Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Hanno trovato la stella più lontana della galassia a una distanza di un milione di anni luce dalla Terra

Illustrazione degli aloni interni ed esterni della Via Lattea. L’alone è una nuvola sferica di stelle che circonda una galassia (NASA, ESA e A. Field (STScI)

più di 200 stelle variabili —che subisce variazioni di luminosità— È stato scoperto nell’alone della nostra stella galassiail Via Lattea, da astronomi e astrofisici di Università della California Santa Cruz (UCSC). La più lontana di queste stelle, conosciuta come RR Lerayè stato scoperto in più di milioni di anni luce dalla Terra, circa la metà della distanza tra la nostra galassia e quella vicina, Andromedache dista circa 2,5 milioni di anni luce.

Secondo gli autori dello studio, le caratteristiche pulsazioni e luminosità delle stelle RR Lyrae le rendono eccellenti “candele standard” per misurare le distanze galattiche. Queste nuove osservazioni hanno permesso ai ricercatori di tracciare i limiti esterni dell’alone della Via Lattea.

“Questo studio ridefinisce ciò che costituisce il confine esterno della nostra galassia”, ha affermato Raja Guathakurta, professore e presidente di astronomia e astrofisica presso l’Università della California, in California. “La nostra galassia e Andromeda sono così grandi che non c’è spazio tra le due galassie”.

Fen ha detto:
“Solo gli astronomi sanno quanto sia doloroso ottenere tracker affidabili da tali distanze”, ha detto Feng. (Samuel de Roman/Getty Images)

GuhaThakurta ha spiegato che la componente dell’alone stellare della nostra galassia è molto più grande del disco, che è largo circa 100.000 anni luce. Il nostro sistema solare si trova in uno dei bracci a spirale del disco. Al centro del disco c’è un rigonfiamento centrale, e intorno ad esso c’è un alone contenente le stelle più antiche della galassia e che si estende per centinaia di migliaia di anni luce in tutte le direzioni. “L’aura è la parte più difficile dello studio perché confini esterni “Sono molto lontani”, ha aggiunto. “Le stelle sono molto rare rispetto all’elevata densità stellare del disco e del rigonfiamento, ma l’alone è dominato dalla materia oscura e in realtà contiene la maggior parte della massa della galassia”.

READ  Non ci sono piani al momento

Yuting Feng, Uno studente di dottorato che lavora con GuhaThakurta all’UCSC ha guidato il nuovo studio e ha presentato le sue scoperte in due discorsi durante una riunione. Società astronomica americana, a Seattle. Ha detto che precedenti studi di modellazione avevano calcolato che l’alone stellare dovrebbe estendersi a circa 300 kiloparsec, o 1 milione di anni luce, dal centro galattico. Gli astronomi misurano le distanze delle galassie in kiloparsec. Un kiloparsec equivale a 3260 anni luce. il 208 stelle RR Lyrae scoperti da Feng e dai suoi colleghi erano tra i 20 ei 320 kiloparsec di distanza.

“Siamo stati in grado di utilizzare queste stelle variabili come tracciatori di distanza affidabili”, ha detto Feng. “Le nostre osservazioni confermano le stime teoriche delle dimensioni dell’alone, quindi è una scoperta importante”. I risultati si basano sui dati di Virgo Next Generation Cluster Survey (NGVS), programma utilizzato Telescopio Canada-Francia-Hawaii (CFHT) Per studiare un gruppo di galassie ben oltre la Via Lattea. Il sondaggio non è stato progettato per rilevare le stelle RR Lyrae, quindi i ricercatori hanno dovuto estrarlo dal set di dati. L’ammasso della Vergine è un grande gruppo di galassie che include la gigantesca galassia ellittica M87.

“Questo potente campione di lontane stelle RR Lyrae ci offre uno strumento molto potente per studiare l’alone e testare i nostri modelli attuali delle dimensioni e della massa della nostra galassia” (EFE)

“Per un’esposizione profonda di M87 e delle sue galassie circostanti, il telescopio ha catturato anche le stelle in primo piano nello stesso campo, quindi i dati che abbiamo utilizzato sono una specie di sottoprodotto di questa indagine”, ha spiegato Feng. Secondo GuhaThakurta, l’eccellente qualità dei dati NGVS ha permesso al team di ottenere la caratterizzazione più affidabile e accurata di RR Lyrae a queste distanze. Le RR Lyrae sono stelle antiche con proprietà fisiche molto specifiche che le fanno espandere e contrarre in un ciclo che si ripete regolarmente.

READ  WhatsApp | Perché il calendario delle emoji segna il 17 luglio | Storia | Storia | luglio | Significato | calendario | Applicazioni | Applicazioni | Smartphone | Telefoni cellulari | Stati Uniti | Messico | Spagna | NNDA | NNNI | GIOCO SPORTIVO

“Il modo in cui cambia luminosità sembra un elettrocardiogramma, lo è Come il battito del cuore di una galassia, quindi la luminosità aumenta rapidamente e diminuisce lentamente, e il ciclo si ripete esattamente con questa forma molto distinta “, ha detto GuhaThakurta. “Inoltre, se misuri la loro luminosità media, sarà la stessa da una stella all’altra. Questa combinazione è ottima per studiare la struttura galattica”.

Il cielo è pieno di stelle, alcune più luminose di altre, ma una stella può sembrare splendente perché è troppo luminosa o perché è così vicina, e può essere difficile distinguere. Gli astronomi possono identificare la stella RR Lyrae dalle sue caratteristiche pulsazioni e quindi utilizzare la sua luminosità osservata per calcolare quanto è lontana. Tuttavia, le procedure non sono semplici. Oggetti distanti, come i quasar, possono camuffarsi da stelle RR Lyrae.

Raja Guathakurta ha detto:
“Questo studio ridefinisce ciò che costituisce il confine esterno della nostra galassia”, ha detto Raja Guathakurta.

“Solo gli astronomi sanno quanto sia doloroso ottenere tracker affidabili da tali distanze”, ha detto Feng. “Questo potente campione di lontane stelle RR Lyrae ci offre uno strumento molto potente per studiare l’alone e testare i nostri modelli attuali delle dimensioni e della massa della nostra galassia”.

Questo studio si basa sulle osservazioni ottenute con MegaPrime/MegaCam, un progetto congiunto CFHT e CEA/IRFU, sul Canada-France-Hawaii Telescope (CFHT), gestito dal National Research Council (NRC) del Canada, National Institute of Science. de l’Univers del Centro nazionale per la ricerca scientifica (CNRS) in Francia e dell’Università delle Hawaii.

Continuare a leggere