Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una vacanza per la vittoria e il contratto con Messi, la strategia del re dell’Arabia Saudita per lavare la sua immagine

Corona Maometto bin Salman Devo ringraziare molto la nazionale saudita per aver raggiunto Storica vittoria per 2-1 sull’Argentina Alla sua prima apparizione Mondiali del Qatar.

vacanzaE le strade di grandi festeggiamenti e un enorme sorriso di contentezza in tutti i palazzi del regno coronano il sogno della vittoria. Il calcio copre tutto. È il maggiore Lavaggio viso Una monarchia ha scelto lo sport come bandiera per mostrare al mondo una nuova immagine che mette da parte il volto più oscuro del paese.

Leggi anche: Tre mogli e una vita di lusso: luci e ombre dietro l’emiro del Qatar, il grande promotore della Coppa del Mondo

I due gol segnati al Lusail Stadium sono stati un balsamo per i Royals. Il mondo non parla in questi giorni della CIA che considera il principe ereditario e primo ministro saudita il primo sospettato della trasmissione Tagliare la testa e un quarto giornalista dissidente Jamal Kashoggi Al consolato saudita di Istanbul nel 2018.

D’altronde tutti parlano della storica vittoria della propria squadra sull’Argentina in Lionel Messiche lo aveva già sedotto con un contratto milionario per trasformarlo in una specie di ambasciatore turistico del regno wahhabita.

Investimenti milionari, sport e fragili riforme per migliorare il volto del regno

L’Arabia Saudita sta seguendo le orme del Qatar. Ha già comprato l’inglese Newcastle, che ha acquisito Fondo di investimento pubblico sauditaGuidato da Mohammed bin Salman. Non è il Paris Saint-Germain, il cui portafoglio di gas e petrolio si gonfia a Doha, ma la squadra britannica è già terza in Premier League grazie a un’importante infusione di petrodollari.

Il sogno di avere Messi al Newcastle è stato compensato con uno scomodo contratto da 1 milione di dollari per trasformare il calciatore di Rosario in un promotore turistico saudita. Così, il volto della stella argentina potrà aiutare il regno a consolidare la sua candidatura per il Nilo Mondiali 2030, lo stesso che l’Argentina aspira ad organizzare, insieme a Uruguay, Cile e Paraguay. Quello sarebbe l’apice dei sogni del regno.

READ  Coronavirus: il caso del "fungo nero" lancia allarmi in Uruguay
Mohammed bin Salman, principe ereditario dell’Arabia Saudita (Foto: AP)

Gli investimenti nel calcio includevano l’organizzazione della Supercoppa spagnola lo scorso gennaio, vinta dal Real Madrid. Ma il principe pensa oltre la palla. in precedenza Quest’anno ha guidato al Gran Premio di Formula 1 Per il suo Paese, che si è svolto a marzo sul circuito di Gedda.

Leggi anche: Forte protesta dei giocatori tedeschi contro FIFA e Qatar per non aver permesso loro di indossare il badge LGBTIQ+

Maometto bin Salman Sta cercando di lavare la sua immagine e l’immagine del regno. E non solo attraverso lo sport. TN analista Federico GiovanniEsperta di relazioni internazionali, ha conseguito un master in Medio Oriente presso l’Università di Tel Aviv

Il piano a lungo termine include investimenti multimilionari e mega progetti come la costruzione di una megalopoli futuristica, chiamata neon, in mezzo al deserto, nel nord-ovest del paese. “Stanno cercando di trasformare il Regno in un centro per l’innovazione tecnologica e un centro internazionale di affari e innovazione”, ha affermato lo specialista.

Leggi anche: È una scimmia? L’errore inaccettabile di un annunciatore televisivo spagnolo durante l’apertura dei Mondiali

Inoltre, vuole creare una compagnia aerea nazionale che faccia concorrenza a Emirates Airlines e Qatar Airways. Il piano include una parte di comunicazione. Come ha fatto il Qatar L’isolaL’Arabia Saudita, il suo canale televisivo privato di portata globale, cerca di imporre il suo gruppo MBCun conglomerato di media che gestisce più di 17 canali televisivi satellitari in chiaro.

L’assassinio di Jamal Khashoggi e il matrimonio di convenienza con Washington

Poeta e giornalista spagnolo Elia Topperfondatore del sito web di analisi geopolitica Mediterráneo Sur, ha affermato TN Da Istanbul, dove vive, l’immagine del principe saudita è pessima, soprattutto per l’assassinio di Kashoggi.

READ  Oltre la crisi al confine tra Bielorussia e Polonia che ha portato l'Europa sull'orlo del baratro

Il giornalista saudita dissidente è stato assassinato il 2 ottobre 2018 nel consolato saudita di Istanbul. lei era Testa tagliata e corpo tagliato. “Tutti pensavano che fosse lui. Lo ha detto la CIA, ha detto Topper.

Il calcio cerca di cambiare il volto dell'Arabia Saudita
Il calcio cerca di cambiare il volto dell’Arabia Saudita

Questo assassinio era il segno di una frontiera difficile per il suo principale alleato nel mondo: gli Stati Uniti. Presidente Joe Biden Ha giurato durante la sua campagna elettorale che sarebbe diventato un “abbandonatoAl principe Salman per aver ucciso Kashoggi.

Tuttavia, dopo tre anni, ha cercato di migliorare le relazioni visitando Riyadh a metà di quest’anno. Washington ha bisogno della monarchia saudita non solo per il petrolio, ma come contrappeso all’influenza dell’Iran nella regione.

Ma Riyadh ha schiaffeggiato il presidente degli Stati Uniti quando si è schierato con la Russia nell’OPEC + per tagliare la produzione di petrolio nel bel mezzo della crisi energetica e quindi aumentare i prezzi del greggio. Le relazioni oggi sono tese, ma vitali per entrambi i paesi. Gli Stati Uniti hanno persino concesso l’immunità a Salman dopo che è stato incriminato a Washington per il crimine di Kashoggi.

Operazione riciclaggio di immagini: le timide riforme del regno in casa

Nel frattempo, il principe è pronto a lavare la sua immagine. “Al di là del caso Khashoggi, è visto come uno che è determinato a governare ed è molto chiaro su quello che dovrebbe essere il suo Paese e dove vuole portarlo. Ha la mano pesante e vuole in parte sradicare l’islamismo radicale”. in vigore nel regno, disse Tauber.

Per Gaon, il piano di bin Salman include una debole apertura interna. Le donne saudite sono state autorizzate a guidare nel 2018. Il principe si rese conto che la cultura oppressiva giocava contro di lui. Ha sottolineato che “la penisola arabica è il paese più conservatore e religiosamente repressivo”.

READ  Il presidente della Georgia ha avvertito che la Russia sta ripetendo il testo del 2008 in Ucraina: “Ho una sensazione di déjà vu”

Leggi anche: Thiago Messi, il grande vincitore in Qatar: è andato con i suoi fratelli in palestra e ha vinto il primo premio

In questo contesto ha abolito la polizia religiosa e cerca di migliorare la reputazione interna. Ha persino annunciato investimenti multimilionari per allineare il Paese agli obiettivi internazionali di decarbonizzazione, ma il piano è finanziato da ricchi pozzi petroliferi.

Salman ha capito l’importanza di investire in una moderna narrativa nazionale. La ragion d’essere dello stato era il matrimonio tra politica e religione. È la dottrina più reazionaria dell’Islam sunnita. Ora, ha detto Gaon, sta promuovendo riforme per ridurre quei legami e sta investendo nella costruzione del nazionalismo saudita in modo che i cittadini sentano di appartenere a una comunità che trascende la questione religiosa.

Il calcio è la grande calamita per il progetto saudita.