Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

IRIN TINAGLE: IRIN TINAGLE: “Se vogliamo un’unione unificata e solidale, dobbiamo evitare la concorrenza fiscale sleale tra le nazioni” | Economia

Poche ore prima che l’Italia eliminasse la Spagna dagli Europei, il commento calcistico viene spontaneo quando Irene Tinagli (Empoli, 47 anni) si presenta alla sede del Parlamento Europeo a Madrid. “La tensione era enorme”, dice dell’atmosfera della partita, che è stata un lieto fine per la squadra. Ha assistito allo scontro con alcuni amici nella capitale spagnola, città che conosce bene perché per quattro anni ha frequentato corsi di economia aziendale all’Università Carlos III.

Formata tra l’Italia e gli Stati Uniti, Tinagli ha un aspetto artistico più che politico, perfetto per la macchina di Bruxelles, in gran parte nello stile del vicepresidente spagnolo Nadia Calvino. Durante quasi 50 minuti dell’intervista, il presidente della Commissione Affari Economici del Parlamento Europeo, il secondo in comando del Partito Democratico, principale forza del centrosinistra italiano, prevede uno scenario più rilassato per l’economia europea nel prossimi mesi: Ha sottolineato che le prospettive stanno “migliorando ogni giorno” e che i fondi europei promuoveranno una “vera inversione di tendenza”, ed è convinta che paesi come l’Irlanda finiranno per aderire a un accordo per stabilire un’imposta sulle società minima globale. Tutto questo, senza complessi di inferiorità rispetto al percorso americano di recupero: “Amo gli Stati Uniti, ci ho vissuto otto anni, ho studiato lì i miei master e ho preso il dottorato, so le cose belle, ma quando si tratta di affrontare la crisi e prendersi cura delle persone che sono felice di essere in Europa”.

maggiori informazioni

L’espressione preferita di Tinagli in spagnolo è “vedere i tori da bordo campo”. Ma posa proprio per spiegare il contrario, il suo salto in politica da eroe, il suo addio alle aule universitarie, la consulenza alle Nazioni Unite e le colonne del giornale. Il torchio tipografico, Insomma, essere solo un osservatore della realtà. Tinagli ora sta percorrendo gli infiniti corridoi di Bruxelles, sperando in una riforma globale per creare un’aliquota più bassa dell’imposta sulle società e criticando la posizione di alcuni partner europei. “Ci sono paesi che usano le tasse in un modo che crea sempre concorrenza sleale e dobbiamo risolverlo. Se vogliamo un’Unione europea veramente unita che avanzi, nella solidarietà e sia presente quando affrontiamo un’epidemia, dobbiamo evitare competizione tra di noi”.

READ  70 anni di competizione straniera

In un turbolento spagnolo in inglese (la sua lingua di lavoro) e un lampo in italiano quando si blocca la parola giusta, la parlamentare si rende conto che per il suo gruppo politico, i socialdemocratici e per altri, l’aliquota dell’imposta sulle società del 15% scende un po’ , ma in quel tira e molla a volte la politica è, a volte anche arrendersi può essere una vittoria. “Conosciamo la complessità di quei negoziati (e lo sono tuttora), e sappiamo tutti che se raggiungeremo un accordo internazionale definitivo, sarà un passo avanti essenziale”.

Nonostante Irlanda, Ungheria, Estonia e Cipro abbiano preso le distanze dall’Accordo Internazionale sull’Armonizzazione Fiscale, impedendo così all’Unione Europea di parlare con una sola voce, Tinagli mantiene uno sproporzionato ottimismo sulla sua prossima integrazione nell’accordo, sottolineando più con l’Irlanda che con la ribelle Ungheria Victor Urban. “In questi processi servono tempo e dialogo. Ho ascoltato [Paschal] Donohoe, mi risulta che oltre ad essere il presidente dell’Eurogruppo, sia anche il ministro dell’Irlanda. Il vostro Paese ha bisogno di valutare l’impatto, ma in questo caso dobbiamo tenere conto non solo degli effetti economici, ma anche degli effetti politici delle relazioni internazionali. Quando si parlava di tasse solo all’interno dell’UE o tra gruppi politici, era più difficile convincerli, ma ora, con tutta questa pressione internazionale, sarà difficile per due o tre paesi restare all’estero. Nel caso dell’Ungheria non mi è chiaro, ma è sempre meglio che l’Unione europea faccia le cose insieme”.

La migliore prova di questa unità negli ultimi tempi è l’approvazione del piano di rilancio europeo. 750 miliardi di euro, l’ancora di salvezza per sollevare l’Unione europea dalle sabbie mobili delle epidemie. “Mentre stavamo negoziando il regolamento, ho visto una grande unità perché tutte le forze politiche del Parlamento europeo erano consapevoli dell’importanza di questo momento”. Nel corso dei mesi, questo spirito di consenso rischia di essere messo in ombra dalle battaglie interne della politica nazionale. Ha aggiunto: “Spero che tutte le forze politiche si rendano conto che siamo ancora in uno stato di emergenza. È importante che ci siano critiche e vigilanza, ma con uno spirito costruttivo che non cerchi polemiche quotidiane”.

READ  La tenebrosa tentazione del trio delle Azzorre, di Manel Pérez

Dice di aver trovato somiglianze con il piano spagnolo con quello francese o italiano, a seguito di linee guida molto chiare che focalizzano la spesa principalmente sulla trasformazione ambientale e sulla digitalizzazione. Tinagli non condivide le critiche mosse dal vicepresidente del gruppo liberale Renault, Luis Garicano, che ha accusato il governo spagnolo di sprecare soldi europei per le finestre. “Bisogna investire nell’efficienza energetica degli edifici. L’Italia investirà molto in quello, che è un miglioramento strutturale perché una volta che si migliora l’efficienza degli edifici, o si fa muovere il parco del trasporto pubblico con energia pulita, quella dura”.

Come nella Grande Recessione, gli Stati Uniti stanno attraversando una fase di ripresa più avanzata dell’Europa, ma il leader europeo non pensa che l’UE abbia fatto di meno per uscire dalla crisi. “Dobbiamo ricordare che non siamo gli Stati Uniti d’Europa. Abbiamo 27 governi diversi e 27 bilanci nazionali. Non abbiamo un bilancio europeo simile a quello americano. Se aggiungiamo gli investimenti di tutti i governi e quello che La Commissione europea ha investito, non siamo inferiori agli sforzi americani».

Ritiene inoltre che l’Unione europea sia riuscita a incanalare meglio le risorse. “In Europa è molto importante che gli Stati Uniti inviino assegni alle famiglie, ma abbiamo investito nella sicurezza sociale. La scorsa settimana ho parlato con Christine Lagarde che il 60% di ciò che l’UE ha speso è stato speso per mantenere posti di lavoro e benefici sociali, e che i nostri sistemi sono focalizzati sull’ottenere denaro alle famiglie, ai lavoratori e alle persone che ne hanno più bisogno. Sembra essere un modo molto più efficiente di spendere soldi rispetto all’invio di assegni”, ha affermato, riferendosi ai tre assegni pubblici ricevuti da decine di milioni di americani.

READ  Apre a Valledupar un centro di design che incoraggia il rilancio economico | globalismo

“Abbiamo lavoratori poveri in Europa”

Nonostante gli aiuti, la precarietà del lavoro non è scomparsa e in paesi come la Spagna è sul tavolo il dibattito sull’aumento del salario minimo. Tinagle mette in guardia dal fenomeno dei lavoratori poveri. Abbiamo lavoratori poveri in Europa. Non è solo un problema economico, ma anche etico. Non mi piace pensare che ci siano cittadini che si alzano la mattina e lavorano tutto il giorno e restano poveri». Senza voler entrare nella polemica spagnola, stima che ci siano altri Paesi dove si incoraggiano i bassi salari per attirare le imprese, e la concorrenza con il resto dei partner è sleale quanto le tasse basse.

Nel suo ruolo di numero due del Pd, Tinagli vive con un occhio a Bruxelles e l’altro a Roma. Più pragmatico che ideologico, Mario Draghi è ritenuto all’altezza delle aspettative come primo ministro. “Con il tetto della politica italiana, penso che Draghi stia facendo un ottimo lavoro con una maggioranza non facile. Abbiamo bisogno di leader europei che quando vanno a Bruxelles siano in grado di guidare le operazioni europee e non siano rinchiusi nel loro guscio nazionale. E Penso che Mario Draghi sia in una posizione ideale per questo”.