Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I tre scenari giudiziari di Mancuso prima della decisione di nominarlo responsabile della pace

I tre scenari giudiziari di Mancuso prima della decisione di nominarlo responsabile della pace

23 luglio, Presidente Gustavo Pietro Ha annunciato, in un messaggio su Twitter, di aver deciso di nominare l’ex capo paramilitare Salvatore Mancuso Gomez Come direttore della pace per “raggiungere la pace completa” e chiudere il processo con le forze paramilitari che, ha detto, non sono finite nel senso che non si conosce tutta la verità.

(Leggi anche: Gustavo nominerà Pietro Salvatore Mancuso Direttore della Pace).

La dichiarazione, a cui manca ancora un decreto presidenziale che la traduca in realtà, lascia molte incertezze sul futuro giudiziario di Mancuso, attualmente detenuto dagli Stati Uniti.Ci sono tre scenari urgenti da risolvere.

1. Alla fine lo consegneranno alla Colombia?

Nel maggio 2008, Salvatore Mancuso faceva parte di un gruppo di 14 ex leader paramilitari estradati negli Stati Uniti per scontare accuse di traffico di droga, e Quasi 3 anni fa ha finito di scontare la sua condanna alla giustizia nordamericana per quel crimine, dopo aver scontato 15 anni di carcere, ma non è tornato in Colombia.

argomenti correlati

Nel Paese, contro Mancuso, ex leader dei gruppi Córdoba, Norte e Catatumbo nell’Auc, sono state emesse due sentenze dell’Organizzazione Giustizia e Pace, dinanzi alle quali la Procura della Repubblica lo ha accusato, tra l’altro, di 4.093 sfollamenti, sparizioni e omicidi. Queste condanne sono per gli otto anni di pena alternativa che Giustizia e Pace può concedere.

(Potrebbe interessarti: Debito nel risarcimento “expara” alle vittime di Mancuso)

La Colombia ha insistito per diversi anni affinché Mancuso fosse estradato dagli Stati Uniti in modo che potesse adempiere al suo debito di verità e risarcire le vittime. Infatti, in un’intervista a EL TIEMPO, ministro della Giustizia, Nestor Osuna ha ribadito: “È ricercato per la sua estradizione E il processo sta già andando avanti. La richiesta di estradizione è pendente davanti alle autorità nordamericane e siamo in attesa della loro risposta”.

(Vi invitiamo a leggere: “La gente parla del fatto che ci sono molte carceri, ma non le vuole vedere vicino alle loro case”: Minjusticia).

READ  Gli studenti di Guanajuato viaggiano verso l'Himalaya attraverso la tecnologia - Dipendenze Politen

Vale la pena dirlo Sebbene la sua spedizione fosse stata richiesta dalla Colombia, Mancuso cercò anche di farla spedire in Italia, poiché era di origini italiane.

L’unità investigativa di EL TIEMPO ha confermato a giugno che il processo amministrativo con cui Mancuso sta cercando di evitare l’estradizione in Colombia e andare in Italia si è spostato di nuovo e che è stata fissata un’udienza per il 22 agosto dove si potrebbe conoscere la decisione finale.

(Nel contesto leggi: ESCLUSIVO: fissa un appuntamento negli Stati Uniti per decidere il destino di Salvatore Mancuso.)

2. Cosa gli succederà nel PEC?

Mentre, Mancuso ha anche mosso chip per cercare di entrare nell’Autorità Giudiziaria Speciale per la Pace (PEC)un tribunale transitorio creato dopo la firma dell’accordo di pace con le FARC, che, fin dall’inizio, non è competente a processare ex paramilitari.

(Potrebbe interessarti: JEP, la Dichiarazione di Mancuso e i fatti perduti dei capi delle FARC).

JEP lo ha già respinto in due occasioni come ex comandante paramilitare, ma gli ha offerto un’opportunità unica per entrare finalmente nella persona del “soggetto materialmente e funzionalmente incorporato nella forza generale”cioè qualcuno che faceva da snodo tra le forze paramilitari e la forza generale.

(Potrebbe interessarti: Salvatore Mancuso si sta giocando l’ultima carta per entrare in JEP, di cosa si tratta?).

Per esaminare la sua ultima iscrizione sotto questo numero, il giudice di pace ha convocato l’ex capo paramilitare ad A.J. Un’udienza di 4 giorni a maggio, durante la quale gli sono state chieste varie spiegazioni sul suo ruolo nel conflitto armato colombiano.

In questo momento, la Camera Definizione Situazioni Giuridiche del PEC continua a studiare la petizione di Mancuso, quanto detto in udienza, e quanto poi l’ufficiale paramilitare ha presentato in vari documenti.

(Nel contesto si può leggere: PEC ha concesso a Mancuso 15 giorni per completare la relazione che aveva già presentato).

READ  Ucciso Juan Pablo Gonzalez, presunto aggressore di Hilary Castro: un'autopsia forense

In ogni caso, se vieni accettato nel PEC, ci sono quattro situazioni in cui le informazioni che fornisci possono essere utili.

Il primo è Total Case 08, che indaga sui crimini commessi dalla polizia e dai militari in collaborazione con le forze paramilitari.

Il secondo è macrocaso 04che privilegia lo status regionale di Regione di Uraba, Pajo Atrato e Darien, nelle province di Antioquia e Chocosui reati presumibilmente commessi da membri delle FARC, forze pubbliche e agenti statali senza uniforme.

Allo stesso modo, nell’inchiesta del Macro Case 03, che indaga sul ‘falsi positivi’Il PEC ha scoperto che casi come vittime consegnate alla forza pubblica dalle forze paramilitari venivano giustiziate e presentate come vittime di combattimento. Ben venga, dunque, anche quello che Mancuso deve chiarire in proposito.

In quarto luogo, ciò che confessi può anche aiutare il fascicolo dell’indagine Total Case 06, che indaga su una vittima del sindacato nazionaleDal momento che il PEC ha scoperto che in alcune occasioni può esserci un collegamento tra forza pubblica e forze paramilitari per assassinare e far sparire, tra gli altri crimini, militanti o simpatizzanti di partiti politici.

3. I mandati d’arresto possono essere revocati?

Nel marzo di quest’anno, si è appreso che il Giudice dell’esecuzione del Dipartimento di Giustizia e Pace del Tribunale di Bogotá aveva concesso all’ex capo paramilitare Salvatore Mancuso quattro anni di “prova” condizionale, Considerando che ha già scontato la pena massima di 8 anni che può essere inflitta dall’Organizzazione Giustizia e Pace.

In base a questa decisione, al suo ritorno in Colombia, Mancuso potrebbe essere rilasciato con il processo. Ma non bisogna dimenticare che questa non è l’unica contro l’ex comandante dell’esercito australiano.

(Vi invitiamo a leggere: Il caso contro il cantante Vallenato per i suoi legami con i signori della droga nascosti in Venezuela).

READ  Esempio Spagna - ESPN

Nel gennaio 2020, infatti, la Suprema Corte di giustizia ha stabilito che, una volta nel Paese, Mancuso non può riconquistare la libertà per conto di Indagini nella magistratura ordinaria in caso di riciclaggio, traffico di sostanze stupefacenti e associazione a delinquere, I reati che avrebbe potuto commettere dopo il congedo.

Ma anche nel quadro della politica di “pace globale” e del riavvicinamento con vari gruppi illegali, La Procura della Repubblica ha categoricamente rifiutato di emettere mandati di cattura per persone che non fanno parte di gruppi politici. È il caso della revoca dei mandati d’arresto che il governo aveva richiesto ad alcuni leader del ‘clan del Golfo’, che l’imputato ha rifiutato perché da allora non disponeva di un quadro giuridico. Non è stata approvata alcuna legge per assicurare alla giustizia strutture armate organizzate ad alto impatto per reati di natura politica.

(Nel contesto, leggi: La Procura della Repubblica si rifiuta di sospendere i mandati di arresto per i leader del clan Del Golfo.)

Quando gli è stato chiesto, Aligo Vargas è professore di Scienze Politiche all’Università Nazionale e ricercatore su sicurezza, difesa e pace. Riteneva che questo sarebbe stato un ostacolo per Mancuso, poiché faceva parte di un gruppo che non aveva riconoscimento politico.

“Qui siamo in uno stato di giustizia e la legge non è stata nemmeno approvata. Il caso non è stato ancora sviluppato. È chiaro che questa figura per l’emissione dei mandati di cattura non ha quella possibilità di applicarsi a gruppi di criminalità organizzata senza riconoscimento politico, che sarebbero inquadrati in questo caso. Penso che al momento non andrà oltre questa dichiarazione perché prima manca la legge, dopo c’è l’approvazione della Procura”.

Leggi le altre note di Justice: