala. Ma il ciclismo non è solo questione di watt. Implica tecnica, tattica e conoscenza di come sparare in un plotone… Richiede una formazione professionale. Ma se una cultura può essere creata grazie a persone come Girmay, dovremo vedere fino a che punto si spingono perché la qualità viene dalla quantità”.

READ  Rapporto sulla salute pubblica sul coronavirus n. 466

Teklehaimanot ha sicuramente contribuito a far diventare il protagonista un ciclista. Dal padre di un falegname, suo padre comprò una bicicletta per accompagnarlo al lavoro quando aveva dieci anni. Ha provato suo fratello e l’ha adorato. “È uno sport costoso”, ha detto domenica scorsa. Tuttavia, le gare nel suo paese, a un livello più basso, iniziarono a creare una certa cultura del ciclismo. Appena sei anni dopo era già entrato nel programma speciale dell’UCI.

“Le cose stanno andando. Abraham Olano, Ad esempio, prova qualcosa in Gabon (sostenuto dalla Fondazione Alberto Contador nel 2015); L’Angola ha legami con il Portogallo”, afferma Marne, riferendosi a un’area importante per liberare un ciclista da uno sforzo atroce, uno di quelli che ha vinto i Grandi Giri, a causa dell’anemia endemica delle cellule del fuso (globuli bianchi a ferro di cavallo che trasportano meno dell’Ossigeno).) che si trova nell’Africa subsahariana a est, dove non compaiono i maratoneti, sarà difficile per i ciclisti comparire.

Ci sarà un campione del mondo africano. Certo. non so se sarò io”

Benyam Jermay

In alternativa, Ruanda, Eritrea, Etiopia… Sono concentrati in quella regione che si estende dal Lago Vittoria verso l’Asia. “Diverse regioni di questi paesi sono in quota – tra queste l’altopiano dell’Eritrea – e abbiamo appena presentato uno studio in cui i ciclisti nati sopra i 1800 metri sono nati e sono avvantaggiati”, avverte Zabala, che non esclude che le vittorie future si ripetono a lungo termine. La media come Jeremy vince frequentemente. “Con buoni metodi e buoni materiali, perché no?” chiede Martin.

“L’unica cosa di cui l’Africa ha bisogno è che le squadre europee prestino maggiore attenzione”, ha detto. Il nuovo campione si è svolto dopo la vittoria di domenica. Ora sarà ben preparato per il debutto al Giro d’Italia sulle strade di Asmara, dove è spesso accompagnato da molti aerostati, come è il caso delle grandi maratone di Etiopia e Kenya nella Rift Valley o Eldoret. “Ci sarà sicuramente un campione del mondo nero. Non so se sarò io, però”.