Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il governo ha nel mirino $ 4.300 milioni | Trattativa con il FMI: tensione, ma va bene

Prima della scadenza di marzo, impossibile da raggiungere con il livello di riserve che esisterà in quel momento, il governo spera di chiudere l’accordo con il FMI. Non considera la richiesta di posticipo dei pagamenti o l’entrata in uno stato di default. L’accordo dovrebbe essere in estate. Il punto che genera più aspettative nei negoziati sul gabinetto economico è il rimborso dei 4,3 miliardi di dollari che lo Stato avrebbe pagato all’organizzazione fino a quel momento. Questo è il DSP che lo stesso Fondo Monetario Internazionale ha inviato in Argentina lo scorso agosto per il suo capitale internazionale a causa della pandemia. Fonti ufficiali affermano che la firma dell’accordo attiverà la restituzione di quelle risorse, che saranno importanti per dare continuità alla ripresa economica quest’anno.

L’accordo di agevolazione estesa, per dieci anni, non impone prerequisiti per la svalutazione o riforme strutturali come l’occupazione o la pensione.. Supporta anche l’opinione del governo secondo cui l’inflazione è multi-causata e che gli accordi sui prezzi sono necessari per ancorare le aspettative, nonché per mantenere le regole sui cambi e il movimento dei capitali. Sono differenze fondamentali rispetto alla posizione assunta dal Fondo monetario internazionale quando ha deciso di dare a Mauricio Macri 45 miliardi di dollari in un’unica firma. Soprattutto stando attento ad evitare la fuga di valuta che in questo caso tollera senza dire una parola mentre gli speculatori finanziari li portano via finché non lasciano qualcosa.

Ecco dove vanno a finire le coincidenze che il governo considera positive dopo due anni di discussioni con il Fmi.. Il fatto che sia passato così tanto tempo e che permangano differenze importanti, come ha riconosciuto questa settimana Martin Guzman, mostra, da un lato, la portata del problema che Juntos por el Cambio ha lasciato in eredità, nonché le difficoltà che sorgono quando cercando di difendere l’interesse nazionale. Ma è anche evidente che l’aspettativa iniziale di formare una massa critica con personaggi come Papa Francesco, premi Nobel come Joseph Stiglitz e il sostegno internazionale di vari governi, nonché il nuovo orientamento del Fondo Monetario Internazionale con Kristalina Georgieva, era non abbastanza per bilanciare il potere che rappresenta: gli Stati Uniti ei suoi interessi geopolitici.

READ  Conmoción en Marruecos: rescataron muerto al niño que cayó a un pozo de 32 metros

David Lipton, l’attuale principale consigliere del Tesoro degli Stati Uniti, è lo stesso che ha svolto un ruolo di primo piano nel fornire credito politico a Macri per la sua rielezione. È responsabile del rifiuto del suo paese della recente autocritica del FMI su come gli ha dato questo prestito, che lo ha incriminato, e della mancanza di flessibilità riguardo agli obiettivi finanziari che l’Argentina dovrebbe raggiungere nei prossimi anni con un nuovo piano. convenzione con l’agenzia.

Gli Stati Uniti hanno potere di veto nel FMI ed è stato un ostacolo per altri obiettivi fissati dal governo, come l’eliminazione di ulteriori commissioni sugli interessi che comportano un costo aggiuntivo di $ 1 miliardo all’anno. L’Argentina ha ricevuto un annuncio dal G-20 a favore della revisione di questi pagamenti aggiuntivi, ma l’iniziativa non ha funzionato all’interno del fondo a causa dei freni imposti dagli Stati Uniti. In altre parole, il paese che ha ordinato a Macri di dare a Macri 45 miliardi di dollari, di gran lunga superiori a quanto l’Argentina potrebbe permettersi di indebitarsi con il FMI, è ora riluttante a revocare questa sanzione nel nuovo accordo.

Le divergenze sul tema della finanza pubblica, con le richieste del Fondo di aggiustamento della spesa pubblica che il governo ha affermato di non essere pronto a dimostrare di non essere corretto, cercheranno di risparmiare aumentando i finanziamenti di tesoreria nel mercato dei capitali domestico.

Nel 2021, il deficit fiscale è stato coperto del 65 percento con contributi della banca centrale e del 35 percento dal mercato., dettaglia a tal proposito l’ultimo rapporto della Fondazione per la Ricerca sullo Sviluppo (FIDE), guidata dal capo dell’AFIP, Mercedes Marco del Pont. E aggiunge: “Sebbene il finanziamento dal mercato non sia di per sé una valida fonte di finanziamento per il settore pubblico, ciò che accade con esso è importante nell’ambito della discussione sull’accordo con il Fondo monetario internazionale”. D’altro canto, il disavanzo fiscale iniziale dello scorso anno è stato inferiore alle attese. “Si trattava di circa 2,9 punti di PIL”, prevede la FIDE, anche grazie al contributo DSP, quando l’obiettivo fissato nel budget 2021 era del 4,3 per cento. Nel 2020 il deficit è stato del 6,4%.

READ  Joe Biden dice che vuole condurre la vaccinazione in ...

Il governo lo presenta come un segno che è possibile ridurre il disavanzo all’aumentare del reddito, come risultato dell’aumento dell’attività economica. Il Consiglio economico dei ministri propone alternative al Fondo, e si rende conto che le differenze sono persistenti e importanti, La decisione politica sarà quella di premere il più possibile e l’approvazione finale. Guzmán ha accettato nella presentazione davanti ai giudici che il massimo a cui possiamo aspirare in questo momento è “un buon accordo in termini relativi, che permetta di fare un passo avanti per continuare il percorso di recupero e di avere più tempo per risolvere il problema di grave problema del debito”. Ha continuato: “In termini assoluti, non c’è un buon affare, perché il mondo non ha opzioni che consentano una creazione del profilo più uniforme e distribuita al momento del pagamento”.

I termini per la chiusura delle trattative sono determinati dalle seguenti scadenze del debito con i creditori privati ​​e con l’ente stesso. Lunedì prossimo la banca centrale dovrà sborsare 693 milioni di dollari per il primo interesse. Il 28 gennaio saranno 715 milioni per la scadenza del capitale del FMI. A febbraio, i pagamenti totali al fondo e ad altre organizzazioni sono stati pari a 380 milioni. Infine, a marzo, sono previsti pagamenti per circa 2.900 milioni di dollari al Fondo monetario internazionale e 2.100 milioni di dollari al Club di Parigi.

“Le scadenze del debito di gennaio e febbraio possono essere soddisfatte con le riserve della banca centrale. Non così per gli impegni che iniziano a marzo e si accumulano per tutto il 2022. Con il Fondo Monetario Internazionale che ammonta a 18.900 milioni di dollari”, afferma il rapporto della FIDE. Soddisfare questi pagamenti equivarrebbe a destinare a questo scopo il 30 per cento delle esportazioni totali, il che è impossibile.

READ  Vladimir Putin tiene in mano la temperatura dell'Europa: cosa accadrà quando il gas sparirà

“La proposta argentina suggerisce un consolidamento fiscale graduale, una politica monetaria meno espansiva (riduzione del finanziamento del Tesoro da parte della banca centrale e tassi di interesse reali positivi), un approccio multicausale al problema dell’inflazione e una gestione del settore estero con la validità del cambio e regimi di surplus commerciale per accumulare riserve. I contorni sembrano accettabili per tutti i membri della coalizione di governo. , perché non significa lasciare alcuna bandiera storica sulla strada”, riassume la posizione ufficiale del documento.

È il compito dei prossimi due mesi.