Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Illuminazione a gas per i genitori: i genitori deviano i propri figli – Salute e Benessere

“Quello che ti preoccupa è una sciocchezza, per i problemi di tuo padre, non tu.” “Se tua madre è di cattivo umore, è colpa tua, perché ti comporti sempre male”. “Niente fa male, quello che ti succede è che sei tu a lamentarti e sei stanco”. Questi sono solo alcuni esempi di come i genitori prevalgono sulla volontà, l’identità e le emozioni dei loro figli. È un fenomeno crudele, ma purtroppo comune.

Spesso associamo la pratica dell’illuminazione a gas alle relazioni. Tuttavia, c’è una verità nascosta e silenziosa che accade ogni giorno. Ci sono genitori che usano sofisticate tecniche di manipolazione sui propri figli, instillando in loro un gran numero di paure e insicurezze. È una forma ovvia di autolesionismo letterale con conseguenze disastrose.

Ci sono molte persone che hanno raggiunto la maggiore età che portano con sé queste sequenze che non sanno molto bene come definire o affrontare. Perché, per quanto sorprendente possa sembrare a noi, le vittime di maltrattamenti dei genitori impiegano molti anni per prendere coscienza di questo tipo di abuso.

La mancanza di autostima e la vulnerabilità emotiva sono solitamente gli effetti di una famiglia disfunzionale che opera come una setta che pone il veto e spersonalizza i propri figli.

Come faccio a sapere se sono stato vittima di illuminazione a gas da parte dei genitori?

La genitorialità con illuminazione a gas è definita come quella pratica in cui uno o entrambi i caregiver di un bambino si impegnano in una forma molto specifica di abuso emotivo. È lui che fa dubitare al bambino di ciò che sente, di ciò che è e anche di ciò di cui ha bisogno. Gli adulti chiedono e manipolano tutto ciò che i loro figli hanno per controllarli.

READ  Hanno dimostrato che i più grandi dinosauri carnivori vivevano nell'acqua

Sebbene questo termine ci sembri un prodotto di uno stile moderno, va notato che si tratta di un fenomeno ben studiato dall’American Psychological Association. Allo stesso modo, abbiamo una vasta letteratura di ricerca che approfondisce i meccanismi della stessa tecnologia di elaborazione sibillina.

Uno studio della dott.ssa Domina Petrick dimostra che i giocatori di puzzle applicano la teoria del nodo mentale. In questi casi, l’aggressore compromette il funzionamento psicologico ed emotivo delle sue vittime. Li interrompe al punto da farli dubitare di se stessi, confondendo così identità, valori, punti di forza e persino bisogni.

Come facciamo a sapere se anche noi soffriamo (o continuiamo a soffrire) per l’illuminazione a gas dei nostri genitori? Lo analizziamo.

Dietro ogni illuminazione a gas c’è una famiglia disfunzionale governata da uno o due genitori narcisisti.

1. Ti hanno annullato in ogni modo possibile

L’arma preferita del Gaslighter è neutralizzante in qualsiasi forma. È una strategia semplice ed efficace per controllare le loro vittime. Una cosa spaventosa se un padre/madre la pratica sui propri figli.

L’invalidazione psicologica fa credere al bambino che ciò che sente e pensa è irrilevante. L’idea che le sue emozioni ei suoi pensieri siano sbagliati, privi di logica e significato gli viene trasmessa fin dall’inizio.

Queste sono le espressioni che si sentono più spesso nell’illuminazione a gas dei genitori:
Stai esagerando.
Sei molto sensibile.
Non hai idea di niente, sei così innocente.
Ti dico quello che devi sentire, perché sei così perso nella vita.
Quello che senti è una sciocchezza.
Non pensare solo alle sciocchezze.
Tutto ti influenza, quindi non puoi parlarti di niente.
Otterresti una cosa del genere per questo?

READ  Scopri un nuovo modo per penetrare nelle cellule umane | sapere

2. I tuoi genitori ti hanno detto come eri e come ti sentivi

Un modo molto pratico per invalidare una persona è pronunciarne il nome; Gli ha rubato la voce e l’opportunità di esprimersi. Nei genitori con illuminazione a gas, i caregiver parlano ai loro figli per annunciare la loro condizione, come si sentono e di cosa hanno bisogno. Li stanno trasformando in semplici burattini che si muovono a piacimento. Lo fanno prima degli altri così come a casa.

Questo si traduce in affermazioni come le seguenti:

Sei un bambino responsabile ed è per questo che stai a casa.
Sei una ragazza buona e obbediente.
Ami la scienza e la matematica e per questo smetterai di leggere fumetti e disegnare.
Non sei triste, ora inizi a fare i compiti e dimentichi altre sciocchezze.
Quello che ti succede è che ti senti assonnato, motivo per cui stai dormendo ora.
Non ti arrabbiare perché quello che ti abbiamo detto, quello che ti succede è che sei un pretendente.

3. Usano costantemente l’instabilità e la contraddizione

Confondere, falso, genera frustrazione… In questo tipo di ambiente disfunzionale prevale l’instabilità come elemento costante, così come il comportamento paradossale. In questo modo, è prassi comune dire una cosa oggi e affermare il contrario domani. Se oggi un bambino può andare in giardino a giocare, domani verrà rimproverato per aver chiesto qualcosa che sa essere proibito.

L’incoerenza crea un substrato caotico in cui i bambini non sanno a cosa aggrapparsi. Vivono in una costante incertezza, non sapendo se oggi saranno elogiati per quello che hanno fatto o se saranno puniti per quello che dovrebbero aver fatto bene ieri.

Rendersi conto del problema che abbiamo avuto con i nostri caregiver e accettare che non ce ne siamo presi la responsabilità è il primo passo verso la guarigione.

READ  Arellano ha confermato che "la prossima settimana verrà creata la laurea in medicina".

Possiamo riprenderci dalla luce a gas dei nostri genitori?

È molto probabile, a questo punto, che più di una persona si renda conto di aver vissuto in un ambiente genitoriale illuminato a gas. Inoltre, è possibile che abbiamo ancora rapporti quotidiani con queste persone violente che continuano a manipolarci fino all’età adulta. Cosa si dovrebbe fare in tali circostanze?

In generale, una persona che è stata o è stata vittima di illuminazione a gas mostra più di un problema psicologico, come nel caso del disturbo da stress post-traumatico. Tutto ciò che è vissuto ha minato l’autostima e anche le basi della propria identità.

È necessario rendersi conto del male che vive in noi ed essere chiari che ciò che stiamo vivendo è una forma di abuso psicologico.

L’unico modo per guarire, ricostruire e riprendere il controllo della tua vita è attraverso la psicoterapia. Inoltre, crea una sana distanza dal gas.

Teniamo presente che non è facile prendere le distanze o interrompere una relazione con un genitore che gioca con noi da decenni. Si rivolgerà alla vittima e la minaccerà. Prepariamoci alle strategie più abili, e chiariamo che tipo di rapporto vogliamo mantenere con questi numeri (solo telefonicamente, ridurre molto la vista o mettere una distanza permanente).

In conclusione, cerchiamo sempre il sostegno dei nostri amici, partner o altre persone per poter sanare le ferite di ieri, quelle che spesso colpiscono di più il nostro presente.

Fonte: La mente è fantastica. –