Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli infortuni in MotoGP

Ángel Charte, Direttore Sanitario del Servizio Medico Quirónsalud della MotoGP e Responsabile del Servizio di Medicina Interna dell’Ospedale Universitari Dexeus (Barcellona).

Questo fine settimana segna il terzo appuntamento di calendario motogpSi terrà a Termas de Río Hondo in Argentina. Una gara caratterizzata dall’assenza di un pilota Marc Marquez, che ha subito un duro atterraggio nel periodo di riscaldamento del precedente Gran Premio, in Indonesia, e non potrà partecipare alla competizione. Ha spiegato all’epoca che “Marquez ha subito shock multipli e un trauma cranico con coscienza instabile”. carta dell’angelo, Direttore Sanitario dei Servizi Medici del Quirónsalud MotoGP e Responsabile del Servizio di Medicina Interna dell’Ospedale Universitario di Dexeus (Barcellona), che lo aveva già ritenuto “non idoneo” a gareggiare nella seconda gara dei Campionati Mondiali di MotoGP. E per preservare La salute fisica e mentale dei giovani piloti È una priorità per i servizi medici che accompagnano i corridori durante tutta la loro carriera atletica.

“Ogni inizio dell’anno è motivante”, dice scrittura medica Il dottore che dopo due anni pandemia di covid-19 Affronta questa nuova stagione “con grande entusiasmo per poter vivere di nuovo le corse normalmente”. Dal punto di vista medico, aggiunge, sono stati varati, “a parte gli attuali protocolli per il Covid-19, che speriamo vengano allentati; nuovi protocolli per l’attività medica, sia clinica che riabilitativa”.

Charte ha avuto l’opportunità di essere il Direttore Sanitario del MotoGP Quirónsalud Medical Service nel 2012, “a seguito dell’incidente mortale a Marco SimoncelliPoi, dopo la tragica morte del pilota, quando il nostro ruolo ha deciso di formare un team di L’intervento medico immediato è sulla buona strada per lesioni gravi. “Il nostro ruolo continua con noi e iniziamo a formare la squadra e l’intera struttura medica”, spiega lo specialista, da sempre appassionato di sport motoristici, e lo pratica anche nella vita privata.

Il suo lavoro come Direttore medico della motocicletta è coordinare i servizi medici per ogni circuito in cui viaggiano le squadre e i piloti. In ognuno di essi c’è un responsabile con il quale Charte collabora “nella gestione dei punti di controllo e nel tracciamento dei paramedici”. D’altra parte, la sua funzione primaria è “iIntervento immediato dei piloti traumatologici graviFatte salve le visite mediche per tutti i gruppi prima dell’inizio della stagione”.

READ  Gli aneurismi dell'aorta addominale sono nemici silenziosi e hanno un trattamento tempestivo

Protocollo medico dopo una caduta in MotoGP

L’intervento tempestivo dei servizi sanitari è fondamentale in caso di caduta di un pilota, motivo per cui sono in atto protocolli che dipenderanno dal tipo di incidente, spiega Charte. “In caso di incidente grave viene varato il protocollo bandiera rossa contraddistinto da Race Control, e il protocollo per la partenza delle due vetture, Omega 1 e Omega 2, le due vetture per l’intervento immediato e la terapia intensiva in un multiplo gravemente critico pilota, viene applicato. Queste due vetture si trovano in zone strategiche della pista.


“Non si tratta di dare una diagnosi, si tratta di fornire le massime garanzie di vita per il pilota”.


“Una volta arrivati ​​al reparto in cui si è verificato l’incidente, Omega inizia a eseguire il protocollo del paziente multi-trauma, che non consiste nel dare una diagnosi ma nel fornire Massime garanzie di durata di provaIl grafico spiega che questo protocollo è “basato sull’esplorazione del pilota, sul rilascio delle vie aeree e sulla stabilizzazione circolatoria, nonché su una revisione delle potenziali lesioni che potrebbe avere”.

“Omega 0 sarò io e arriverò in pochi secondi sul luogo dell’incidente. Stiamo coordinando la piena attuazione del protocollo e procedendo con il trasporto, che può essere aereo o terrestre, a seconda della malattia e la severità del pilota centro medico Oppure dall’ospedale di riferimento del reparto.


Assistenza medica ai piloti nei circuiti

Negli ultimi anni si è parlato molto anche della sicurezza del ring L’evoluzione dell’assistenza sanitaria per i piloti dopo un incidente. “L’attuale sicurezza in MotoGP è ad un livello molto alto. Non solo dal punto di vista tecnico, ma anche dal punto di vista medico”, afferma Chartey. “Attualmente, oltre ad avere due unità di Intervento Immediato, stiamo implementando a Medicina preventiva, medicina di famiglia e salute mentale”Lo specialista aggiunge che si tratta di giovani atleti che subiscono forti pressioni.

I fan della pressione stanno anche trasmettendo agli operatori sanitari che cercano di riavere i piloti. Il medico, che ammette che “un certo numero di piloti ha più copertura mediatica, e questo significa che siamo più esposti”, sostiene: In ogni caso, insiste sul fatto che la sua missione è esclusivamente ed esclusivamente sul circuito, poiché “Quando i piloti feriti vanno dai medici di riferimento Poi ci raccontano di queste lesioni e di come progrediranno in termini di intervento, riabilitazione, ecc. ”

Dice che il suo rapporto con i piloti è “professionale”, ma lo stretto contatto che richiede la MotoGP significa che nascono anche più relazioni personali. “Viaggiando per diversi giorni insieme, la relazione diventa sempre più stretta”, ammette Charty, che osserva che per il pilot,È molto importante avere un riferimento medico durante il fine settimana A livello interrazziale, sono così grati di avere qualcuno a cui guardare e possono chiamare o alzare lo sguardo in qualsiasi momento, anche fuori dal ring.” Spiega: “Siamo finiti per essere come una grande famiglia”.


Salute mentale dei piloti di Moto GP

Come ha sottolineato Charte, oltre a curare le lesioni fisiche, le équipe mediche dovrebbero preoccuparsi dell’artcrollo mentale del pilotaLa maggior parte di loro sono giovani e sotto grande pressione. “I piloti hanno paure e paure come tutti gli altri”, spiega Charty. “Hanno imparato e stanno ancora imparando a gestire e controllare questi problemi”. “Trascorriamo molto tempo con loro ed è chiaro che diamo loro sempre supporto quando ne hanno bisogno, perché trascorrono molto tempo lontano da casa e dai loro cari, dove lavoriamo come una grande famiglia”, lo specialista che ha affrontato situazioni difficili dopo aver subito la caduta di diversi piloti.


“Il mio compito è mantenere in vita il pilota dall’infortunio sulla strada giusta per l’ospedale di riferimento”.


“Ne ho avute tante in questi 10 anni, e la verità è che la cosa più triste che abbiamo avuto sono i piloti che sono morti… Sono situazioni molto complicate e difficili”, ammette il dottore. “Il mio compito è mantenere in vita il pilota dall’infortunio sulla strada giusta per l’ospedale Dal segno in cui lo prendiamo, lo soddisfiamo letteralmente. Da lì, ci sono momenti in cui gli infortuni non corrispondono alla vita”, si lamenta.

Vista la gravità degli infortuni e l’urgenza dei piloti di tornare a gareggiare, vale la pena chiedersi se i giocatori della Coppa del Mondo stanno facendo bene e se seguono le linee guida stabilite dal servizio medico. In questo senso, Charte sottolinea che sono “professionisti dell’industria automobilistica e sanno che devono essere molto severi sulle raccomandazioni mediche. Sono persone molto responsabili”.

Inoltre, come la “grande famiglia” che compone il circuito, i piloti si fidano delle equipe mediche e sanno che i professionisti stanno “facendo tutto il possibile per la loro salute”:Sanno che non possono aggirare le normative mediche e lo presumono. Li teniamo sempre d’occhio e loro sanno fino a che punto possono arrivare, sono brave persone”.


In che modo la pandemia di Covid ha influito sul Motomondiale?

Le ultime stagioni sono state segnate dalla pandemia di Covid-19, in quanto è stato necessario mettere in atto vari protocolli sanitari a cui la “grande famiglia” del Motomondiale si è dovuta adattare. “Attualmente manteniamo internamente lo stesso protocollo di due anni fa, ovviamente è stato aggiornato, anche questo è vero Ci affidiamo alle linee guida stabilite da ogni Paese e dai suoi governi dal punto di vista sanitarioSpiega Carta. L’idea è di ridurre le procedure seguendo ciò che gli stati specificano e di tornare a poco a poco alla vita normale”, aggiunge lo specialista.


“Quando non corro sono in ospedale e viceversa, senza sosta”


Oltre al suo lavoro in MotoGP, Angel Chartey ricopre la carica di Head of Service Medicina Interna a Ospedale universitario di Dexeus, dalla Collezione Quirónsalud. “La compatibilità è complessa ma il gruppo Quirónsalud è molto coinvolto nel Motomondiale sotto molti aspetti, è un’estensione dell’ospedale all’interno del motomondiale in termini di medicina interna e medicina intensiva”, spiega lo specialista, precisando che il servizio è gerarchico, con delegati, capi clinici e capi di dipartimento.

“Quando non sono alle gare, sono in ospedale e viceversa, senza sosta”, ammette scrittura medicaA Charte, che domani accompagnerà i piloti e ne monitorerà lo stato di salute, come ogni fine settimana.

Sebbene possa contenere dichiarazioni, dichiarazioni o note di istituzioni sanitarie o professionisti, le informazioni nella scrittura medica sono curate e preparate dai giornalisti. Raccomandiamo al lettore di consultare un operatore sanitario per qualsiasi domanda relativa alla salute.