Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il conflitto tra Russia e Ucraina minuto per minuto | La prima nave carica di grano ucraino è partita dopo l’accordo

Il governo afferma che ci sono 203 bambini scomparsi nelle zone di conflitto in Ucraina

Il viceministro dell’Interno ucraino Katerina Pavlichenko ha annunciato lunedì che le autorità ucraine stanno attivamente cercando 203 bambini scomparsi, la maggior parte dei quali ha perso le tracce nelle aree di conflitto.

I media ucraini hanno citato Pavlichenko dicendo che dall’inizio della guerra lo scorso febbraio, 4.242 bambini sono stati registrati come dispersi, ma le autorità sono riuscite a trovarne 4.039.

Il Viceministro ha presentato queste informazioni in occasione della presentazione del sito web “Children of War”, attraverso il quale le autorità vogliono creare un’unica piattaforma per tutte le istituzioni interessate alla ricerca dei minori e delle loro famiglie.

“Contiene tutte le informazioni necessarie, dove andare e come agire quando un bambino è scomparso e non c’è contatto”, ha aggiunto.

La Russia inserisce nella lista nera 39 politici e uomini d’affari britannici

Il ministero degli Esteri russo ha annunciato oggi un nuovo elenco di sanzioni contro il Regno Unito, che comprende 39 politici, uomini d’affari e giornalisti legati al “corso ostile di Londra” contro Mosca.

“Dato che il Regno Unito continua ad applicare sanzioni contro rappresentanti dei circoli politici e sociali russi, lavoratori economici e media, è stato deciso di includere un certo numero di politici, uomini d’affari e giornalisti nella lista nera russa”. Lo ha annunciato il ministero degli Esteri russo.

Secondo Foreign Affairs, le persone sanzionate “appoggiano il corso ostile a Londra, si concentrano sull’offuscare l’immagine del nostro Paese e cercando il suo isolamento internazionale”.

“Come abbiamo più volte sottolineato, le azioni mortali del Regno Unito per seminare paura della Russia, diffondere false informazioni sul nostro Paese e sostenere il regime neonazista a Kiev riceveranno una risposta sufficiente e ferma da parte russa .” La dichiarazione diceva .. l’entità diplomatica russa.

Biden ha offerto a Putin di negoziare un trattato nucleare per sostituire quello attuale nel 2026

Questo lunedì, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha espresso la sua volontà di iniziare a negoziare “immediatamente” con la Russia un nuovo trattato per sostituire “New Start”, l’accordo tra i due paesi che limita il numero di armi nucleari che scadranno entro il 2026.

Biden ha fatto questa offerta in una dichiarazione in occasione della Conferenza delle Nazioni Unite sulla non proliferazione delle armi nucleari a New York, dove gli Stati Uniti saranno rappresentati dal Segretario di Stato Anthony Blinken.

Tuttavia, nella sua nota, il presidente degli Stati Uniti ha avvertito che qualsiasi negoziato “richiede un partner disposto ad agire in buona fede” e ha osservato che “l’aggressione brutale e ingiustificata della Russia in Ucraina ha infranto la pace in Europa e costituisce un attacco ai principi fondamentali del partito dell’ordine internazionale».

READ  La Corea del Sud ha lanciato un missile da un sottomarino dopo che il regime di Kim Jong-un ha lanciato missili balistici

Ha ritenuto che “in questo contesto, la Russia deve dimostrare la sua volontà di riprendere i lavori sul controllo degli armamenti nucleari con gli Stati Uniti”.

I produttori tedeschi di birra temono di tagliare il gas russo

Il consumo di birra in Germania si è ripreso nella prima metà dell’anno dopo il Covid-19, ma il rischio di un taglio alle forniture di gas russo incombe ora sui produttori di birra, che temono che la produzione venga interrotta.

“Senza gas, gli scaffali dei supermercati sarebbero vuoti”, ha avvertito l’Associazione dei produttori di birra, che per la sua produzione fa molto affidamento su questo combustibile fossile.

L’industria alimentare, dopo quella chimica, è il settore che utilizza più gas, soprattutto durante il processo di fermentazione, che è la prima fase nella produzione di bevande alcoliche.

Dopo un forte calo dei consumi durante la crisi sanitaria, torna la domanda di birra: i tedeschi hanno bevuto 3,6 miliardi di litri tra gennaio e giugno, con un aumento del 6,4% in un anno.

“L’industria della birra sta ancora operando in modalità di crisi”, avverte Holger Eshel, presidente della Federation of Breweries.

Aggiunge che al momento è “impossibile” sostituire il gas come principale fonte di energia e l’entità dello shock energetico “non può ancora essere stimata”.

Molti birrifici avevano già alzato i prezzi in risposta all’aumento dei costi di produzione, prima della guerra in Ucraina.

Dopo l’invasione russa, i prezzi di varie materie prime, a cominciare dal grano, sono nuovamente aumentati.

Soffrono i fornitori di birrifici, la cui produzione dipende anche dal gas, a cominciare dai produttori di bottiglie di vetro.

L’Ucraina annuncia di aver ricevuto aiuti dall’Unione Europea e dai lanciamissili tedeschi

Lunedì il governo ucraino ha annunciato di aver ricevuto la prima metà di un miliardo di euro di aiuti dall’Unione Europea, oltre ai lanciamissili Mars 2 forniti dalla Germania.

Il primo ministro Denis Shmyhal ha dichiarato tramite il suo account Telegram che l’importo è già nei conti della Banca nazionale ucraina (NBU).

“Stiamo aspettando che arrivi domani il secondo lotto”, ha aggiunto, sottolineando che gli aiuti fanno parte di un pacchetto più ampio, del valore di 9 miliardi di euro, per sostenere l’Ucraina nell’affrontare le conseguenze finanziarie della guerra.

“I fondi aiuteranno a finanziare le esigenze di bilancio prioritarie”, ha aggiunto il primo ministro.

D’altra parte, il ministro della Difesa ucraino, Oleksiy Reznikov, ha annunciato che i primi lanciarazzi multipli semoventi MARS II, dal produttore Krauss-Maffei Wegmann, erano già stati consegnati in Ucraina.

“Il terzo fratello di una famiglia di vasta portata, il tedesco MLRS MARS II, è arrivato in Ucraina”, ha scritto Reznikov su Twitter, ringraziando la sua controparte tedesca Christine Lambrecht.

READ  “Addio, serrande!”: CDMX ha presentato la prima flotta di autobus 100% elettrici.

L’Unione Europea trasferisce all’Ucraina un nuovo prestito di 500 milioni di euro

La Commissione europea ha inviato oggi all’Ucraina i primi 500 milioni di euro di un nuovo pacchetto di prestiti finanziari da 1.000 milioni di euro per aiutare il Paese durante l’invasione russa e completerà il trasferimento domani.

Per alleviare le difficoltà di finanziamento di Kiev, la Commissione europea sta prendendo in prestito denaro dai mercati per conto dell’Unione europea e lo trasferisce in Ucraina, paese che finanzia anche alcuni programmi comunitari.

Il dirigente della comunità ha affermato in una dichiarazione che i fondi annunciati si aggiungono ai 1.200 milioni di euro che l’Unione europea ha contribuito all’Ucraina nella prima metà dell’anno come aiuti di emergenza.

La Russia prevede di terminare la prima ricostruzione di Mariupol a settembre

La Russia, che attualmente occupa la città, ha annunciato lunedì che i primi edifici da ricostruire nella città portuale di Mariupol, nel sud-est dell’Ucraina, devastata da settimane di bombardamenti, apriranno a settembre.

“I primi edifici saranno pronti a settembre. I primi ospedali saranno pronti”, ha detto lunedì il vice primo ministro russo Marat Gusnolin alle trasmissioni televisive russe.

Venerdì Gusnolin ha presentato al presidente Vladimir Putin un piano per ricostruire Mariupol entro tre anni, un obiettivo che sembra troppo ambizioso data la portata della distruzione.

Le forze russe hanno catturato il porto strategico di Mariupol a maggio dopo settimane di assedio che hanno distrutto gran parte della città. Distrutti edifici residenziali, scuole, negozi e strade.

L’Unione europea invita la Russia a rispettare il “pieno accordo” sull’esportazione di grano ucraino

L’Unione europea lunedì ha accolto con favore l’uscita della prima nave carica di grano dall’Ucraina e ha chiesto la piena attuazione dell’accordo firmato a Istanbul per riprendere le esportazioni ucraine.

“Questo è un primo passo molto importante e gradito e attendiamo con impazienza la piena attuazione dell’accordo e la ripresa delle esportazioni ucraine verso i clienti di tutto il mondo colpiti dalla crisi alimentare” causata dal blocco russo dei porti ucraini, ha affermato . Peter Stano, portavoce del capo della diplomazia europea Josep Borrell.

La Russia afferma di aver distrutto due bombardieri HIMARS in Ucraina

Oggi, l’esercito russo ha distrutto due bombardieri americani HIMARS, durante un attacco a una fabbrica nella città ucraina orientale di Kharkov, che avrebbe causato la morte di cinquanta soldati, secondo il ministero della Difesa russo.

Il portavoce della difesa Igor Konashenkov ha dichiarato: “A seguito di un attacco di alta precisione alla città ucraina di Kharkiv, due lanciatori multipli HIMARS presso l’impianto ucraino di apparecchiature energetiche sono stati uccisi. Anche 53 nazionalisti ucraini e mercenari stranieri sono stati uccisi”.

READ  Idriss Déby, il dittatore africano che ha appena vinto il suo sesto mandato in Ciad, muore nei combattimenti

Secondo il comando russo, l’aviazione russa ha attaccato la posizione della 92a brigata meccanizzata dell’esercito ucraino a Kharkov, attacco che si è concluso con la morte di 200 soldati e la distruzione di 7 veicoli blindati.

Kiev definisce la revoca dell’embargo sul grano ucraino un “sollievo per il mondo”

Oggi il governo ucraino ha descritto l’apertura del grano ucraino come “un sollievo per il mondo”, riflettendo questa mattina la partenza della prima nave dal porto commerciale di Odessa.

“È un sollievo, soprattutto per i nostri amici del Medio Oriente, dell’Asia e dell’Africa”, afferma il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba tramite il suo account Twitter.

“L’Ucraina è sempre stata un partner affidabile e rimarrà finché la Russia rispetterà la sua parte dell’accordo”, continua la lettera.

Il ministero delle Infrastrutture ucraino ha comunicato oggi la partenza della prima nave con un carico di 26mila tonnellate di grano dal porto commerciale di Odessa sul Mar Nero, come ha poi confermato la Turchia.

Il Cremlino celebra la partenza della prima nave carica di grano dal porto di Odessa

Lunedì il Cremlino ha definito “positiva” la partenza della prima nave carica di grano dal porto ucraino di Odessa, nel sud del Paese.

“Per quanto riguarda la partenza della prima nave, questa è una cosa positiva”, ha detto il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov durante la sua conferenza stampa quotidiana. Peskov ha aggiunto che questa è una “buona opportunità per testare i meccanismi” concordati a Istanbul da Russia, Ucraina, Turchia e Nazioni Unite.

“Ci auguriamo che tutte le parti rispettino gli accordi e che il meccanismo (di esportazione) funzioni in modo efficace”, ha affermato.

La Turchia conferma che la nave del grano è salpata da Odessa a Istanbul

Il Ministero della Difesa turco e il Ministero degli Affari Esteri hanno ufficialmente confermato che la prima nave carica di grano ucraino ha lasciato il porto di Odessa e salpa per il Libano e poi per Istanbul.

Il viaggio si inserisce nel quadro dell’accordo firmato il 22 luglio a Istanbul tra Mosca, Kiev, Ankara e le Nazioni Unite, per consentire l’esportazione sicura del grano ucraino, vietato dall’invasione russa dell’Ucraina lo scorso febbraio.

A Istanbul è stato istituito un centro di coordinamento, con delegati dei tre paesi firmatari e delle Nazioni Unite, che avrà il compito di supervisionare la rotta delle navi e di ispezionare le spedizioni.

Secondo le autorità turche, non c’è pericolo di mine galleggianti sulla traiettoria delle navi.