Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il gigantesco scopritore Perocetus ha scoperto una nuova specie di cetaceo primitivo: “Vagherà per il mondo”

Il gigantesco scopritore Perocetus ha scoperto una nuova specie di cetaceo primitivo: “Vagherà per il mondo”

La nuova scoperta di A Fossile dentro Deserto dell’Icanel sud del Perù, proprio come nel caso di Fard Peruceto gigante, il cosiddetto animale più pesante della Terra, riporterà ancora una volta il nostro Paese al centro dell’attenzione della comunità scientifica internazionale. Le aspettative sono altissime e il suo spettacolo è già in preparazione davanti agli occhi di tutto il mondo.

Ricercatore peruviano Mario UrbinaIl 61enne, considerato un cacciatore di tesori nel deserto, è ancora una volta responsabile di questa importante scoperta, che già promette di scuotere la comunità scientifica come accaduto con l’esposizione della gigantesca statua di Perocetus, un tipo di cetaceo che esisteva 40 milioni fa. Anni e il suo peso sarà maggiore del peso di una gigantesca balenottera azzurra.

Urbina ha reso possibile quest’ultima scoperta in compagnia del suo caro amico Walter Aguirrecon il quale ha lavorato duramente per scoprirlo Ossa Di questo nuovo tipo. Anche se esiste ancora un certo grado di segretezza, il ricercatore ha deciso di rivelare alcuni dettagli specifici.

Le immagini mostrano il famoso paleontologo peruviano Mario Urbina, che scoprì il fossile dell'animale più pesante del mondo, durante gli scavi nel deserto di Ica.  (Andino)
Le immagini mostrano il famoso paleontologo peruviano Mario Urbina, che scoprì il fossile dell’animale più pesante del mondo, durante gli scavi nel deserto di Ica. (Andino)

“È molto primitivo, ha i denti Sul posto. È una bellezza fossile e, inoltre, sarebbe molto attraente. “Sono sicura che viaggerà per il mondo”, ha detto Urbina. notizie latine.

Non c’è ancora una data fissata per l’esposizione di questo interessante, come fossile Peruceto giganteappartiene a un nuovo tipo di Cetacei. Ma sapeva che sarebbe successo presto. I ricercatori peruviani hanno bloccato alcuni dettagli per preparare tutto e mostrarlo al mondo.

Urbina merita ammirazione per la sua dedizione e pazienza nella scoperta di importanti fossili che contribuiscono a una migliore comprensione della storia. Ha dedicato 44 anni della sua vita al suo matrimonio, come lo chiama lui, con il deserto.

Una foto non datata di scienziati che scavano una vertebra del gigante Perocetus, una balena che visse in Perù circa 38-40 milioni di anni fa Giovanni Bianucci/Handout via Reuters
Una foto non datata di scienziati che scavano una vertebra del gigante Perocetus, una balena che visse in Perù circa 38-40 milioni di anni fa Giovanni Bianucci/Handout via Reuters

“Amo il deserto, sia esso caldo o freddo, e ciò che mi commuove è anche trovare qualcosa di straordinario e unico, e questo è di grande importanza.

Con questa visione, Mario Urbina trovò dopo 16 anni il primo osso della gigantesca statua di Peroceto. Era un’enorme vertebra che non sapevo – all’epoca – appartenesse alla struttura ossea dell’osso L’animale più pesante del mondo.

Per renderlo noto al pubblico, questo tipo di cetaceo è stato scoperto nel Deserto di OkukajiÈ passato un po’ di tempo, ma questo non lo ha scoraggiato.

Secondo le stime degli autori, il gigante Perocetus pesava circa 200 tonnellate, più di qualsiasi balenottera azzurra.  (Aldo Benites-Palomino)
Secondo le stime degli autori, il gigante Perocetus pesava circa 200 tonnellate, più di qualsiasi balenottera azzurra. (Aldo Benites-Palomino)

“Per arrivare a ogni paragrafo devo farlo buchi “Sono otto metri di roccia, ma è una delle scoperte più importanti al mondo per vedere la continuità dell’evoluzione”, ha detto Urbina.

READ  Rapporto controverso dell'unità finanziaria AMIA: amare sorprese a 28 anni dall'attacco |

Walter AguirreLa persona vicina al ricercatore peruviano ha detto che la squadra è composta da cinque persone e che lui è l’unico responsabile della pulizia del fossile.

“In questo momento, ci sono cinque persone che stanno scavando, stiamo portando fuori il fossile e io sono l’unico responsabile della sua pulizia”, ​​ha detto Aguirre.

Questa illustrazione del 2023 dell'artista Alberti Gennari mostra la ricostruzione del colosso di Perocetus nel suo habitat costiero con un corpo alto 20 metri.  (Alberto Gennari/Natura via AP)
Questa illustrazione del 2023 dell’artista Alberti Gennari mostra la ricostruzione del colosso di Perocetus nel suo habitat costiero con un corpo alto 20 metri. (Alberto Gennari/Natura via AP)

Contributo di Mario Urbina Paleontologia peruviana Sorprendente. Le sue ricerche e i resti fossili da lui ritrovati, vecchi di milioni di anni, sono motivo di attrazione per scolari, studenti universitari, colleghi e la società in generale.

“Senza persone come lui, nel suo campo, questo campo della paleontologia probabilmente non si sarebbe aperto così tanto. Ha dato l’opportunità a studenti di altre discipline come la geologia o la biologia di dedicarsi a fare la stessa cosa che fa lui e guardare lui come futuro”, ha detto un visitatore del museo. Museo di Storia Naturale dell’Università Nazionale di San MarcosDove è esposta la gigantesca statua di Peroceto.

Anche paleontologi come Rafael Varas riconoscono il lavoro di Urbina: “È un caso speciale. Abbiamo costantemente una serie di fasi che ci permettono di tracciare l’evoluzione e grazie alle loro scoperte abbiamo proprio queste fasi”. Animali di transizione “Questa è la connessione tra uno sviluppo e l’altro.”

Questa balena preistorica precedentemente sconosciuta, ora chiamata Perucetus Colossus (Colosso peruviano), risale a circa 40 milioni di anni fa.  (Aldo Benites-Palomino)
Questa balena preistorica precedentemente sconosciuta, ora chiamata Perucetus Colossus (Colosso peruviano), risale a circa 40 milioni di anni fa. (Aldo Benites-Palomino)

Secondo lo stesso Urbina, per scaricare un paragrafo di Peruceto gigante, del peso di circa 200 chilogrammi, e erano necessarie dalle sei alle sette persone. Ciò dà un’idea della vastità di questa specie.

READ  Cinque chiavi per comprendere la vittoria di Trump nel New Hampshire e l'allarme rosso

La ricerca di Peruvian e del suo team suggerisce che la statua gigante di Perocetus fosse A Cetacei primitivi Dal gruppo Basilosauridae che abitava le coste del Perù durante l’era Eocene medio, circa 40 milioni di anni fa. Si ritiene che raggiungesse una lunghezza di circa 20 metri ed un peso di circa 200 tonnellate Animale più pesante che abitava il pianeta Terra.

Urbina impiegò diversi anni perché li interessasse alla sua scoperta. Inizialmente i suoi colleghi pensavano che ciò non fosse del tutto vero. “Tutte le lettere che ho scritto hanno ricevuto risposte ridicole alla mia spiegazione. Dicevano che mi sbagliavo. Nessuno credeva che questo animale potesse esistere perché equivaleva a trovare un Godzilla“, Ha espresso.