Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vaccino Johnson & Johnson: sono stati esaminati i casi di trombosi

L’Agenzia europea per i medicinali venerdì ha detto che stava studiando i collegamenti tra il vaccino Govt di Johnson & Johnson e casi di coagulazione del sangue e stava espandendo le sue indagini su Astrogeneka per problemi vascolari.

L’EMA ha sottolineato che il suo team aveva “iniziato” a proteggere “uno studio” del Johnson & Johnson Laboratory per valutare le informazioni sugli eventi tromboembolici negli individui vaccinati. Il vaccino è stato approvato dall’Unione Europea ma non è ancora stato utilizzato.

“Quattro gravi casi di coagulazione anormale associata a una bassa conta piastrinica dopo la vaccinazione con il vaccino COVID-19 Jansen”, ha detto l’EMA, citando il nome della filiale europea con sede negli Stati Uniti.

“Un caso si è verificato durante una sperimentazione clinica e tre si sono verificati durante la vaccinazione negli Stati Uniti. Uno di questi è stato fatale”, ha aggiunto l’EMA.

Il vaccino Johnson & Johnson è stato approvato dal regolatore europeo e l’implementazione nei paesi dell’UE inizierà ad aprile.

L’annuncio arriva mentre l’organizzazione di Amsterdam sta esaminando casi di coaguli di sangue nelle persone che ricevono il vaccino estrogeno e riconoscendo che si tratta in realtà di effetti collaterali.

Perdite capillari

L’EMA ha dichiarato venerdì che stava studiando ulteriori possibili collegamenti tra il vaccino astrogenico e problemi vascolari.

La società ha detto che stava esaminando cinque casi relativi alla sindrome della lega capillare, che sono “caratterizzati da fuoriuscita di liquidi dai vasi sanguigni, che causa gonfiore dei tessuti e abbassamento della pressione sanguigna”.

“Un legame di causa ed effetto non è stato ancora stabilito chiaramente”, ha detto in un comunicato l’EMA.

READ  L'Italia 'Cuor di Leone' batte l'Europa

Entrambi i vaccini Johnson & Johnson, come AstraZeneca, utilizzano la tecnologia vettoriale dell’adenovirus.

Dopo aver esaminato entrambi i casi, l’EMA ha affermato che “determinerà se è necessaria un’azione disciplinare”. Ciò può includere la segnalazione di potenziali effetti collaterali.

L’agenzia ha detto di essere a conoscenza questa settimana di tre coaguli di sangue che si sono verificati dopo le vaccinazioni con Johnson & Johnson, ma non sono stati segnalati decessi.

Il numero di casi era “estremamente basso” rispetto alla dose di 4,5 milioni di vaccino Johnson & Johnson somministrata in tutto il mondo, sottolineando Peter Arlette, capo della protezione dei farmaci dell’EMA.