Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Prospettive, secondo il dottor Edgardo Chuila «Diario La Capital de Mar del Plata

Di Ezequiel Mario Martinez

L’intelligenza artificiale (AI) fa parte della nostra vita quotidiana. In modi che a volte non ci rendiamo conto.

In medicina, l’intelligenza artificiale ha un enorme impatto che crescerà in modo esponenziale nei prossimi anni Sotto forma di apparecchiature di vario tipo che consentono lo sviluppo di proposte diagnostiche, prognostiche e terapeutiche, o tutte insieme, per un caso clinico particolare.

Tutte le specialità mediche in cui l’immagine è di fondamentale importanza – quali radiologia, dermatologia e oftalmologia -, Quelli che gestiscono grandi quantità di dati – Come la salute pubblica – E quelli che hanno bisogno di interazione in tempo reale Come l’educazione medica, Sarai influenzato dall’intelligenza artificiale.

Ma questo effetto sulla pratica medica è associato a un’enorme quantità di conseguenze legali etiche e mediche, Ciò influenzerà lo stato di carriera dei medici.

però, Non è stata ancora attuata una didattica adeguata – Formazione universitaria e post-laurea – Intelligenza artificialeche consente agli utenti medici di conoscere la validità e i rischi delle informazioni che genera, oltre a quelle fornite dai fornitori di apparecchiature.

Il futuro dell’intelligenza artificiale in medicina è promettente, come dimostrano gli investimenti multimilionari effettuati ogni anno dalle aziende digitali per sviluppare applicazioni di ogni tipo per vari aspetti del settore sanitario.

Nel libro Intelligenza Artificiale in Medicina (luogo di pubblicazione) d. Edgardo Chuila Fornisce un’introduzione di base all’argomento, da un punto di vista medico, e fornisce una panoramica dei possibili sviluppi e applicazioni nelle varie discipline della medicina.

Chuhuila ora Professore di Dermatologia, Facoltà di Medicina, Università di Buenos Aires (UBA). Era Capo del Dipartimento di Dermatologia, poi Capo del Dipartimento di Medicina di Cosme Argerich مستشفى. È membro a pieno titolo delle Società Scientifiche dell’Argentina e dell’Accademia di Dermatologia del Nord America. Ha pubblicato numerosi articoli specialistici su riviste scientifiche nazionali ed estere. Ha inoltre condotto corsi, tenuto conferenze e presieduto conferenze internazionali di dermatologia. È stato membro dell’Academic Board dell’UBA College of Medicine dal College of Professors.

READ  Cos'è un'isterectomia, l'intervento che Christina Kirchner farà giovedì al sanatorio di Otamendi

Come funziona e come si integra l’intelligenza artificiale nella medicina?

L’intelligenza artificiale ha la capacità di raccogliere un’enorme quantità di dati, molto più di quanto un medico potrebbe includere nella sua vita. Questi dati porteranno a calcoli e probabilità da algoritmi di intelligenza artificiale basati su una particolare diagnosi, diagnosi o proposta di trattamento. Si tratta di molte più informazioni di quelle che un medico può ottenere leggendo articoli scientifici nel corso della sua carriera. Questi dati vengono riciclati molte volte, in quantità maggiori, perché raccolgono statistiche, dati sui pazienti e così facendo crea un “pool di informazioni” che chiamiamo big data. Da lì, queste informazioni vengono presentate al medico che curerà il paziente.

Esiste un nuovo linguaggio che porta l’intelligenza artificiale?

Il clinico deve sapere cosa l’IA può e non può fare per lui e quali sono i limiti e la portata. Anche fidarsi dell’infallibilità di uno strumento può essere un errore. Ci sono una serie di situazioni che si presentano in relazione all’intelligenza artificiale; Ad esempio, la diagnostica. Radiografia per diagnosticare un cancro ai polmoni che non può essere visto chiaramente. In questo caso, chi è il responsabile ultimo della determinazione della diagnosi? Intelligenza artificiale o dottore? C’è un conflitto là fuori che deve essere chiarito. Al momento il responsabile è il medico, ma domani potrebbe essere diverso, non lo sappiamo. Al giorno d’oggi gran parte delle informazioni che un medico raccoglie proviene dai sistemi diagnostici, non è il prodotto della sua esperienza personale e delle informazioni che i pazienti portano nei loro corpi. La mia generazione faceva esami clinici approfonditi, ma al giorno d’oggi ho preso tutte le informazioni incrociate tra laboratori, radiologia e analisi delle immagini sul sedile posteriore, semplicemente perché una TAC è più informativa e accurata su ciò che un paziente ha rispetto cosa si può ottenere • Fornire un’esperienza medico-paziente di prima mano.

READ  Star Wars: Questa è l'architettura della saga

Qual è la differenza tra gli strumenti digitali in medicina e l’intelligenza artificiale?

Squadre significa semplicemente che una persona ha informazioni sulla squadra da un numero mostrato sullo schermo. L’intelligenza artificiale è una sorta di analisi delle informazioni attuali in relazione alle informazioni provenienti da migliaia e migliaia di casi passati. Il fatto che i numeri appaiano nel sistema diagnostico non significa necessariamente che si tratti di intelligenza artificiale. L’intelligenza artificiale è l’algoritmo alla base dell’analisi delle informazioni. Chi valuta e interpreta queste informazioni è sempre un professionista. Il medico sarà sempre responsabile, almeno per questo quadro giuridico di cui disponiamo attualmente. Il problema è che le grandi aziende, come Amazon o Google, possono sostituire sistemi medici sempre più centralizzati. Ci saranno cambiamenti in futuro, vista l’economia e la crescita di queste aziende. Non è un caso che Amazon offra una gamma di servizi sempre più ampia; Un’azienda che ha sviluppato molti prodotti e servizi: dalla piattaforma libreria, attraverso il reparto acquisti alimentari, il servizio farmacia, e ora sta sviluppando – in un certo senso – supporto diagnostico clinico, tra gli altri servizi.

– Quanto siamo vicini o lontani in Argentina all’attuazione di questo tipo di sviluppo?

– Non siamo né più vicini né più lontani del resto dei paesi, perché in realtà questo è sempre associato a una squadra combinata. Il cellulare è già dotato di intelligenza artificiale; Se vuoi ascoltare Spotify, avrai una sorta di intelligenza artificiale che analizzerà il tuo gusto e darà alcuni suggerimenti al riguardo. Se vuoi acquistare qualcosa anche in Mercado Libre, apparirà più o meno lo stesso, un profilo dei tuoi interessi basato sui tuoi acquisti. Insomma, ogni sistema tecnologico ha alle spalle un’IA, che sia con maggiore o minore qualità di analisi e verifica.

READ  'E' un esercizio necessario': Garcia Velches difende le 'bugie della settimana'