Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Fame nel granaio del mondo: l’insicurezza alimentare acuta in Argentina è raddoppiata in cinque anni

Dati allarmanti della FAO sulla fame in Argentina. (EFE / Juan Ignacio Roncoroni)

La crescita della povertà in Argentina è un processo che va avanti da diversi decenni quasi ininterrottamente, con alcuni periodi di miglioramento, ma è notevolmente peggiorato negli ultimi cinque anni, soprattutto con la pandemia di coronavirus.. Un Paese esportatore agricolo, quindi, che produce cibo per circa 400 milioni di persone, in cui più del 10% della sua popolazione vive in un contesto di grave insicurezza alimentare.

Lo dimostra l’ultimo panorama regionale della sicurezza alimentare e nutrizionale per l’America Latina e i Caraibi condotto dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO). Lì l’organizzazione internazionale ha indicato che Tra il 2018 e il 2020, 5,7 milioni di persone nel paese erano gravemente insicuri dal punto di vista alimentare. In sostanza, ciò significa che il 12,6% della popolazione non mangia uno o più giorni a causa della propria incapacità di procurarsi un’alimentazione adeguata.

La gravità di questa situazione risiede nell’enorme aumento del numero di persone con insicurezza alimentare negli ultimi cinque anni. Secondo la FAO, questo numero è finora raddoppiato in Argentina, dove nel 2014-2016 c’erano 2,5 milioni di persone con gravi problemi per poter ottenere un’alimentazione adeguata, ovvero il 5,8% della popolazione in quel momento.

Sebbene questo sia un problema che si è verificato nel contesto regionale, la cosa preoccupante è che l’Argentina lo ha fatto a un livello superiore, superiore a quanto registrato in Sud America e in tutta l’America Latina e nei Caraibi.. Ad esempio, in Sud America, la percentuale della popolazione in condizioni di insicurezza alimentare è aumentata dal 6% al 9,8%, mentre in America Latina e nei Caraibi è aumentata dall’8,1% all’11,3%. In altre parole, l’aumento in Argentina non si è verificato con persone in uno stato così indebolito in tutto il continente.

Dati allarmanti sull'obesità.  (Fonte: FAO)
Dati allarmanti sull’obesità. (Fonte: FAO)

Se si aggiunge al calcolo la percentuale della popolazione con insicurezza alimentare moderata, il numero aumenta ancora di più. Nel 2014-2016, il 19,2% (circa 8,3 milioni di persone) era in questa condizione. Oggi rappresenta il 35,8% (16,8 milioni). Questi numeri sono più coerenti con la regione: in America Latina e Caraibi è del 34,8% e in Sud America è del 33,1%.

READ  Alberto Fernandez ha invitato il nuovo presidente cileno Gabriel Borek a visitare l'Argentina il mese prossimo

Regione

Quando apri il panorama, il rapporto si concentra in modo specifico sull’intera area. In questa fase, La FAO ha riferito che in un solo anno, nel contesto della pandemia di COVID-19, il numero di persone che soffrono la fame in America Latina e nei Caraibi è aumentato di 13,8 milioni, portando il numero totale di persone a 59,7 milioni.. Allo stesso modo, l’insicurezza alimentare colpisce 267 milioni di persone e 106 milioni di adulti obesi.

Di fronte a una situazione del genere, il rappresentante regionale dell’agenzia accreditata dall’ONU, Julio Berdegui, ha avvertito: “Dobbiamo dirlo forte e chiaro: l’America Latina e i Caraibi stanno affrontando una situazione critica per quanto riguarda la loro sicurezza alimentare. C’era quasi un aumento del 70% della fame tra il 2014 e il 2020.

Da parte sua, il direttore del Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (IFAD), un’istituzione che ha collaborato alla preparazione del rapporto, ha affermato: rosana polastriNotare che “Sebbene la pandemia abbia esacerbato la situazione, la fame è in aumento dal 2014. Dobbiamo correggere le profonde debolezze dei nostri sistemi alimentari, renderli più inclusivi e sostenibili e garantire il benessere delle persone che nutrono le nostre comunità. “

“Sebbene l’epidemia abbia esacerbato la situazione, la fame è in aumento dal 2014”. (Rosana Polastri)

Pertanto, il lavoro che ha coinvolto l’Organizzazione Panamericana della Sanità (PAHO), l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il Programma Alimentare Mondiale (WFP) e il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia (UNICEF), ha affermato che in Sud America, la prevalenza e l’aumento di insicurezza alimentare moderata o grave di 20,5 punti percentuali tra il 2014 e il 2020, mentre in America Centrale si è registrato un aumento di 7,3 punti percentuali nello stesso periodo.

READ  Almeno 16 persone sono morte in un incidente aereo nella Russia occidentale

Peggio ancora, la prevalenza dell’insicurezza alimentare acuta nella regione (persone che hanno finito il cibo o sono rimaste un giorno o più senza mangiare) ha raggiunto il 14% nel 2020, per un totale di 92,8 milioni di persone, un aumento significativo rispetto al 2014, quando era colpito i 47,6 milioni di persone.

Continuare a leggere: