Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia sarà il Paese con le normative più severe contro il Covid-19 al mondo

Primo emendamento:

A due giorni dall’entrata in vigore della vaccinazione obbligatoria di tutti i lavoratori del settore pubblico e privato nel Paese, alcuni partiti politici chiedono un allentamento del provvedimento, mentre i sindacati minacciano di continuare le manifestazioni e attuare blocchi in aree importanti per l’economia italiana.

Da venerdì 15 ottobre l’Italia sarà il primo Paese ad attuare le tessere sanitarie Covid-19 come misura obbligatoria per tutti i lavoratori del settore pubblico e privato. È una misura per alcuni sindacati, imprese e politici che causerà carenze piuttosto che promuovere la vaccinazione.

E sebbene oltre l’80% degli italiani di età superiore ai 12 anni sia stato completamente vaccinato e vi sia anche il “passaporto Covid” obbligatorio per gli insegnanti, il governo del presidente del Consiglio Mario Draghi ritiene che queste misure non siano sufficienti per garantire un alto livello di immunitaria e prevenire le epidemie Nuove malattie ed evitare una ricaduta nell’attività economica come si è verificato nel 2020 e all’inizio del 2021.

L’Italia, primo Paese europeo colpito dall’epidemia di coronavirus nel febbraio 2020, ha pagato a caro prezzo più di 130mila morti.

Per questo il gabinetto Draghi, con il sostegno dei partiti della coalizione, ha approvato a metà settembre il regolamento più duro del mondo contro il Covid-19 fino ad oggi: obbligo per tutti i lavoratori di fornire un ‘Green Pass’ per recarsi sul posto di lavoro, negativo test per il virus Meno di 48 ore o un recente certificato di guarigione dall’infezione.

I partiti di estrema destra ‘Liga’, ‘Hermanos de Italia’ e alcuni sindacati sostengono che per evitare carenze di personale la validità dei test Covid-19 dovrebbe essere estesa da 48 a 72 ore e propongono che siano gratuiti per chi ha non è stato vaccinato.

READ  I dati peggiori: il 70% dei giovani vuole lasciare il Paese, i motivi sono tristi

“Non potremo fare uno striscio ogni 48 ore per tutti i non vaccinati. Gli uomini d’affari con cui sono in contatto sono molto preoccupati”, ha detto Luca Zaia, governatore della ricca regione nord-orientale del Veneto.

I dipendenti che si rifiutano di rispettare la norma subiranno la sospensione degli stipendi, oltre a una multa di 1.500 euro e i datori di lavoro che consentono a persone di lavorare senza il documento di valore dovranno affrontare una multa da 600 a 1.000 euro. Inoltre, le persone non potranno scegliere di lavorare da casa come eccezione alla regola.

“Si tratta di una misura molto restrittiva che può compromettere seriamente la stabilità sociale ed esacerbare una situazione già complessa”, ha affermato il sindacato UIL in una nota.

Secondo le stime del ministero della Funzione pubblica, il 15% dei lavoratori del settore privato e circa 250mila persone su 3,2 milioni di dipendenti pubblici, pari al 7,8%, non sono stati vaccinati.

I sindacati protestano per l’attuazione delle più severe regole Covid-19 al mondo

Sebbene la maggioranza degli italiani sostenga la politica del “corridoio verde” secondo i sondaggi di opinione pubblica nel Paese, questa misura ha scatenato numerose manifestazioni che hanno portato a rivolte, incendi e distruzione di proprietà pubbliche.

Solo sabato scorso le mosse organizzate da sindacati come CUB, USB e Cobas a Milano hanno chiamato circa 2.000 persone, a Genova 2.500, almeno 2.000 si sono incontrate a Torino e altre 1.000 a Trieste, poiché i lavoratori hanno rifiutato il vaccino che avevano minacciato di chiudere il principale porto economico di questo luogo, se la regola non viene annullata.

“Non abbiamo altre alternative, sciopero o test, altrimenti ci fermano”, ha detto all’Afp David, tecnico veronese del movimento antivaccino.

Secondo i media locali, nel centro di Roma, le mosse che si sono concluse con una feroce battaglia hanno lasciato 12 detenuti e 600 identità, che hanno mostrato per le autorità l’infiltrazione di gruppi fascisti e di estrema destra tra quelli considerati antivaccini.


A seguito dei disordini avvenuti lo scorso fine settimana, il Partito Democratico ha lanciato una proposta per lo scioglimento di “Forza Nova”, una delle organizzazioni fasciste identificate dalle autorità come una delle responsabili del caos di sabato scorso e principale mandante della distruzione. Alla sede della Federazione Cgil di sinistra.

Con EFE e Reuters