Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Bolivia: i pubblici ministeri chiedono 10 anni di carcere per l’ex presidente di fatto Jeanine Anez | Nel contesto del secondo caso di colpo di stato

La Procura della Repubblica della Bolivia ha informato la richiesta di una pena detentiva di 10 anni nel processo orale contro Jeanine Anez Per essersi dichiarata presidente dopo il colpo di stato contro l’allora presidente Evo Morales nel 2019. I pubblici ministeri hanno affermato che Sanez è accusata di aver violato i doveri e di aver preso decisioni contrarie alla costituzione boliviana.

Il caso del secondo colpo di stato

Il procuratore generale Loeb Zabala ha annunciato che l’ex senatrice ed ex presidente de facto, Jeanine Anez, è incriminata nel contesto del secondo caso di golpe, ampliando il caso per il primo colpo di stato. Unez è detenuto da marzo 2021.

“In questo caso, sono stati accusati prima Delitti ordinari e delitti di violazione dei doveri e decisioni in violazione della Costituzione e delle leggi, A causa degli eventi accaduti nel novembre 2019. La Procura della Repubblica ha chiesto Pena massima di 10 anniIl giornale citava spazzatura Motivo.

Nelle indagini la procura lo precisa L’ex presidente di fatto ha preso il comando del Senato in sessione plenaria e all’interno di un potere minoritario, contrariamente a quanto determinato dai sistemi di discussione. Anche ñez non ha ricevuto le dimissioni formali dell’allora presidente del Senato. Hanno notato nella denuncia che “nel caso di Adriana Salvatierra non ci sono dimissioni scritte, tanto meno formali davanti al plenum del Senato”. Nel fascicolo, hanno anche indicato che Anez in seguito Si autoproclamò presidente della Bolivia in una sessione non c’era accordo.

L’accusa contro ñez è stata portata attraverso il normale processo. “Per alcuni, sarà una questione di un ex presidente”, ha detto Edwin Kesby, segretario dell’ufficio del procuratore generale, in dichiarazioni riportate dal quotidiano Al-Sabah. Settima pagina.

READ  Il Papa ha emesso una nuova legge anticorruzione ai funzionari vaticani

In questo senso, Quispe ha chiarito “I casi del primo e del secondo colpo di stato riguardano le azioni attribuite alla signora Jeanine Anez prima che si dichiarasse presidente”.. Riguardo all’accusa, Kisbee ha aggiunto che il documento raccoglie “tutti gli elementi di fatto” per provare la responsabilità di ñez, a cui si fa riferimento in “Oltre 79 prove debitamente codificate, più quasi venti testimonianze”.

denuncia ufficiale

Una denuncia questa settimana è stata presentata dalla Procura di Stato e dal Ministero della Giustizia come continuazione del caso. Il primo golpe, in cui Onez è stato accusato di presunti reati legati a sedizione, terrorismo e cospirazione.

Nella lista degli imputati c’era l’ex comandante delle Forze di Protezione Civile Forze armate Polizia di Williams Kleiman e Yuri Calderon, entrambi latitanti dalla giustizia. secondo la mattina MotivoTra le accuse ufficiali anche Flavio Ars, ex comandante della marina ed ex capo di stato maggiore. Carlos Orellana, ex comandante in capo delle forze armate; Jorge Fernandez, ex ispettore delle forze armate; Jorge Gonzalo Terzos, ex comandante dell’aeronautica boliviana (FAB); Jorge Pastor Mendeta, ex comandante dell’esercito; Palmero Gargory, ex comandante della Marina Militare.

con questa accusa conclude quella che è la fase iniziale parte del processo istruttorio per assistere a quella che sarà la corrispondente udienza oraleKisby ha spiegato.

Sul suo account Twitter, Nez ha fatto riferimento all’accusa e ha affermato che l’obiettivo era condannarla “ad ogni costo”. “Non si preoccupano dell’indipendenza della magistratura e del diritto del popolo a protestare contro la frode perpetrata dal MAS, che è stata dimostrata dall’Oas; non si preoccupano di incitare alla violenza o distruggere il Paese”, il presunto ex presidente di fatto. È considerato “Un capro espiatorio per un progetto totalitario contro un bolivianounSecondo Aline de Canedo del team di avvocati di Oniz, “Chi dovrebbe decidere se qualcuno ha preso il potere in modo costituzionale o incostituzionale è la Corte costituzionale, che non ha ancora preso alcuna decisione”, ha riportato il quotidiano Santa Cruz. dovere.

READ  Almeno 50 persone sono morte in un tornado in Kentucky