Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

miracolo? Al di là della ripresa economica del Venezuela nel mezzo della crisi globale

Bogoto: La notizia ha colpito dentro e fuori il Venezuela: Il primo semestre si è concluso con l’a Crescita del PIL del 12,3%.. Dopo nove anni di inferno economico, preceduti da dieci anni di scomparsa dal socialismo di Hugo Chávez nel ventunesimo secolo, sembrava Sanificazione e recuperosoprattutto perché la stima proviene da un organismo indipendente, l’Osservatorio finanziario venezuelano (OVF).

Come per miracolo, nel bel mezzo della grande crisi mondiale, del martello dell’inflazione e dell’invasione dell’Ucraina, i numeri macroeconomici sembrano essere accompagnati dalle continue manovre di vittoria. Nicola MaduroSostenuto da Aumento della produzione di petrolio, aumento della spesa pubblica e fine dell’iperinflazione.

La realtà, come sempre in Venezuela, è molto diversa. Il primo ad accorgersene è stato l’economista e deputato dell’opposizione Jose Guerra, parte dell’OVF. “Il razzo di crescita economica che Maduro ha detto non era altro che un semplice trachea (piccoli petardi) Bagnato. La crescita c’è ma è debole e tra il 2012 e il 2022 l’economia ha perso il 79% del suo volumeha avvertito l’esperto, che ha lavorato anche per la Banca centrale del Venezuela.

Le previsioni per il 2022 sono queste L’economia venezuelana crescerà tra il 5% e l’8%ma lo farà raramente in diversi settori e, soprattutto, sarà difficile da mantenere nel tempo.

“Per riprendersi da un calo di circa l’80%, non devi crescere dell’80%, a quanto pare. Devi raggiungere una crescita cumulativa del 400% per passare di nuovo da 20 a 100, cosa che richiederà molti anni”Avvisare Nazione L’economista José Cordero.

E tutto questo per tornare ai livelli del 2013 quando Maduro assunse la presidenza del petro-Stato. Ovviamente ora c’è una leggera crescita, ma non è nulla in confronto alla tragedia che ha generato la cattiva gestione. Con il prezzo del petrolio che raggiunge i 100 dollari al barile, è normale che ci sia una leggera crescita nell’economia venezuelana, che dipende molto dal petrolio, anche se hanno distrutto anche questa industria”, dice Cordero, sapendolo prima di raggiungere il ” comandante in capo” del palazzo. Miraflores, Petroleos de Venezuela (PDVSA) Prodotto Tre milioni di barili di oro nero, quando ora sono un sesto, sono poco più di mezzo milione di barili secondo varie fonti.

La guerra in Ucraina ha favorito le entrate della compagnia petrolifera statale PDVSAReuters

“L’altro fattore che ha aiutato l’economia venezuelana è flessibilità di scambio, che il dollaro potesse essere utilizzato, cosa che prima non solo era vietata, ma anche punita. “Non è una dollarizzazione ufficiale, perché i proventi non sono inclusi, il che è più importante”, afferma Cordero, uno dei grandi esperti coinvolti nel processo di dollarizzazione in Ecuador.

READ  In Israele, l'uso di maschere da esterno non è più obbligatorio e tutte le scuole hanno riaperto

“Se si confronta il punto critico per l’economia nel 2018, Non c’è dubbio che l’economia venezuelana ha ritrovato forza e stabilità. Ma è lontano dal punto di partenza. È necessario risolvere le infrastrutture e il petrolio per salvare i territori perduti”, conclude Luis Vicente Leon, responsabile di Datanalisis.

“C’è crescita, non si nega, ma Non raggiunge tutti: non interessa tutti i settori e non raggiunge l’intera regione“, spiega Asdrúbal Oliveros, Direttore di EcoAnalítica. Oliveros sottolinea che il paese non deve affrontare un miraggio, ma questa crescita irregolare è dovuta al fatto che quasi la metà della popolazione non beneficia del “miglioramento” economico perché i loro salari sono precari e quindi non hanno accesso al mercato.

La disuguaglianza che fa notare Oliveros è anche geografica: non ha niente a che vedere con Caracas e le sue famose bolle economiche, quelle dei casinò, delle nature morte di lusso, delle Ferrari, con l’interno del paese.

Sul tavolo c’è il grande dibattito sul rilancio dell’economia venezuelana, in contrasto con la crisi globale. I più ottimisti o vicini al potere affermano di vedere il bicchiere mezzo pieno, mentre la stragrande maggioranza vede solo poche gocce nel bicchiere vuoto.

Il Venezuela sta progredendo nel processo di trasformazione economica, dove il principale protagonista è il popolo. Ha riscoperto se stesso dopo essere stato sottoposto alle più dure punizioni., “Victory Driver” è stato giustificato in una chiamata televisiva. Il ruolo svolto nel 2018 con l’imposizione delle misure di liberalizzazione ha beneficiato anche dello slancio della società e di questo tipo di dollarizzazione de facto per uscire dal pantano tra le continue interruzioni di corrente, la carenza di cibo, la carenza di carburante e l’esodo di massa dei venezuelani.

READ  Solo un miracolo la salverà.

Per superare l’ottimismo del governo, lo ha confermato il vicepresidente Dele Rodriguez Il commercio nazionale è cresciuto di oltre l’86% e tra gennaio e marzo sono stati ricevuti $ 147 milioni di esportazioni.

Che cosa dipende allora dal fatto che questo miglioramento minimo continui quest’anno o svanisca nel mezzo della crisi internazionale? Leon è chiaro su questo: “Sebbene le prospettive del PIL rimangano positive, la sua varianza è molto alta, anche con una massiccia crescita a doppia cifra se le licenze petrolifere verranno approvate. L’alleggerimento del prezzo del petrolio è un’altra emergenza, sia internazionale che nazionale, nel mezzo di un crisi energetica globale”.

Si stima che l'economia venezuelana crescerà quest'anno tra il 5% e l'8%
Si stima che l’economia venezuelana crescerà quest’anno tra il 5% e l’8%Mathias Delacroix – AFP

digitare Trattative tra Washington e Caracasiniziata a marzo a pochi giorni dall’invasione russa dell’Ucraina. I due governi hanno autorizzato la multinazionale americana Chevron e PDVSA a discutere di licenze petrolifere, dopo essere stati paralizzati dalle sanzioni contro la dittatura chavista.

Queste trattative sono il fattore principale per salvare l’attività economica nel Paese e aprire la possibilità di tornare al mercato petrolifero ufficiale. “Spero che arrivino a un buon finale, perché l’altro scenario è devastante”, afferma Luis Vicente Leon.

Anche le rimesse dall’estero possono aumentare il vento in poppa. Calcoli EcoAnalytics Recupero del 35% dopo l’epidemia, il che significa circa 2,5 miliardi di dollari Provengono da sette milioni di immigrati sparsi per il mondo.