Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il PIL dell’OCSE cala nel secondo trimestre a causa del crollo della Cina

L’economia cinese vacilla Potrebbe trascinare il resto delle economie avanzate.

I tamburi della stagnazione battono da tempo sulla scena mondiale. Gli Stati Uniti sono entrati in una recessione tecnica nel secondo trimestre dell’anno, dopo aver subito due contrazioni consecutive del PIL, e anche la Cina ha subito un duro colpo.

La strategia zero-COVID di Pechino ha portato a gravi chiusure e chiusure e ha avuto un forte impatto sull’economia, che ha sofferto nel secondo trimestre di quest’anno. Ritiro del 2,6%..

Ora, il crollo della Cina ha trascinato verso il basso il resto delle economie avanzate. Tra aprile e giugno, il prodotto interno lordo del G20 ha subito un calo dello 0,4% rispetto al trimestre precedente, dopo essere aumentato dello 0,5% nel primo trimestre, secondo le stime pubblicate oggi. Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

L’agenzia osserva che questa contrazione contrasta con la regione dell’OCSE, che comprende più paesi, dove la crescita del PIL è stata dello 0,4% nello stesso periodo.

“Il rallentamento nella regione del G20 nel secondo trimestre del 2022 riflette principalmente la forte contrazione in Cina, dove il PIL è sceso del 2,6% su base trimestrale, dopo essere aumentato dell’1,4% nel primo trimestre del 2022”, afferma il rapporto. Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

Il rapporto aggiunge che questa recessione ha invertito i blocchi messi in atto per contenere l’epidemia di COVID-19.

Nel frattempo, l’economia statunitense ha registrato un calo dello 0,4% nel primo trimestre, seguito da un altro calo dello 0,2% nel secondo trimestre. Gli analisti attribuiscono questi cali all’effetto sull’attività dello storico rialzo dei tassi di interesse annunciato dalla Federal Reserve.

READ  L'euro ha reso gli europei "più forti", afferma Christine Lagarde

Cosa significa entrare in una recessione? Così gli economisti definiscono il periodo in cui l’economia sta crollando ed è appena entrata la Spagna

Ma Cina e Stati Uniti non sono le uniche economie a soffrire. Il PIL si è contratto anche in India (dell’1,4%), in Sud Africa (dello 0,7%) e nel Regno Unito (dello 0,1%).

In India, le ragioni principali del rallentamento sono state la minore spesa pubblica e il commercio netto (esportazioni meno importazioni), mentre in Sud Africa la ripresa economica degli ultimi due trimestri è stata minata da gravi inondazioni in una grande provincia industriale.

Anche la crescita ha rallentato, ma è rimasta positiva, in Arabia Saudita (2,2%), Indonesia (1,0%), Messico (0,9%) e Germania (0,1%).

Nonostante la contrazione del PIL nel G20 nel suo insieme, Australia, Brasile, Italia, Giappone, Corea e Turchia hanno registrato nel secondo trimestre del 2022 una crescita più forte rispetto al trimestre precedente. La crescita in Turchia (2,1% nel secondo trimestre 2022, rispetto allo 0,7% nel primo trimestre 2022) è stata supportata da un marcato aumento dei consumi privati.

In Francia, il PIL è aumentato dello 0,5% nel secondo trimestre del 2022 dopo una contrazione dello 0,2% nel trimestre precedente, mentre la crescita in Canada è rimasta stabile allo 0,8%.

Dal canto suo, la crescita del PIL spagnolo ha raggiunto l’1,1% nel secondo trimestre, uno dei più alti dell’Eurozona (0,8%) grazie al forte consolidamento dall’inizio della campagna turistica.