Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Bienalsur è iniziata con una mostra che rivive gli antenati nell’arte

La mostra “Ascolta e il vento. Racconti del Gran Chaco”, inaugurata in Belle Arti a Salta, Argentina, 3a edizione di Bienalsur (Matías Maiztegui – Courtesy Bienalsur)

I colori della terra. le loro voci. le loro lingue. Da quella terra che sembra nascosta nella mappatura, nei racconti, ma resiste e si sforza di farsi ascoltare. L’arte non è come merce, ma come vita, come vera rappresentazione di un sentimento originale, originale, tramandato dai propri avi.

Con una potente mostra diretta verso il nord dell’Argentina, il Museo Regionale di Belle Arti di Salta ha dato il via alla terza edizione di Bienalsur, con l’inaugurazione della mostra Ascolta e il vento: storie e iscrizioni dal Gran Chaco.

Inizia così un nuovo ciclo di Biennale d’Arte Contemporanea del Sud, che ruoterà intorno a 5 assi (consapevolezza ambientaleE il oroscopi liquidiE il metodi abitativiE il mondi digitali S Politica artisticaChe si estende, a dicembre, in 23 paesi e in Vaticano con 50 città e 124 sedi che coinvolgono circa 400 artisti.

Come all’inizio della precedente edizione a Ushuaia, nel 2019, i Popoli Indigeni sono ancora una volta il punto di partenza, con una mostra che riunisce il lavoro di 40 artigiani, attivisti, artisti e registi indigeni, distribuiti in quattro sale al piano terra di lo spazio che invecchierà domani, Independence Day. Argentina, 91 anni.

Biennale di Arte Contemporanea del Sud, che vedrà la partecipazione di 400 artisti da tutto il mondo (Matthias Meystegui - Courtesy of BIENALSUR)
Biennale di Arte Contemporanea del Sud, che vedrà la partecipazione di 400 artisti da tutto il mondo (Matthias Meystegui – Courtesy of BIENALSUR)

“Vogliamo cambiare la mappa del mondo dell’arte, dei modelli e crediamo che ci siano espressioni culturali e artistiche che sono sempre state lasciate da parte. Ecco perché in Svizzera, alla Fondazione Opal, lavoriamo sull’arte contemporanea con le popolazioni indigene, qualcosa che ripeteremo in questa edizione; o ad Amaicha del Valle, con i popoli dei Quilmes Calchaquíes, che hanno realizzato un nuovo tipo di ceramica con i professori dell’Università delle Arti di Tokyo, dove hanno realizzato i pedoni, un simbolo che rappresenta quando Quilmes è stato costretto a camminare a nord da Tucumán a Buenos Aires”, ha spiegato Annibale Guzami, direttore generale del mega evento di Cultura infobae.

Ha aggiunto: “Ciò che è così speciale di Bienalsur è che può creare un esemplare di un artista altamente sofisticato e conosciuto a livello internazionale in uno dei grandi musei del mondo, ma possiamo anche essere ad Amicha o nel quartiere di Lima che è più vulnerabile all’artigianato. E poi queste opere sono esposte nell’École Normale Supérieure.” di belle arti e delegazioni europee vanno a vederlo come è successo.”

READ  In Israele, l'uso di maschere da esterno non è più obbligatorio e tutte le scuole hanno riaperto

per questa parte, Diana Wechsler, direttore artistico, ha aggiunto: “Ci sembra che la conquista dello spazio delle belle arti, che sta cercando di ottenere un repertorio di opere tradizionali per la formazione degli artisti, ci sembra molto potente. Questo è stato il ragionamento con cui il Museo è stato fondato, e con questa logica ha escluso tutto ciò che rappresentava la cultura visiva regionale e ancestrale, qualcosa che era ed è ancora vivo”.

Riguardo alle sfide di costruire una serie di campioni in giro per il mondo in tempi di confini chiusi, ha commentato questo mezzo: “Questo è un lavoro di rete, con intrighi, basato su molte fantasie, collusion e alleanze. Questo scenario ci mostra alcuni livelli di solidarietà che ci fanno sentire che lo sforzo ne è valsa la pena C’è qualcosa che era molto tipico di Bienalsur, che era impegnato nella produzione di opere Sul posto, In generale, strutture site-specific. Abbiamo fatto appello agli artisti per viaggiare, e infatti oggi è diventato un mezzo, al di là del fatto che gli artisti possano viaggiare o meno, che a volte deve dirigere il lavoro a distanza, tanto si lavora su questo e così poco si fa dal lavoro, in tutto ciò che è Troppo complicato, troppo costoso. È come se la scena artistica, o almeno la parte che aiutiamo a costruire, fosse diventata più attenta alla produzione simbolica di quanto non lo sia con tutto ciò che la circonda. E qui entra quello che diciamo sempre: “Fate spazio all’arte, spazio al pensiero”. È interessante che attivi le scene sociali, che attivi le teste, che qualunque cosa debba accadere, che le situazioni si accendano”.

Anibal Guzami, Dean di UNTREF e Direttore Generale di Bienalsur
Anibal Guzami, Dean di UNTREF e Direttore Generale di Bienalsur

Ascolta e ventosponsorizzato dall’Argentina Andrea Fernandez e tedesco Inka Grisel, presenta tessuti artigianali, ceramiche, paesaggi sonori, scritti e saggi audiovisivi, che invitano a riflettere sui prodotti estetici con messaggi legati alle lotte per la memoria e i territori, le loro storie e incisioni.

mostra È stato scelto in occasione dell’International Open Call del 2020, con l’obiettivo di dare accesso ad artisti e progetti di diversa provenienza per sfidare altri pubblici, compresi quelli che normalmente non si sentono chiamati da questo tipo di eventi.

Nello spazio che apre la mostra viene presentata l’opera del defunto Carlos Baguette Garcia Pace, che nel XX secolo ha indagato la conoscenza degli antenati delle popolazioni indigene del nord-ovest dell’Argentina, con particolare attenzione all’ascolto di racconti di miti e rituali indigeni, e, di conseguenza, ha effettuato un restauro animale in tessuti tradizionali, che fa parte il Museo Acervo in Salta.

Matías Maiztegui - Courtesy BIENALSUR Sala dedicata a Carlos Pajeta García Pace
Matías Maiztegui – Courtesy BIENALSUR Sala dedicata a Carlos Pajeta García Pace

Nella stanza 2, azione cooperativa Chaistulus (Juan de Dios López), un wichí di una comunità semiurbana di Tartagal, con Daniel Zelko, artista di Buenos Aires sull’oralità, che prefigura situazioni di urgenza politica, sorte in contesti diversi.

READ  Per 45 anni, ha lasciato che la sua famiglia lo credesse morto in un incidente aereo perché si vergognava dei fallimenti della sua vita.

In 3, invece, sono disposti a dialogare su due proposte. Dall’altro, i grandi tessuti artigianali realizzati dalle donne del collettivo Weichi Secondo / viene dalla montagna, creato collettivamente dai dialoghi con l’artista di Salta, Guido Yanetto, insieme agli audiovisivi dell’antropologo visivo e saggista Carlo Masuta. Lavorare con il gruppo artigiani Creato all’interno del ciclo dell’ambiente di progetto disimpegnarsi Dall’Ifa-Galerie di Berlino e con il sostegno dell’Istituto tedesco per le relazioni estere.

C’è anche un’installazione di Salta Filmmaker Daniela Cigaro Cerca di farci pensare alle traduzioni e alle forme della lingua del popolo Weichi, e quindi alle loro connessioni con i tessuti contemporanei che le persone portano in yicas (borse tessute).

Artigiani tessili del popolo Wichí nella collezione Thañí / Viene del monte
Artigiani tessili del popolo Wichí nella collezione Thañí / Viene del monte

Nel quarto spazio sono esposte le opere del gruppo di ceramisti del popolo Chané Orembiapo. Maepora / Il nostro lavoro è bello, che rivela gli animali che vivono con loro, così come quelli che ricordano, scomparsi vicino alla montagna sommersa e quelli che sembrano riemergere dall’immaginario folcloristico, in collaborazione con l’artista e maestro Firenze Califano.

In mezzo a questi animali smarriti, è apparso l’articolo documentario La zonadi San Juan Manager Brian attacca, che si riferisce a un’indagine condotta dal Laboratorio di memoria etnica dell’organizzazione delle donne ARETEDE a Tartagal sul capo del popolo Toba/Qom Tykolic, il capo dell’ultima resistenza all’occupazione della regione dei fiumi Bermejo e Pelcomayo, in cui è coinvolto anche l’antropologo L’ufficio di Lida.

“Il significato di questa prima mostra che unisce gesti poetici di resistenza, creatività collettiva e prospettive future, sostiene uno degli obiettivi primari dell’inedita piattaforma di arte e cultura contemporanea che è Bienalsur quella di abbattere muri non solo per trascendere i confini geografici ma, in particolare, le distanze sociali e culturali che allenano alla vicinanza nella societa’, attraverso gli organizzatori.

READ  Biden ha annunciato che utilizzerà il vertice con Putin per avvertirlo che non tollererà violazioni dei diritti umani human

Prossimi eventi

Bienalsur continua questo mese, quando aprono altre fiere, come such insieme / separati, il 15 luglio al Museo Nazionale della Colombia, a cura di Alex Ibrahim. TURI TEA PARTYArtista e valori Katsuhiko Hibino Giorno 25 alla Tokyo University of the Arts, Giappone.

Il Museo Nazionale della Colombia, uno dei seguenti luoghi
Il Museo Nazionale della Colombia, uno dei seguenti luoghi

Il 27 luglio sarà lanciato in Spagna e Brasile. nel paese europeo, sud sud, a La Térmica, Málaga, sponsorizzato da Wechsler È gestito dal Cileno Volospa GarbaE gli argentini Graciela Sacco, Augustina Woodgate e Uruguay Paula Monzello. Da parte sua, nel paese americano, l’Oscar Niemeyer Museum di Curitiba ospiterà l’artista Giraldo Zambrone, Con Fili vitaliIngresso alla facciata dell’edificio.

Il ciclo di aperture durerà fino a dicembre e toccherà i cinque continenti, caratteristica unica di Bienalsur, un progetto attivo che ha trasformato il concetto di Nord e Sud attraverso una mappatura senza confini con l’obiettivo di superare i confini degli eventi artistici.

Sopra: Katsuhiko Hibino, Volospa Garba, Giraldo Zambrone.  Sotto: Marielle Nodecker, Christian Boltanski, Bilqis Ion
Sopra: Katsuhiko Hibino, Volospa Garba, Giraldo Zambrone. Sotto: Marielle Nodecker, Christian Boltanski, Bilqis Ion

I Musei Vaticani sono tra i siti della terza edizione così come il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía, in Spagna, il Museo Nazionale (Riyadh, Arabia Saudita), il Museo Nazionale d’Arte (La Paz, Bolivia) e il Museo di Arte Moderna, Mambo (Bogotà, Colombia), Museo Nazionale di Belle Arti (Buenos Aires, Argentina), Museo Regionale di Pittura Jose Antonio Terry (Tilcara, Jujuy, Argentina), Museo di Arte Contemporanea della Provincia di Buenos Aires (Mar del Plata , Buenos Aires, Argentina), tra gli altri.

Artisti come il coreano Kimsuga, il giapponese Nilo Akamatsu S ipinofrancese Christian Boltanskiaustriaco Gernot WielandTedesco residente nel Regno Unito Marielle Neudeckercileno Volospa GarbaE gli argentini Tomas Saraceno, Jorge Macchi, Matilda Marin, Mariana Telleria S Augustina Woodgate e Uruguay Paula Monzello Sono alcuni dei partecipanti a Bienalsur che comprende anche le opere di artisti deceduti come l’Argentina Graciela Sacco E il cubano Gli occhi di Bilqis. Oltre alle attività della sede tradizionale, sono inclusi progetti speciali come la sede virtuale, la sede audiovisiva, il nodo verde, il museo digitale Open Sky e programmi pubblici.

Continuare a leggere