Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Donado de Santo: “Migliora lo scambio Italia-America Latina nonostante l’epidemia” | Commentatore di sinistra, autore di “Italia e America Latina”

Da Roma

Paesi come l’America Latina, soprattutto Argentina, Brasile e Venezuela, ospitavano già migliaia di immigrati italiani che erano già sfuggiti alle difficoltà economiche alla fine del 1800, ma prima e dopo la seconda guerra mondiale. L’America Latina è diventata solidale con le famiglie che vivono lì, e alcune sono diventate anche imprenditori famosi. Ma i rapporti con il paese di nascita non sono andati perduti. L’influenza culturale italiana in quei paesi divenne significativa. Prendiamo il caso dell’Argentina, ad esempio quando lo scrittore Jorge Luis Borges li classificò come “popolo di italiani di lingua spagnola”.

Nel tempo e con la crescita economica dell’Italia, i governi hanno compreso l’importanza e la convenienza di favorire le relazioni bilaterali a livello economico e politico tra le due regioni. Quello che è successo negli ultimi decenni nei rapporti tra Italia e America Latina è che è stato recentemente indebolito dall’epidemia, e diverse proposte per il futuro sono state messe insieme dall’esperto Donado de Santo – con più di 30 anni di esperienza in questa materia . Libro pubblicato “Italia e America Latina” (Doncelli et al.).

Donado de Santo si interessò all’America Latina fin dalla giovane età e fu membro del PCI (Partito Comunista d’Italia) e il Partito Democratico di Sinistra (BDS) fu poi ridotto al Partito Democratico (centro-sinistra). Dal 1989 al 2006 è stato responsabile dei rapporti di queste parti con l’America Latina. Durante il governo del Presidente del Consiglio Romano Prodi (2006-2008), de Santo è stato Sottosegretario di Stato per l’America Latina presso il Ministero degli Affari Esteri e Segretario Generale dell’Istituto Italo LatinoAmericano (IILA) di Roma dal 2017 al 2020. Fondata nel 1966, è una rinomata azienda in Italia che si occupa dei rapporti con l’America Latina. Durante il suo mandato è stato anche coordinatore delle Conferenze Italia-America Latina che si tengono ogni due anni in Italia.

READ  Stellandis rafforza le sue aree industriali in Italia e nel Regno Unito

“Il pendolo della storia spinge di volta in volta le nazioni a unirsi di fronte a pericoli comuni. Questa è l’epidemia che sta affliggendo la popolazione mondiale”, ha scritto il presidente italiano Sergio Materella in una dichiarazione rilasciata nel suo libro. Sono caratterizzati da un intenso scambio . “

Con tutti i recenti cambiamenti a livello politico ed economico nel mondo, l’America Latina è ancora importante per l’Italia?

– Sì, certo, ma potrebbe essere di più. E l’Italia potrebbe coinvolgere ancora di più l’Europa – oggi con poca attenzione all’America Latina – e la ripresa della cooperazione euro-latinoamericana mostra molti limiti e molti fallimenti. A mio avviso, i paesi europei che l’ex presidente Lula ha visitato di recente (dopo la sua scarcerazione ingiusta e illegale) possono collaborare per guidare l’Europa verso una nuova agenda, a partire dalla firma dell’Unione europea. -Accordo Mercosur (Nota dell’editore: firmato nel 2019, ma non ancora approvato di conseguenza da diversi parlamenti). Cito paesi come Italia, Spagna, Francia, Portogallo e Germania. I dati aziendali sono migliorati nonostante l’epidemia. Ad esempio, la borsa italo-latinoamericana ha superato i 20.000 milioni di euro entro il 2020, e quest’anno cresce del 28% rispetto al 2020. Le aziende italiane (più di 3.000) che operano in America Latina hanno investimenti di alto valore. Con più di 33 miliardi di euro, questo è più degli investimenti in Cina, Giappone, Russia e India.

– Nel tuo libro parli di due aziende che consideri importanti, l’IILA di Roma e la Conferenza Italia-America Latina e Caraibi. Entrambe le società possono svolgere un ruolo fondamentale in questo periodo?

-Sì. IILA (Istituto Italo-Latinoamericano) è la più antica organizzazione intergovernativa tra un Paese europeo e l’intera regione. Negli ultimi anni, dopo un periodo di grande crisi, è stata ripresa ed è oggi un potente veicolo di cooperazione interregionale. La Conferenza biennale Italia-America Latina e Caraibi, iniziata 20 anni fa, è uno strumento che il governo italiano può utilizzare per rinnovare il dialogo in corso con l’intera regione latinoamericana e con ciascun Paese. Lo strumento è cresciuto e maturato negli anni e può raggiungere nuovi e più ambiziosi obiettivi. Ad esempio, ogni due anni l’Italia può tenere un incontro bilaterale con un Paese dell’America Latina per riprendere le sue relazioni commerciali, politiche, commerciali e culturali, e turistiche. L’Italia è membro del G7 ed è un Paese importante in Europa. Fa parte del G20, che comprende tre paesi dell’America latina (Argentina, Brasile e Messico), e contribuirà a rafforzare la cooperazione con tutti gli altri paesi dell’America latina. Un altro piano è creare forum specifici italo-latinoamericani, ad esempio, dove possano parlare i sindaci delle nostre città e province e dei sindaci latinoamericani. Ma si possono fare anche tra docenti di movimenti sociali, istituzioni economiche e finanziarie. Due di questi forum esistono già e sono molto utili: uno tra piccole e medie imprese e l’altro tra parlamentari.

READ  Jorge Barrasa: Italia, estasi di giocare bene | Autori | Gli sport

Con quali paesi dell’America Latina l’Italia potrebbe rafforzare i rapporti in questo periodo?

– Credo che l’Italia dovrebbe cooperare di più con i paesi andini, amazzonici e caraibici nelle emergenze del cambiamento climatico e dello sviluppo delle energie rinnovabili come l’America Latina ricca e l’Italia in testa all’Italia. Inoltre, se i Paesi dell’America Latina e dei Caraibi appoggeranno la candidatura italiana per l’Esposizione Universale, Roma potrà ospitare entro 8 anni una mostra globale di “Città orizzontali, rigenerazione urbana e società civile”, ovvero i temi che saranno creato. Il nostro futuro comune.

-Lei cita nel libro molti spunti che potrebbero aprire la strada al rafforzamento dei rapporti tra Italia e America Latina. Quali sono le più importanti?

– Molti e tutti gli interessi comuni delle idee. Ma permettetemi di sottolineare brevemente una cosa importante. Di fronte alla forte presenza della Cina, ha mostrato poco interesse a sfruttare le materie prime, ma a formare l’Alleanza Atlantica d’oltremare del 21° secolo, che alla fine includerà l’intera Europa e tutti gli Stati Uniti – e non solo il Nord e l’Africa, ma un vero cambiamento. Argentina e Brasile giocheranno il ruolo più importante. Se i paesi dell’America latina devono guardare indietro all’Europa, dobbiamo pensare al futuro. E l’Italia può offrire il suo contributo.