Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il G20 dà il via libera al sistema fiscale globale per le multinazionali

Le venti maggiori economie del pianeta oggi hanno compiuto un passo cruciale affinché i grandi giganti digitali paghino le tasse dove operano e non scelgano paesi con giurisdizioni più lassiste. L’economia del G20 di Venezia ha raggiunto un accordo politico per stabilire un’imposta globale sulle società di almeno il 15%, a sostegno dell’accordo raggiunto la scorsa settimana presso l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). L’accordo, secondo il comunicato conclusivo, è “storico per il raggiungimento di una struttura fiscale internazionale più stabile ed equa”.

“E’ un accordo storico perché per la prima volta abbiamo basi per grandi aziende in tutto il mondo”, ha detto Daniele Franco, il ministro dell’Economia italiano che quest’anno ospiterà la presidenza del G20. Il ministro tedesco, Olaf Schultz, ha spiegato che quando è stata raggiunta la sala ha applaudito, perché “tutti si sono resi conto che stava succedendo qualcosa di grosso”.

Questa è la più grande iniziativa politica scaturita dal vertice di due giorni a Qanat City, e la prima di persona dal vertice tenutosi a Riyadh nel febbraio dello scorso anno. L’accordo mira a cambiare il modo in cui le grandi multinazionali come Amazon o Google pagano le tasse in modo che lo facciano ovunque si trovino le loro attività, indipendentemente dalla loro sede.

Amazon o Google

L’accordo mira a cambiare il modo in cui le grandi multinazionali pagano le tasse

Tuttavia, come ha sottolineato Franco in una conferenza stampa, occorre ancora “lavoro aggiuntivo”. Ad esempio, Scholz e altri leader europei affrontano le proprie controversie interne per ottenere l’adozione dell’accordo all’interno del blocco sociale, poiché Irlanda, Ungheria ed Estonia sono ancora riluttanti a farlo, un ostacolo perché è richiesto il mutuo consenso di tutti. Paesi.

READ  Economia. Semifinali Eurocopa Spagna-Italia con il 53% di ordini da portare a casa طلبات

“Ciò che ci auguriamo è che si possa raggiungere un accordo completo nell’Unione europea”, ha aggiunto. “Il G-20 ha visto la volontà politica di arrivare a questo accordo e tutti hanno rinunciato a qualsiasi desiderio. È importante perché viviamo in un mondo globalizzato, le nostre aziende operano in tutto il mondo e non possiamo avere regole. È è diverso in ogni paese”.

Il segretario al Tesoro Usa Janet Yellen ha promesso che cercheranno di far salire a bordo i Paesi più piccoli con dubbi per chiudere definitivamente l’accordo al Gruppo dei Venti di Capi di Stato e di Governo che si terrà all’inizio di ottobre a Roma, il più importante incontro dell’anno per la presidenza italiana del G20.

“Ci proveremo, ma devo sottolineare che non è necessario che tutti i Paesi aderiscano”, ha detto il rappresentante degli Stati Uniti, che domani terrà una conferenza stampa one to one per discutere le decisioni dell’incontro di Venezia. “Sono assolutamente convinto che ci sarà un accordo ad ottobre”, ha detto il ministro tedesco, convinto del tiro del G20, che rappresenta oltre l’80% del PIL mondiale.

L’accordo, capeggiato da un’iniziativa statunitense, si basa su due pilastri per le grandi multinazionali – in particolare quelle digitali – per pagare le tasse nei paesi in cui svolgono le loro attività. La prima riguarda tutte le aziende con fatturato mondiale superiore a 20.000 milioni di euro e redditività (rapporto tra utile e reddito) superiore al 10%. I paesi in cui questi gruppi guadagnano più di 1 milione di euro (o 250.000, nel caso di paesi piccoli) hanno diritto a una parte dell’imposta che dovranno pagare. Quello che verrà distribuito tra loro è tra il 20% e il 30% dell’utile residuo, una volta che lo stato in cui ha sede la società ha mantenuto l’equivalente fiscale del 10% della redditività, ma ci sono ancora dei chiodi allentati da risolvere. . Il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire ha proposto che sia il 25% dei profitti.

READ  Il caffè speciale in Ecuador ottiene una migliore reputazione e alti prezzi internazionali | Economia | Notizia

Il secondo pilastro è l’applicazione di un’aliquota minima dell’imposta sulle società di almeno il 15% alle aziende che fatturano almeno 750 milioni di euro. Questo strumento è inteso come uno strumento per combattere i paradisi fiscali oi paesi con una legislazione più indulgente. Francia, Germania e Stati Uniti sembrano concordare sul fatto che si tratti di una tassa più alta del 15%, ma questo è un altro punto su cui sarà necessaria una maggiore discussione prima di ottobre.

Se non ci saranno sorprese dell’ultimo minuto, il piano mira a tradurre le nuove regole fiscali in una legislazione globale vincolante entro la fine del 2023.