Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La scienza dubita del “percorso di possesso” e richiede maggiori investimenti

Pedro Duque.

Il Legge sulla riforma della scienza Promosso dal governo desta sospetti tra i ricercatori spagnoli. Con l’obiettivo di creare una carriera di ricerca “attraente e stabile”, Brano Figora del Tenore, interrogato da alcuni studiosi spagnoli, che sollecitano l’ulteriore sviluppo di come ciò sia fatto stabilità dei loro posti di lavoro.

Come spiegato dal ministro Pedro Duque Lo scorso marzo, il “percorso di acquisizione” è un modello contrattuale utilizzato negli Stati Uniti, in Canada e più recentemente in paesi europei come Germania, Svizzera o Italia, e consiste in Contratto a tempo determinato soggetto a valutazione esterna. Inoltre, viene proposta assistenza per coloro che sono incaricati da questo sistema di “abbandonare e consolidare i loro progetti scientifici”.

In breve, l’incorporazione di questo numero aumenta Cessione del contratto di lavoro a tempo determinato (Contratto di accesso in corso al Sistema spagnolo di scienza, tecnologia e innovazione) a tempo determinato con i requisiti per il titolo di dottore, al fine di svolgere funzioni di ricerca nell’ambito di Un progetto speciale e alcuni Compensazione Equivalente alla Full Scholars Scale (o equivalente universitario). Tutto questo è soggetto a valutazione esterna con impatti critici.

Importante cambiamento nella scienza spagnola اللوم

Questo numero sarà un cambiamento molto importante. Gli inquirenti stabiliti in Spagna sono dipendenti pubblici che arrivano attraverso l’opposizione. Ciò può significare una selezione, ma è soggetta a revisione dopo cinque anni”, spiega un ricercatore del National Biotechnology Center (CSIC-UAMC) Isabel Sola, il quale ritiene che l’attuale riluttanza nella comunità scientifica derivi da altri progetti precedenti simili che “non hanno funzionato e hanno generato sfiducia”.

Sola si riferisce ai contratti di Ramón y Cajal o a un numero Illustre ricercatore presso CSIC “che consiste nel raggiungere un posto di ricercatore di livello equivalente a quello di studioso, a tempo determinato e durata”. Dopo questo periodo, conferma che “l’abisso raggiunge” per molti ricercatori spagnoli. In questa transizione, i ricercatori si trovano in un “vicolo cieco”, senza ulteriori sviluppi, motivo per cui finiscono per presentarsi all’opposizione, come spiega il ricercatore, e si sono concentrati sullo sviluppo di uno dei vaccini spagnoli contro il Covid.


Sola: “A causa della mancanza di investimenti, ci sono pochi posti e pochi inviti per inserire nuovi ricercatori”


Tuttavia, l’idea della personalità dell’illustre ricercatore era proprio quella di “sostituire la professione investigativa dei dipendenti pubblici con ricercatori che sono stati valutati nel tempo”, come ricorda lo scienziato. Per implementare questo tipo di numero, avverte Sola, un investimento permanente che consente “a stabilità a lungo termine“A causa del basso investimento, ci sono pochi posti vacanti e pochi inviti per l’ingresso di nuovi ricercatori”, afferma lo scienziato, osservando che “sono necessari cambiamenti generali e globali, tra cui Aumento del contratto“.

Ci sono persone che ottengono un posto stabile quando hanno 50 anni. Finisci la tesi con 30 mentre organizzi i contratti e fai domanda per posizioni accademiche. Ma poiché ci sono così tanti ricercatori e così pochi posti, è molto difficile”, ha detto Sola, che ha avvertito che molti rinunciano alla ricerca e tentano la fortuna fuori dalla Spagna.

Percorso di possesso, “sforzo” per cambiare percorso di carriera scientifica

“Non so se questa sia la soluzione migliore o meno, ma vedo uno sforzo per cambiare le cose”, vai a scrittura medica Sonia Zuniga, virologo e socio Sola presso il Centro Nazionale di Biotecnologie. “laggiù Un problema di scienza in Spagna È che c’è una copertura con molte persone, che non sono in grado di monoteismo. Ciò è in parte dovuto al fatto che il sistema qui è molto rigoroso”.

In Spagna, a differenza di altri paesi come ha spiegato il ricercatore, Se non sei un impiegato statale, non puoi ordinare un progetto scientifico. “È un po’ ingenuo pensare che il modo per cambiare questa situazione sia ottenere più posizioni nel servizio civile”, afferma Zuniga. A suo avviso, l’inserimento del numero della traccia di attesa “potrebbe essere un percorso”.

Z lookñiga Non prendete alla leggera la valutazione esterna che contempla la riforma promossa dal ministro Duque. “Non è così, se si presentano male e non ottengono progetti o non pubblicano, ci degradano. Ma non può succedere, come accade, che tanti studiosi che non pubblicano o non fanno progetti, siano ancora lì perché sono dipendenti del servizio civile”.


Zñiga: “Non so se un numero di traccia di posizione sia la soluzione migliore o meno, ma vedo uno sforzo per cambiare le cose”


L’esistenza di tali numeri e di una “valutazione scientifica in corso di riconoscimento” è positiva per Zuniga, che non ha analizzato a fondo il progetto scientifico ma ritiene possa essere una “soluzione” per rendere più competitivo il sistema scientifico.

‘Estinzione’ del percorso di possesso

Manuel Herrera Osager Professore di Sociologia presso l’Università di Siviglia e Professore Associato presso la Scuola Andalusa di Sanità Pubblica للصحة (EASP) avverte che “molti degli svantaggi del TT non vengono presi in considerazione nelle carriere dei ricercatori di altri paesi”. Herrera-Usagre approva le valutazioni CCOO e avverte che questo numero non elimina il problema temporale. “Poiché lo status è estinto, se l’università o il dipartimento decide di non continuare, non ti rimarrà nulla.
È necessaria una vasta gamma di funzioni pubbliche”.

Inoltre, evidenzia il costo della salute mentale per questi lavoratori che il nuovo modello potrebbe avere, che dipende dalle decisioni degli altri per essere in grado di sostenere la situazione. “È un rischio che apre casi Discriminazione contro le minoranze e le donne. Le posizioni per il TT tendono ad essere maschili e bianche”, aggiunge. Secondo lui, incorporare il sistema di binari provvisori in Spagna “non risolverà i problemi”. È necessario dare una certa autonomia ai reparti per assumere personale. , ma devono avere un conto per coloro che impiegano e valutano le dotazioni finanziarie”.


Herrera Osager: “Dobbiamo pensare a come possiamo aiutare quei professionisti che tanto hanno contribuito a risolvere il problema Covid”

A suo avviso, la crisi del coronavirus e il coinvolgimento della scienza nello sviluppo di test, farmaci e vaccini hanno fornito “il momento perfetto per una riflessione tranquilla con tutti gli attori”. Dovremmo pensare a come possiamo aiutare il tipo di professionisti che hanno contribuito così tanto a risolvere il Covid Quello che vedremo è il suo futuro immediato”.

La scienza ha bisogno di più finanziamenti

per questa parte, Andres Rodriguez SegoIl ricercatore junior di FCT presso la CIIMAR-Universidade do Porto, Portogallo, evidenzia “la stabilità e la mancanza di fondi per poter sviluppare una linea di ricerca”. “I contratti post-dottorato sono generalmente brevi (2-3 anni) il che alla fine porta al fatto che stai effettivamente cercando il prossimo post-dottorato a metà del decennio, e così via finché non trovi qualcosa di più lungo/come Ramón y Cajal o un medico Posizione di assistente ( 4-5 anni).

Il problema, dice, è che” Finanziare questi ricercatori Gli affari di solito sono scarsi o inesistenti, fatta eccezione per Marie Curie, quindi dipendi dai soldi del gruppo ospitante. Quindi i programmi di tipo JIN sono molto buoni perché includono finanziamenti, ma il tasso di successo è molto basso.


Rodríguez: “Il numero del TT è buono, ma come verrà effettuata la selezione? Avranno un finanziamento associato significativo o sarà con le briciole?”


Inoltre, gli inviti a contratti di borsa di studio come Juan de la Cierva o las Ramón y Cajal sono insufficienti. “Il numero dei medici aumenta ogni anno e il numero dei contratti rimane lo stesso da anni. Alla fine c’è un tetto derivante dalla mancanza di finanziamenti e contratti disponibili»., è d’accordo con Zúñiga.

“Il numero TT è buono, ma come verrà fatta la selezione? Avranno un finanziamento associato significativo o sarà con le briciole? Ti pagano il contratto e cercano la tua vita?” , chiede Rodríguez, il quale afferma che “Ramón y Cajal è ancora un TT e quindi non è stato necessario creare un nuovo programma, ma aumentare il numero di posti nel RyC, migliorare i finanziamenti associati ed evitare il tappo causato dalla mancanza di posti”. Per lui, la soluzione include contratti a lungo termine e relativi finanziamenti e la possibilità di candidarsi per progetti senza bisogno di un contratto fisso. “Migliorare la burocrazia addetta, in particolare un processo più trasparente. Le richieste di un assistente di dottorato, PCD, ecc. sono nella stragrande maggioranza dei processi opachi nelle università e nella maggior parte dei casi il posto va al candidato di casa”, ha aggiunto.

Sebbene possa contenere dichiarazioni, dichiarazioni o note di istituzioni sanitarie o professionisti, le informazioni in scrittura medica sono curate e preparate da giornalisti. Si consiglia di consultare il lettore su qualsiasi domanda relativa alla salute con un operatore sanitario.

READ  L'UCES ha aperto l'edificio del College of Health Sciences