Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Kosovo rinvia le nuove regole di confine per ridurre la tensione con la Serbia

Foto d’archivio dei membri della forza NATO in Kosovo, KFOR (Reuters/Laura Hosni)

Nella tarda giornata di domenica, il governo del Kosovo ha ritardato l’attuazione delle nuove regole di frontiera che hanno sollevato tensioni nel nord del Paese, dove I serbi hanno bloccato le strade e aggressori non identificati hanno sparato sulla polizia.

La polizia ha chiuso due valichi di frontiera con la Serbia domenica dopo l’incidente, in cui nessuno è rimasto ferito, secondo una dichiarazione della polizia.

Il Kosovo ha dichiarato l’indipendenza dalla Serbia nel 2008, ma i serbi, che costituiscono la maggioranza nella regione settentrionale, non riconoscono l’autorità di Pristina. Rimangono politicamente fedeli alla Serbia, che continua a fornire loro sostegno finanziario.

Le ultime tensioni sono arrivate dopo che Pristina ha affermato che da lunedì le persone che entrano in Kosovo con documenti di identità serbi dovranno sostituirli con uno temporaneo mentre si trovano nel Paese. Il governo ha anche affermato che i serbi con targhe automobilistiche serbe avrebbero dovuto sostituirle con targhe kosovare entro due mesi.

Il primo ministro Albin Kurti ha affermato domenica che questa è una misura reciproca, perché Belgrado ha richiesto lo stesso per i cittadini kosovari che entrano in Serbia.

Il Kosovo ha chiuso il confine con la Serbia

Ma, Dopo l’incontro con l’ambasciatore degli Stati Uniti in Kosovo, Jeffrey Hoevener, che ha detto ai giornalisti di aver chiesto a Pristina di ritardare di 30 giorni l’attuazione del nuovo sistema, il governo ha promesso di farlo.

Lo ha affermato il governo in una nota L’attuazione delle due decisioni sarà posticipata al 1 settembre, con l’obiettivo di “rimuovere tutte le barriere e stabilire la completa libertà di movimento” lunedì.

READ  Il conflitto tra Russia e Ucraina minuto per minuto | Mosca conferma che le sue forze stanno avanzando nel Donbass

Capo della politica estera dell’Unione EuropeaJosep Borrell ha accolto favorevolmente la decisione di Pristina su Twitter e ha affermato di sperare che “tutte le barriere vengano rimosse immediatamente”.

Centinaia di serbi domenica sera hanno fermato camion, autocisterne e altri veicoli pesanti sulle strade che portano agli incroci di Yarinci e Prancak con la Serbia, bloccando il traffico, ha detto un corrispondente dell’Afp.

Il Kosovo ha chiuso il confine con la Serbia

Grandi folle di serbi locali si sono radunati attorno alle barricate, intenti a rimanere lì.

“L’atmosfera ha raggiunto un punto di ebollizione”, ha detto il presidente serbo Aleksandar Vucic nelle prime ore di domenica mattina, avvertendo che “la Serbia vincerà” se i serbi verranno attaccati.

Il Kosovo ha chiuso il confine con la Serbia

Kurti Vucic è accusato di incitamento alla “rivolta”.

Le forze di pace della missione “KFOR” a guida NATO hanno descritto in una dichiarazione la situazione della sicurezza nel nord del Kosovo come tesa.

L’ultima grande tensione nella regione si è verificata a settembre, quando centinaia di serbi hanno organizzato proteste quotidiane e bloccato il traffico a due valichi di frontiera. “La missione di Kfour” (KFOR) È guidato dalla NATO, che vigila da vicino e pronto a intervenire se la stabilità è minacciata in conformità con il suo mandato ai sensi della risoluzione 1244 del 1999 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite”.

Il Kosovo è già riconosciuto da un centinaio di paesi, compresi gli Stati Uniti e la maggior parte dell’Unione Europea, ma la Serbia si rifiuta di farlo.

Continuare a leggere: