Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli antichi romani ad Ercolano differenziavano le diete in base al genere

Madrid, 26 anni fa. (Stampa Europea) –

Gli archeologi che hanno esaminato I resti scheletrici delle vittime dell’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. Ercolano sostiene di aver contribuito a gettare nuova luce su Le abitudini alimentari degli antichi romani, Insieme a Alimentazione differenziata per genere Il che rivela che le donne mangiavano più prodotti animali e frutta e verdura coltivate localmente, mentre Gli uomini mangiano pesce costoso.

I ricercatori, guidati dal team di BioArCh presso l’Università di York, nel Regno Unito, hanno sviluppato un nuovo approccio a analisi degli aminoacidie I mattoni di base delle proteine, di 17 scheletri adulti ritrovati dopo l’eruzione del Vesuvio del 79 d.C.

Misurando gli isotopi del carbonio e dell’azoto negli amminoacidi delle ossa, sono stati in grado di ricostruire le diete delle persone che vivevano allo stesso tempo in modo molto più dettagliato di quanto si pensasse in precedenza, come pubblicato su Science Advances.

L’autore principale, il professor Oliver Craig, direttore di BioArCH presso il Dipartimento di Archeologia, ha confermato che “i resti di coloro che perirono a Ercolano nel 79 d.C. Offre un’opportunità unica per esaminare gli stili di vita di un’antica società che visse e morì insieme. Le fonti storiche fanno spesso riferimento a differenze nell’accesso al cibo nella società romana, ma raramente forniscono informazioni dirette o quantitative», ricorda.

Abbiamo trovato differenze significative nelle proporzioni di frutti di mare e cibo selvatico consumati tra uomini e donne., il che implica che l’accesso al cibo era differenziato per genere”, sottolinea.

In tutto, 340 individui sono stati scavati dalla spiaggia e da nove Furnishi adiacenti (volte in pietra) che si estendono parallelamente alla riva del mare a Ercolano, vicino a Pompei, dove le persone hanno cercato rifugio dalla colata lavica.

READ  Questo è DeepWell, l'unione tra gioco e medicina

I ricercatori affermano di essere stati in grado di determinare con maggiore precisione la differenza tra i sessi all’interno del gruppo, con gli uomini che ottengono, in media, circa il 50% delle loro proteine ​​alimentari dai crostacei rispetto alle donne.

Anche gli uomini hanno ottenuto una percentuale leggermente più alta di proteine ​​dai cereali rispetto alle loro coetaneeMentre le donne hanno ottenuto più proteine ​​da prodotti animali e frutta e verdura coltivate localmente.

L’autore principale, la dottoranda Silvia Sonsen, del Dipartimento di Archeologia, sottolinea che questa ricerca si basa su ciò che sappiamo. Gli uomini avevano un maggiore accesso ai pesci marini a Ercolano e su larga scala nell’Italia romana.

“Gli uomini erano più inclini a dedicarsi direttamente alla pesca e alle attività marine, In genere occupavano posizioni più privilegiate nella società e si liberavano dalla schiavitù in giovane etàIl che ha dato loro un maggiore accesso a prodotti più costosi, come il pesce fresco”.

Grazie al loro nuovo approccio, i ricercatori sono stati in grado di identificare in modo più accurato le diete antiche in modo che possano essere confrontate con le moderne registrazioni dietetiche. Il team suggerisce che pesce e crostacei hanno contribuito maggiormente alla dieta di Ercolano rispetto alla moderna dieta mediterranea, che è sempre più dominata da prodotti animali. mentre quello, Una proporzione simile di grano veniva consumata tra antico e moderno.