Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Hanno scoperto un’enorme eruzione vulcanica su una delle lune di Giove Questo fenomeno è stato catturato da un piccolo telescopio robotico

Il Planetary Science Institute riferisce di aver catturato una massiccia eruzione vulcanica su Io, una delle lune di Giove.. Il fenomeno si è verificato la scorsa settimana ed è stato catturato con un piccolo telescopio robotico presso l’Io Input/Output Observatory (IoIO) fuori Benson, in Arizona.

La scoperta è stata fatta da Jeff Morgenthaler, che dal 2017 si dedica all’osservazione dell’attività vulcanica sul satellite. Io fu scoperto da Galileo Galilei nel 1610..

È una delle quattro lune più grandi e la più vicina al pianeta più grande del sistema solare. Allo stesso tempo, È il corpo celeste vulcanicamente più attivo dello stesso sistema, poiché sulla sua superficie sono presenti centinaia di vulcani, in grado di vomitare zolfo ad un’altezza di diverse centinaia di chilometri..

Perché c’è così tanta attività vulcanica lì? Secondo la NASA, È dovuto alla forza di marea che provoca l’attrazione gravitazionale di Giove e delle sue lune Ganimede ed Europa.

L’esplosione è stata rilevata grazie al telescopio IoIO utilizzando una tecnologia che attenua la luce proveniente da Giove. Pertanto, è possibile ottenere immagini di gas deboli vicino al satellite. In questo modo, Morgenthaler ha potuto accorgersene Aumento della luminosità del sodio e dello zolfo ionizzato tra Giove e la sua lunaavvenuti tra luglio e dicembre 2022.

Gli scienziati spiegano che lo zolfo ionizzato forma una struttura simile a una ciambella che circonda il pianeta. Perché, Si chiamava “toroide Ioplasma”..

“Questo potrebbe dirci qualcosa sulla composizione dell’attività vulcanica che ha causato l’eruzione, o potrebbe dirci che l’anello è più efficiente nello spargimento di materiale quando più materiale viene gettato al suo interno”.disse Morgenthaler.

READ  Scoprono che il nucleo della Terra ha smesso di ruotare e ciò potrebbe avere conseguenze catastrofiche

Le osservazioni IoIO possono essere integrate dai dati in arrivo a fine anno dalla sonda spaziale Juno della NASA. Poiché molti degli strumenti della sonda sono sensibili al plasma, i dati possono essere confrontati con quelli dell’attività vulcanica registrati nei giorni scorsi..

“Le misurazioni di Juno possono dirci se questa eruzione ha avuto una composizione diversa rispetto ai suoi predecessori”, ha detto Morgenthaler. “Una delle cose interessanti di queste osservazioni è che possono essere riprodotte da quasi tutte le piccole università o aspiranti astrofili”..

“Quasi tutte le parti utilizzate per costruire l’IoIO sono disponibili nei negozi di telescopi o fotocamere di fascia alta”, ha aggiunto.