Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Brasile: aumentano le possibilità di Lula di vincere il primo turno di domenica | La campagna elettorale entra nella fase finale

da San Paolo

Il Brasile respira tre scenari elettorali contemporaneamente. Il Sondaggi di opinione che danno a Lula una vittoria il più possibile Al primo turno ha guadagnato terreno. La visione opposta di loro, promossa dal presidente Bolsonaro, si basa su una maggioranza fittizia del 60 per cento che lo accompagna, dice. finalmenteil punto di vista cauto e cauto della gente comune, che non osa prevedere l’esito delle elezioni di domenica e presume che tutto si deciderà al secondo turno. Almeno questo si vede in questa città, la capitale dello stato più popolosa e centro nevralgico del paese. Sensazione di un visitatore nuovo arrivato.

Spettacolo Bolsonaro

Questi atteggiamenti possono contrastare con le dichiarazioni di prima lettura nei media. Tutto – non solo le indagini – punta ad esso L’esercito di estrema destra arriva di corsa da dietro. Il suo comportamento lo spoglia. Le cataratte per attacchi al sistema elettorale sono diventate un classico. Crescenti rimostranze contro il suo principale avversario e il Partito Laburista, una forza che è diventata un incubo per lui. Ma oltre a ciò, la sua voglia di vincere la strada convogli motociclistici a cascata Che includeva ieri un raid attraverso Santos, situato a 80 chilometri di distanza, e una visita al Neymar Jr. Charitable Institute del famoso calciatore. Lula, invece, è ricorso alla preparazione del dibattito con i candidati previsto per giovedì sera e nelle riunioni elettorali. Dopo così tanti atti di massa in tutto il Brasile, non sembra aver bisogno di riaffermare il suo potere di predicazione. Si è concentrato sull’ottenere oltre il 50 percento per evitare il sondaggio.

READ  Il governo prepara il decreto per consentire l'accesso ai vaccini Pfizer, Moderna e Janssen

Le indagini che hanno acquisito maggior peso e penetrazione dell’audience sono quelle dell’Ipec – l’ex Ibope – che il Gruppo Globo ha appaltato. Nei primi cinque stati brasiliani, offrono un briciolo di buone aspettative per la vittoria di Lula di oltre il 50 percento domenica 2 ottobre. Dal paese nel suo insieme, il totale dei voti validi mostra il 52 per cento contro il 34 di Bolsonaro. I dati corrispondono a un campione dal 25 al 26 di questo mese.

Regioni

San Paolo, il principale collegio elettorale brasiliano, dà a Lula tra il 43 e il 44 percento e il suo principale rivale il 33 percento, Una percentuale a cui non poteva sottrarsi se si considerava la precedente indagine Ipec. Fernando Haddad, l’ex candidato presidenziale del Partito Laburista nel 2018, è anche leader nella regione, anche se si candiderà a governatore. Ha battuto il candidato di Bolsonaro e ufficiale militare in pensione del distretto di ingegneria, Tarcisio Gómez de Freitas, di 10 punti percentuali nei sondaggi elettorali.

A Rio de Janeiro, il leader del PT oscilla tra il 41 e il 42 percento e il PL rimane intorno al 36 percento. A Minas Gerais, Lula è cresciuta dal 46 al 49 percento e Bolsonaro è in svantaggio del 31 percento. Secondo Globo Consultant. La situazione è più difficile Nel Rio Grande do Sul, dove l’ex presidente mantiene la sua intenzione di votare con il 41 per cento contro il 37 per cento dell’attuale presidente. Il risultato è stato molto diverso alle elezioni del 2018. Il militare che ha assolto la dittatura (1964-1985) ha ricevuto 63,24 voti e ha pianto il 36,76%.

READ  Almeno otto feriti in un attacco terroristico a pochi metri dal Muro Occidentale di Gerusalemme

In uno stato importante nel nord-estA Pernambuco il Partito Laburista spazzerà i voti del 64 per cento, contro Bolsonaro dal 22 al 23 per cento. Brasilia, il Distretto Federale, è una delle poche regioni in cui predomina il partito al governo e ha persino aumentato il divario nella corsa alla presidenza. Bolsonaro è cresciuto dal 39 al 46 percento e Lula ha oscillato tra il 32 e il 34 percento.

Conferme

In questi giorni in cui tutto il sostegno pubblico alle candidature è valutato in carati, il sostegno che Lula ha ricevuto da vari settori chiave gli sta dando una spinta per vincere le elezioni di domenica. 2 ex giudici del Tribunale federale (STF) as Nelson Jobim – lo ha spiegato l’ultima volta ieri – e Celso de Mello Hanno annunciato il loro voto per il principale riferimento del Partito Laburista al primo turno e si sono uniti alle testimonianze Gioacchino Barbosa S Carlos Veloso. “Bolsonaro non ha lo status presidenziale, ha un alto coefficiente di medio livello che ha distrutto il rispetto politico”, ha detto de Mello, che è stato presidente dell’STF dal 1997 al 1999.

Ma è qui che Lola interviene per stabilirsi nel mondo degli affari. Il Gruppo Ambasciatori del Brasile che si incontra da luglio 2022, martedì sera 27 ha cenato con un candidato laburista nel distretto di Morumbi. Centinaia di suoi membri si sono riuniti – secondo i media locali – a casa di Joao Camargo, della logistica e delle comunicazioni. Tra gli uomini d’affari c’erano molti simpatizzanti di Bolsonaro. Infine, gli imprenditori cercano le previsioni legali e la garanzia dei loro profitti. Ascoltali attentamente. anche Ha chiesto il suo sostegno nella lotta globale contro la fame e la miseria.

READ  Ospedali di Hong Kong, in 'modalità guerra' dal Covid-19: curare i pazienti per strada

Questa volta l’attuale presidente non si è concentrato sulla borghesia di San Paolo e ha preferito viaggiare lungo la costa del mare intorno a Santos. I suoi sostenitori si sono messi al lavoro per lui e hanno eliminato quasi tutti i seggi elettorali, anche quelli che ha inserito al secondo turno. Promettendo che “dopo la rielezione tutto andrà meglio”, ha incoraggiato il suo gregge gridando “non torneranno, perché vinceremo il primo turno” e ha ripetuto le sue barricate contro “l’ideologia di genere”. “. Un Bolsonaro autentico ma messo alle strette affronterà ancora una volta Lula e gli altri candidati alla presidenza a Rio de Janeiro oggi. Molto diverso nella sua presa di posizione sui dibattiti del 2018 dove non ha mostrato la sua faccia. Sapeva che i sondaggi d’opinione gli davano la vittoria dopo la pugnalata a un comizio a Juiz de Fora, Minas Gerais. Sondaggi che ora sono esclusi.

[email protected]