Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli agrumi valenciani crescono all’estero mentre la produzione diminuisce in Italia

L’agrumeto sta per chiudere uno studio nella provincia di Castelln Una certa coerenza Per quanto riguarda le esportazioni, sollecita le amministrazioni a promuovere ulteriormente il prodotto sia all’interno che all’esterno della Spagna.

Secondo gli ultimi dati della Direzione Regionale del Commercio della Comunità Valenciana, Da gennaio a settembre Castellon ha esportato 440,1 milioni di euro, Vale molto Aumento anno su anno del 2,5%. Si tratta di un piccolo aumento, ma è già lontano dal ribasso terminato lo scorso anno: 721 milioni di euro nel 2021, un calo del 7,3% al tasso provvisorio.

L’Europa continua ad essere il mercato principale per gli agrumi di Castellane, con Clemenules come varietà stellare.

Il Esporta in Italia Questo è uno dei principali fattori che guidano la raccolta delle vendite accumulate fino a settembre. E questo fino al mese precedente, il Le esportazioni del settore sono superiori del 61,7% rispetto allo stesso periodo del 202126,8 milioni di euro.

Ne hanno parlato da Uni Llauradora i Ramadera La produzione italiana è in calo Ecco perché i consumi interni si sono contratti nella campagna in corso. In questo modo il mercato transalpino ha incrementato gli acquisti esteri di agrumi, Ne beneficiano province come Castelln.

a questo proposito Il più alto aumento anno su anno nelle classifiche del commercio estero. La crescita della domanda in Germania è stata di 133,9 milioni di euro, l’11,7% in più rispetto a un anno fa.

Al secondo posto la Francia, che ha acquistato quasi 83 milioni di euro, praticamente la stessa cifra del 2021.

Il terzo mercato estero, l’Olanda, ha aumentato le proprie importazioni dell’1,6%, portando il totale a quasi 50 milioni di euro.

READ  I casinò online porteranno alla scomparsa di quelli fisici?

Il quarto cliente in classifica, La Gran Bretagna ha ridotto la sua domanda del 24,8% al momento della Brexit e con un valore di 26,8 milioni di euro. L’Italia, quinta destinazione, ha aumentato le sue importazioni del 61,7%. Il Belgio, sesto paese, ha diminuito i suoi acquisti del 14,8% con 19,4 milioni di euro. Il settimo, il mercato polacco, ha acquistato il 7,1% in meno, con un fatturato di 17,5 milioni di euro.

La Svezia, ottavo posto per gli agrumi di Kasteln, ha importato 14 milioni di euro, in crescita del 3%, mentre il nono paese, la Finlandia, ha ridotto la sua domanda del 2,2%, raggiungendo un valore di 10,3 milioni di euro.

Infine, la Repubblica Ceca ha acquistato agrumi da Castellon per un valore di 8,1 milioni di euro, il 9,2% in meno rispetto a un anno fa.

Vediamo quindi che l’azienda elettrica ha ridotto del 50% le sue esportazioni, almeno fino a settembre, verso i primi dieci clienti esteri.

Il I produttori hanno elogiato la recente campagna pubblicitaria della Generalitat Valenciana per etichettare arance e mandarini di Valencia. E sollecitano il governo centrale a proporre iniziative simili nei mercati europei e nei paesi terzi.

In attesa di riconoscimento emotivo

  • Commissione europea. Aggiunge Citricoltura della comunità La Commissione Europea attende due anni per riconoscere la sua produzione come sensibile, Un elenco che tutela gli interessi del settore prima di rivedere gli accordi Ue con paesi terzi come il Sudafrica sulla loro penetrazione nel mercato. Questa è l’affermazione dell’industria agrumicola spagnola e alla fine andrà a vantaggio dell’intera industria agrumicola europea. Il forum o “lobby” degli agrumi di Valencia ha iniziato a funzionare due anni fa e attualmente la richiesta non è stata ancora affrontata.
  • Vantaggio.L’elenco è obbligatorio. Produttori e Consentire di non rinunciare alle tasse Negli accordi commerciali dell’UE con paesi terzi come il Sud Africa o fissare quote di tonnellate massime.
READ  Porto Rico-Serbia e Repubblica Dominicana-Italia per le semifinali a Belgrado

Uni condanna il “silenzio” sul contratto con il Sudafrica

Uni Lauradora ha condannato questo mercoledì, e sono già passati cinque anni dalla firma dell’anno scorso. L’accordo di libero scambio tra l’Unione europea e il Sudafrica, paesi che includono il Sudafrica, E nessuna informazione sul loro processo di revisione è auspicabile e necessaria.

L’articolo 116 dell’accordo stabilisce che, dopo cinque anni dalla sua entrata in vigore nell’ottobre 2016, entrambe le parti possono rivedere integralmente l’accordo.

Esortiamo il segretario generale dell’Uni, Carles Peris, la Commissione europea e le altre istituzioni dell’UE, e nel nostro caso, il governo spagnolo, a promuoverne la revisione e ad esaminarne le conseguenze in profondità. così come le conseguenze Fitosanitario È nell’industria europea degli agrumi. Ratificare o firmare accordi come quello in Sudafrica è un grave errore perché non ci sono studi sulle sue conseguenze commerciali o sulle conseguenze economiche, sociali e ambientali dell’introduzione di parassiti o malattie. Con Cotonet del Sud Africa.

Circa 200 interruzioni

Secondo i dati dell’università, dalla firma dell’accordo nel 2016, ci sono state un totale di 191 infestazioni di agrumi nell’UE con parassiti sudafricani. La crescita è stata progressiva, 3 nel primo anno e 54 lo scorso anno. La maggior parte di questi rifiuti Insetti molto dannosi Come il falso punteruolo o Tamatotybia leucotrata o macchia nera, i requisiti e le restrizioni dell’uni incoraggiano ad aumentare la domanda alla fonte.

Inoltre, nei mesi di ottobre e novembre ci sono state 80 intercettazioni, pari al 42% del totale. Il dato è significativo perché l’accordo prevede che dal 15 ottobre al 30 novembre le arance sudafricane possano entrare con tariffe progressivamente decrescenti fino a scomparire definitivamente nel 2025. Le misure concordate all’epoca per estendere il periodo commerciale dell’accordo dal 15 ottobre al 30 novembre hanno aumentato il volume delle importazioni e del bottino. mercato Importante.

READ  Riepilogo e classifica Giro d'Italia 2022 Livello 18

Per questo l’uni si è impegnata a ripristinare la struttura pre-convenzionale, in base alla quale esportare solo arance fino al 15 ottobre e fissare una scadenza per i mandarini fino al 15 settembre, poi di nuovo. Regime di pagamento Ordinare il commercio in un momento in cui la produzione europea di agrumi non scarseggia.

Secondo il criterio di

Schema fiduciario

Scopri di più