Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I partner europei e asiatici del FMI chiedono “accordo rapido” e “riforme strutturali”

Il caso, secondo un rappresentante di Vecchio ContinenteSempre presente nelle conversazioni sempre più frequenti e negli incontri privati. Tanto più in questi tempi, quando le definizioni sono in trattativa governo con il Fondo Monetario Internazionale (FMI) Sembra avvicinarsi.

Come gli Stati Uniti, che si aspettano nei prossimi giorni Sbarco a Buenos Aires Il tuo nuovo ambasciatore Mark Stanley, nelle sedi diplomatiche dei più importanti Paesi dell’Unione Europea e dei Paesi asiatici alleati con l’Occidente nel Paese, si segue “con interesse” e “con preoccupazione” l’andamento delle trattative del governo con il Fondo Monetario Internazionale. fermento, in virtù della presentazione del ministro dell’Economia, Martin Guzman, mercoledì davanti ai governatori di Casa Rosada.

Secondo i diplomatici di sei ambasciate europee e asiatiche che ho consultato NazioneIndipendentemente dalla segretezza nell’esprimere un’opinione sulle “patate calde” come i negoziati per un accordo con il Fondo monetario internazionale, c’è consenso sul fatto che ultimo incontro Dal capo dello staff Juan Manzur il ministro dell’Interno, Eduardo de Pedro, con rappresentanti dell’Unione Europea e 18 ambasciate, vari colloqui informali e la presentazione del ministro dell’Economia, non sono riusciti a fugare tutti i dubbi. “È fondamentale che si raggiunga questo accordo, che ci sia un piano pluriennale credibile sostenuto dall’opposizione e che vengano risolti i problemi e gli ostacoli che devono affrontare le aziende del nostro Paese che vogliono investire in Argentina.“, ha spiegato un rappresentante di un’importante delegazione europea nel Paese. Su quest’ultimo punto, e secondo questa visione, nemmeno un accordo con il Fondo Monetario Internazionale può essere sufficiente per creare le condizioni ideali nelle oltre 800 aziende europee del paese, che generano circa 300.000 posti di lavoro diretti.

READ  Sono andati ad Haiti in missione di solidarietà

“Speriamo di avere politiche commerciali amichevoli qui, perché Se c’è un accordo con il Fmi e non si fa nulla per porre fine alle trappole, ai controlli e agli ostacoli burocratici, gli investimenti non arriveranno.La fonte europea ha avvertito, nello stesso senso che, nel recente passato, si sono espressi rappresentanti dell’Unione Europea e della Germania. Preoccupazioni simili sono state rivelate, secondo questo giornale, sui rappresentanti delle aziende nordamericane e giapponesi nel paese.

Gli ospiti del governo non passano inosservati. “Ci sono incongruenze generali riguardo all’adozione di alcune misure che possono essere ragionevoli e sembrano difficili da sopportare per il governo argentino, come quelle volte a ridurre il deficit fiscale”, ha convenuto con lo stesso ragionamento un’altra ambasciata Ue. Con i loro contributi rispettivamente del 5 e del 4% al FMI, Germania e Francia sono i campioni delle posizioni più dure. Va ricordato che l’Europa nel suo insieme ha una partecipazione del 25,5% nell’organismo, rispetto al 16,5% degli Stati Uniti, che a sua volta precede il Giappone, che fa parte del Gruppo dei Sette e secondo nella graduatoria mondiale per paesi. “Un paio di mesi fa c’era più ottimismo, oggi ci sono più dubbi”, ha detto uno dei vertici PRO che ha partecipato, qualche giorno fa, a un dialogo con gli stessi interlocutori diplomatici che a metà dicembre sono andati a incontrare Mansour. Tra loro c’è l’ambasciatore tedesco nel paese, Ulrich Santee moglie dalla Francia, Claudia Scherer Embosschi in auguri di fine anno Hanno chiesto all’Argentina di condannare nelle organizzazioni internazionali “Corea del Nord e Siria, ma anche” Iran, Venezuela, Nicaragua, Russia e Cina “per la sua politica sui diritti umani, e hanno criticato la “mancanza di libertà economica” in quei paesi.

READ  Il vulcano Pakaya ha espulso una colata lavica del 1600 ...

Tuttavia, non è una situazione senza sfumature. Oltre a Germania, Francia, Paesi Bassi e I paesi scandinavi chiedono il rigoroso rispetto degli obiettivi fiscali del FMII paesi dell’Europa meridionale come l’Italia e la Spagna tendono ad essere più flessibili quando si tratta di richiedere adeguamenti dei costi e rispetto degli obblighi statali. Secondo una fonte europea, ricorda anche l’influenza del partito spagnolo Podemos (che ha legami con il Kirchnerismo) nel governo socialista. Pedro Sanchez.

“Non sono un segreto per nessuno Le difficoltà economiche dell’Argentina. Ma la disponibilità a pagare aiuta a dare un’immagine positiva agli investitori stranieri. Il pagamento è la porta verso il futuro”, ha risposto uno Membri dell’UE con più posizioni finanziarie.

“Comprendiamo che il dialogo in corso è costruttivo, anche se l’Argentina deve raggiungere crescita sostenibile basata su riforme strutturaliSebbene richieda più tempo, dovrebbe essere fatto”, ha affermato un altro rappresentante del paese Pesare nel FMI, affermazione condivisa dagli Stati Uniti, in quanto “attenti” alla decisione negoziale quanto i suoi omologhi europei e asiatici.