Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Il metabolismo sarebbe una rivoluzione”

Notizie correlate

Paola Villares (Lione, 1976) È di famiglia delle Asturie, anche se è nata a Lione a causa dell’esodo del padre. Il destino decide, senza dubbio, alcune parti della biografia, ma non altre: in famiglia lo dicono “Quando avevo due anni volevo fare il medico”.

Villares descrive i suoi primi incontri con la medicina: “Quando mi sono iscritta ai campi per essere la prima a indossare il primo soccorso: Molti anni fa ero già il gabinetto di medicina umana. Ed ero anche un volontario prima del college… È un lavoro totalmente professionale! “

Da dove viene questa chiamata anticipata? “Non perché un parente si sia ammalato. Ho avuto un’infanzia molto felice, la mia famiglia unita e nessun parente medico, ma mi è sempre sembrato che fosse una professione che ti aiutasse a prenderti cura dell’altro”.

Dott.ssa Paola Villares.

Il Direttore del Dipartimento di Medicina Interna presso HM Sanchinarro Per cinque anni – dopo più di quindici anni di singolare affinità in questo gruppo di ospedali universitari – è stata una lavoratrice instancabile, e una delle grandi esperte di medicina interna del nostro Paese, «la specialità che, se non può curarla, può abbi sempre cura».

Cos’è la medicina interna? “Beh, fin dall’inizio questo dovrebbe essere chiarito Un internista non è un medico di famiglia. La medicina interna comprende lo studio completo del corpo umano e la relazione tra tutti i sistemi. È una specialità universale che include l’essere umano nel suo insieme ed è un’entità diagnostica e terapeutica”.

Per lei, donna premurosa, La sofferenza è uguale a ricchi e poveriNon c’è bisogno di discriminare nel trattamento, tutti i tuoi pazienti sono i tuoi preferiti, come ho detto. Senza dubbio, ciò che più affligge una persona è che sta attraversando una malattia che ti impedisce di condurre la tua vita normale: come internista puoi sempre dare qualcosa».

“Ci ammaliamo molte volte a causa di malattie legate a ciò che mangiamo”

Nei suoi anni da studente all’Università Autonoma, ricorda, “un ambiente molto esigente, quindi direi che è stato il primo colpo per rafforzare la mia modestia e per prendere le mie aspirazioni fuori controllo. Sono rimasto scioccato nell’apprendere sui tumori dei bambini all’ospedale Nino Jesus e sulla sofferenza dell’infanzia, non ci contavo. Presto dovevo capire Quali risorse potrebbero esistere con un bambino o un giovane per affrontare la morte”.

READ  Scienziati italiani simulano il suolo marziano nei test del nuovo rover digitale Ulhar

Villares cita tre nomi importanti nei suoi anni formativi: “Dott. Luis Madero, Dott.ssa Carmen Suárez, quando ero uno studente, e Martinez López de Letona, insegnante per molti. Ognuno aveva la capacità di rivolgersi all’intero essere umano, con tutti i sistemi coinvolti.Era un momento in cui Completare la storia clinica e il fascicolo.

Medicina Interna

Quali sono le malattie più comuni nella tua specialità?

Cardiovascolari, infettive, tromboemboliche, cancerose e poi tutta una serie di malattie croniche.

Si può parlare di una chiave comune alla medicina interna?

Un buon internista dovrebbe essere qualcuno con molte capacità di storia medica. Pazienza nell’ascolto e capacità di integrare sintomi e segni per arrivare a una diagnosi di patologia, perché anche l’uomo è un’entità integrata, relazionale e protettiva. Devi associare sintomi e segni alle malattie. Diventa un ricercatore permanente con un background accademico molto ampio. E ovviamente il follow-up del paziente.

In che modo l’era del Covid ha cambiato questa specialità?

Il Covid è stato un modello e spero che ci porti cose buone come essere più consapevoli di affrontare tutto da una prospettiva globale di salute, cura e relazione con gli altri.

Qualche progresso recente?

diverso. La chirurgia robotica, la tecnologia applicata in medicina, è incredibile. L’approccio alla chirurgia sta cambiando a causa di ciò. Proprio come il mondo intorno ai microrganismi, ai microbi e al metabolismo, è un cambiamento che rivoluzionerà la medicina, e molte malattie saranno curate dai cambiamenti nella dieta, cioè nell’alimentazione antinfiammatoria. Continuiamo a combattere il cancro..l’approccio della medicina molecolare e la diagnosi precoce basata sullo studio genetico.

Dieta

Ciò significa che gli internisti stanno tornando sull’importanza del cibo…

Molte volte ci ammaliamo per malattie legate a ciò che mangiamo. Abbiamo bisogno di cibi freschi e naturali, non di proteine ​​malsane, ma di cibi ad alto valore nutritivo. Non lasciarti ingannare da nessun prodotto che viene pubblicizzato. Ed è importante mangiare più regolarmente, con cibi ricchi e di alta qualità.

“Per morire bene devi vivere bene, un bel finale ha molto a che fare con il modo in cui una persona vive”

Ti riferisci alla dieta mediterranea?

Per evitare i grassi saturi e seguire una dieta fresca e sana, proprio come una dieta per tutta la vita. Per i bambini, per la scuola, possiamo offrire loro yogurt, noci, frutta, evitate quello che portano queste borse stipate, e non è così complicato farlo di nuovo meglio…

READ  Calendario astronomico per il 4 ottobre

Qual è il ruolo di una dieta antinfiammatoria?

Nei pazienti che sviluppano malattie come cancro, reumatismi… l’analisi può essere del tutto normale, ma il processo che porta ad essa può essere molto utile per bilanciare i probiotici. Ora abbiamo un progetto interno che confermerà che la preferenza dei pazienti per il meccanismo dei probiotici aiuta con alcune malattie e previene le malattie.

Gli integratori alimentari sono consigliati?

Non stiamo parlando di integratori alimentari ma di cosa mangiamo e, soprattutto, cosa dovremmo mangiare. Un questionario sulla qualità della vita del paziente è essenziale. La nutrizione antinfiammatoria e probiotica non è solo in forma di capsule, ma anche attraverso le materie prime, gli alimenti che mangi come frutta e verdura, e anche carne e pesce sono sani. Forse prenderemo degli integratori… e con lo yogurt di kefir e chia ci servirà bene.

C’è il Supercibi?

Stiamo iniziando a scoprire che esistono alimenti con proprietà speciali come lo zenzero o la curcuma. Durante la pandemia, la cultura asiatica e latinoamericana ci ha insegnato molto, poiché in queste due aree si consumano molti prodotti naturali. In generale, non tutto è vero e non tutti si sentono uguali, questo è ovvio. Nell’epidemia, c’erano persone che leggevano male le reti, bevevano candeggina e morivano per disinformazione. Mangiando molte alghe si possono avere problemi alla tiroide. Le informazioni sui siti web possono essere pericolose, devi avere conoscenza del cibo, ma davvero, e per ogni caso specifico.

Piramide alimentare antinfiammatoria.

Piramide alimentare antinfiammatoria.

Diagnosi

Come si può fare una diagnosi sbagliata?

Quando sei un medico più giovane, probabilmente sei più severo nella diagnosi. Una diagnosi può essere una notizia devastante, devi sapere com’è il paziente, non dovresti mai iniziare a parlare della prognosi, se non lo chiedi, per esempio.

Qual è secondo te la chiave per morire bene?

Per morire bene devi vivere bene, un bel finale ha molto a che fare con il modo in cui una persona vive. E non sto parlando di non soffrire. Ci sono persone che hanno sofferto molte sofferenze ma sono state felici e hanno capito che la vita è temporanea e che un giorno finirà. Poi c’è bisogno di affrontare il tema della morte, di confrontarlo con il tempo: quella fine è l’unica cosa che abbiamo di sicuro ed è l’argomento di cui si parla meno.

READ  La Jornada - In una cerimonia virtuale, l'Italia è tornata in Messico 23 reperti rubati illegalmente

Hai inserito questo argomento nella tua vita?

Parlo ai miei figli della morte dalla nascita. Penso che sia meglio farlo. Queste sono conversazioni che dovremmo evitare e che dovremmo avere.

Pensi che le credenze influenzino questo?

Il paradiso non è improvvisato. Non è polvere di stelle o l’eternità che cade quando sei in prima elementare. Vivi per guadagnarti tutto. Andiamo veloci. Mia nonna diceva: “Anche chi vuole andare in paradiso non vuole morire”. C’è sempre questa paura di non sapere. Ma la morte è diversa per persone diverse a seconda delle loro convinzioni e della loro preparazione per quel momento.

“Quando non può essere curato, può essere curato. Ma dobbiamo fare uno sforzo per restituire un puro sentimento di gioia”

Stai dicendo che ci sono più persone che non vogliono morire o che lo fanno quando arriva il loro momento?

Per coloro che si sono avvicinati alla morte in giovane età, la sofferenza è maggiore per loro e per le loro famiglie. Ma dipende molto, una popolazione molto numerosa accetta completamente la sua morte.

Quali sono le domande più frequenti che si sentono alla fine della vita?

Quanto tempo mi resta da vivere? Come sarà la mia fine? farai male? Qual è la probabilità della mia morte? Ci sono anche molte persone che non fanno domande. O qualcuno che chiede qualcosa ogni giorno come cosa c’è da mangiare. Spesso la testa si rivolge a domande di questo tipo.

Non interessa anche le questioni in sospeso?

Sì, è importante identificare le cose che li preoccupano e ciò che hanno in sospeso, in particolare ciò che può essere riparato. Victoria Priego una volta mi ha detto con incredibile chiarezza: “Posso morire, perché non devo la vita”.

Hai avuto un brutto momento nella tua carriera?

Quando ho iniziato a sentirmi frustrato perché non riuscivo a curare molte cose. Lavoro molte ore e non tratto molte persone. Almeno posso provare ad aiutarli e ad accompagnarli. Tuttavia, quando non può essere curato, può essere curato. Ma dobbiamo sforzarci di ripristinare il puro sentimento di gioia. La vita è un bene prezioso, vivere nonostante la malattia e la sofferenza è un vero privilegio.