Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il ghiaccio è in pericolo: il permafrost scomparirà entro il 2100

Il ghiaccio è in pericolo: il permafrost scomparirà entro il 2100

Scioglimento del permafrost: una preoccupazione globale nel 21° secolo (Foto di Jonathan Nackstrand/AFP)

Comprensione accurata delle dinamiche Permafrost È necessario valutare e mitigare gli impatti che potrebbero verificarsi quando si deteriorassero in futuro. Tuttavia, le previsioni attuali comportano una grande incertezza.

Gli studi su come hanno risposto storicamente durante i recenti periodi caldi della Terra sono utili per esplorare il potenziale comportamento futuro e valutare l’incertezza nelle proiezioni future. Ora, un team internazionale di scienziati, dopo aver confrontato le attuali tendenze climatiche con il clima del pianeta 3 milioni di anni fa, ha scoperto questo La maggior parte del permafrost vicino alla superficie terrestre potrebbe scomparire entro il 2100.

Il team ha scoperto che la quantità di permafrost vicino alla superficie potrebbe diminuire del 93% rispetto al periodo preindustriale dal 1850 al 1900. Questo è lo scenario di riscaldamento più estremo indicato nell’ultimo rapporto dell’IPCC.. Entro il 2100, vicino alla superficie terrestre si formerà il permafrostentro i primi 10-13 piedi dello strato di terreno, Potrebbe essere esistito solo negli altopiani della Siberia orientale, nell’arcipelago artico canadese e nella punta settentrionale della Groenlandia, come nel periodo caldo del Pliocene medio.

Ricerca appena pubblicata in Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze (PNAS), è stato diretto da Donglin Guo dell’Accademia cinese delle scienze e dell’Università di scienza e tecnologia dell’informazione di Nanchino. Alla ricerca hanno collaborato scienziati provenienti da Stati Uniti, Russia, Regno Unito, Germania, Giappone, Canada, Paesi Bassi, Francia e Svezia.

Permafrost in crisi: le implicazioni del cambiamento climatico, secondo gli esperti (Foto di Jonathan Nackstrand/AFP)

“Il nostro studio suggerisce un’area di permafrost vicino alla superficie significativamente più piccola di quella del passato geologico, in condizioni climatiche simili a quelle previste se il riscaldamento globale continuasse senza sosta”, ha affermato il professore emerito Vladimir Romanovsky, specialista del Fairbanks Geophysical Institute. L’Università dell’Alaska, che è tra i coautori, è anche leader nella ricerca sul permafrost.

“La perdita di gran parte delle aree vicine alla superficie nei prossimi 77 anni avrà impatti di vasta portata sui mezzi di sussistenza e sulle infrastrutture umane, sul ciclo globale del carbonio e sull’idrologia superficiale e sotterranea”.

READ  Scoprono una telecamera nascosta nel bagno di una delle più grandi navi da crociera del mondo e l'FBI viene coinvolto

“Questa ricerca – prosegue lo specialista – sta creando Suonò un altro allarme Maggiori informazioni su cosa sta succedendo Il clima della Terra. Le simulazioni climatiche per il periodo caldo del Pliocene medio sono simili alle proiezioni climatiche per la fine di questo secolo secondo un percorso di sviluppo basato sui combustibili fossili nell’ultimo rapporto del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC). Questo percorso è il più oscuro dei cinque percorsi offerti alla società futura.

Il permafrost si sta sciogliendo e sta influenzando la vita umana, così come l’ambiente

Le simulazioni del periodo caldo del Pliocene medio e le proiezioni dell’estensione del permafrost nel 2100 si concentrano solo sul permafrost vicino alla superficie, che è meno resistente al riscaldamento globale rispetto al permafrost profondo. Dieci modelli computerizzati prevedono che la Terra perderà circa il 77% del permafrost entro il 2100, rispetto al periodo 1995-2014, secondo il percorso di sviluppo basato sui combustibili fossili del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici se la temperatura dell’aria superficiale aumenterà di 10 gradi Celsius.

Gli autori dello studio hanno scelto di confrontare il futuro previsto della Terra con il periodo caldo del Pliocene medio, avvenuto circa 3 milioni di anni fa, perché è il periodo più recente di riscaldamento globale sostenuto nella storia geologica del pianeta.

Gli scienziati hanno poche informazioni dirette sul permafrost nell’emisfero settentrionale durante il periodo caldo del Pliocene medio. Per superare questo problema, hanno analizzato altri fattori, come la composizione della vegetazione e le proprietà speciali del suolo, per ricostruire i dati relativi alla temperatura dell’aria superficiale. Da questa prova indiretta, hanno previsto l’estensione del permafrost nel periodo caldo del Pliocene medio.

Permafrost, un cemento naturale che si sta sgretolando di fronte al riscaldamento globale

Utilizzando modelli computerizzati, hanno scoperto che la temperatura superficiale media annuale globale in quel periodo era da 14 a 15 gradi più calda rispetto al periodo preindustriale. È stato inoltre dimostrato che la temperatura era di circa 10,5 gradi più alta nelle regioni artiche.

READ  Tra i feriti nel ribaltamento dell'autobus a Punta c'erano due persone di Rosario

Lo studio rileva che l’assenza di permafrost è stata dedotta anche dalle registrazioni di depositi fossili marini nel nord-ovest dell’Alaska. I ricercatori hanno dimostrato che le temperature simulate invernali ed estive e le variabili delle precipitazioni, che probabilmente hanno il maggiore impatto sulla stabilità del permafrost, sono simili nel Pliocene medio e negli anni 2100 e 2200. La sua distribuzione nel periodo caldo stesso e i fattori climatici associati possono migliorare la nostra comprensione dell’entità, della dinamica e dell’incertezza della perdita di permafrost in un futuro clima più caldo.

“Sulla base delle nostre scoperte, il futuro del permafrost vicino alla superficie nell’emisfero settentrionale appare cupo”, aggiunge Romanowski. Ha concluso che il continuo fenomeno del riscaldamento globale e il deterioramento associato possono causare cambiamenti nelle condizioni ambientali a cui gli esseri umani non hanno ancora assistito, il che richiede di evidenziare ulteriormente l’importanza del loro deterioramento.