Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I migliori medici raccolgono 11,2 milioni da Impact Fund

Top Doctors, una piattaforma di appuntamenti medici online, ha raccolto 11,2 milioni di euro (13 milioni di dollari) in un round di investimenti guidato dal fondo francese Impact Partners. All’operazione ha partecipato anche Institut Català de Finances con il veicolo ICF Venture Tech II e l’amministratore di Inveready, che aveva finanziato la società nelle fasi precedenti, l’ha abbandonata. Dalla sua nascita, l’azienda ha raccolto altri sei milioni.

“Investiremo denaro per accelerare la crescita della piattaforma. Vendiamo tecnologia a ospedali, centri medici e laboratori”, ha affermato l’amministratore delegato Alberto Borciani, fondatore dell’azienda con Lorena Basas. Entrambi sono ancora i principali azionisti della società anche se hanno perso la maggior parte del loro capitale con questo aumento.

La “startup” vuole assumere 100 persone e integrarsi in Europa e America Latina

L’attività si basa su un modello di abbonamento in cui le aziende pagano i migliori medici per l’utilizzo di software di gestione degli appuntamenti online, prescrizioni con il paziente, ecc. Questa attività contribuisce al 95% del reddito mentre il 5% proviene dalla piattaforma di incontri disponibile per tutti gli utenti di Internet. Questo servizio è gratuito per pazienti e medici. I professionisti compaiono nell’elenco gratuitamente (dopo un sistema di selezione) e pagano solo se vogliono attivare il servizio di prenotazione», precisa il manager.

Con queste due attività, l’azienda ha guadagnato circa 10 milioni di euro nel 2020 e prevede di raggiungere i 13,8 milioni quest’anno. “La pandemia ha fatto esplodere la medicina su Internet”. Top Doctors assicura di avere 20.000 professionisti medici registrati e 15 milioni di utenti attivi mensili – 200 milioni all’anno – che utilizzano il servizio gratuitamente. L’implementazione è avvenuta in Spagna, dove è iniziata nel 2013, e anche all’estero dove ha fatto un salto di qualità nel 2015. “Siamo presenti in Messico, Italia, Regno Unito, Colombia, Cile e Argentina e abbiamo recentemente chiuso un’alleanza in Arabia Saudita. “

READ  Le altre volte Cristiano ha scosso le aziende in Borsa

Con i fondi ricevuti, la piattaforma vuole rafforzarsi nei paesi in cui opera e investire risorse nello sviluppo tecnologico. Per fare questo, prevede di assumere un centinaio di persone nei prossimi mesi. “Integreremo circa 70 professionisti presso la sede di Barcellona, ​​​​dove già impieghiamo 160 persone, e ne firmeremo altri 30 nelle filiali”. L’azienda ha un importante centro uffici in Messico, con 130 dipendenti. Tuttavia, la sede centrale è in Delaware, negli Stati Uniti, “su richiesta degli investitori”, afferma Borciani.