Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Disastro della produttività o perché la Spagna ha ottenuto risultati peggiori dell’Italia finora in questo secolo?

Disastro della produttività o perché la Spagna ha ottenuto risultati peggiori dell’Italia finora in questo secolo?

Quando parliamo dei decenni di perdite o stagnazione che alcuni paesi hanno subito nelle loro economie dalla nascita dell’euro, viene automaticamente in mente il caso dell’Italia o della Grecia (di solito la Spagna è in una posizione leggermente migliore). Tuttavia, esiste un indicatore direttamente collegato al boom economico in cui la Spagna ha ottenuto risultati peggiori dell’Italia stessa dall’inizio del 21° secolo. Produttività “dannata”. Rapporto pubblicato da IVIE e BBVA Rivela che la Spagna rappresenta di gran lunga il più grande calo di produttività tra tutti i paesi analizzati.

Come pubblicato questo giovedì in un documento congiunto, La Spagna ha registrato un calo del livello di produttività totale dei fattori (nota come TFP) del -7,3% Tra il 2000 e il 2022, un risultato che contrasta nettamente con i progressi compiuti dai paesi sviluppati come gli Stati Uniti, dove la produttività dei fattori (che è quella meno produttiva, rappresentata da miglioramenti di efficienza, organizzazione o progressi tecnologici) è cresciuta del 15,5% nel stesso periodo o in Germania (un progresso dell'11,8%). Fino all'Italia (-5,1%)che ha subito anch'esso un forte calo, È stata una prestazione leggermente migliore rispetto alla Spagna. Bisogna però tenere conto che il tessuto produttivo italiano (altamente concentrato al Nord) è più denso di industrie (veicoli, chimica, farmaceutica) che generano valore aggiunto e investono in asset che stimolano la produttività.


Cosa sta succedendo in Spagna con la produttività


La spiegazione del disastro della produttività ha a che fare con diversi elementi che caratterizzano l’economia spagnola e la rendono unica: il turismo, i mattoni e la malta e l’ospitalità. Tuttavia, ci sono molte ragioni: “Ci sono diverse ragioni per cui i bassi livelli di produttività della Spagna finora in questo secolo rappresentano un'importante debolezza nel suo modello di crescita. È debole, principalmente, a causa del percorso della 'produttività dei fattori'”, dicono gli esperti che hanno pubblicato il rapporto: “Il mondo mantiene livelli di efficienza produttiva inferiori a quelli del secolo scorso, nonostante gli sforzi volti ad accumulare capitale fisico e umano negli ultimi tre decenni”.




Anche se si cerca di concentrarsi sul settore pubblico quando si parla di produttività, le amministrazioni non possono “solo” facilitare e stimolare gli investimenti che portano a una maggiore crescita della produttività (cosa non facile), ma lo sforzo maggiore deve provenire dal tessuto produttivo privato. È vero che le imprese spagnole investono in capitale (macchinari, tecnologia…), ma la somma di questi input è maggiore della produttività che generano. È vero che il PIL cresce e questo è positivo, ma è perché al processo vengono aggiunti più fattori di produzione, non perché stanno migliorando. In termini semplici: per ogni unità di fattore di produzione aggiunta al processo, viene prodotta una quantità inferiore di prodotto (beni o servizi). Altre economie sono in grado di produrre di più con meno risorse, consentendo una maggiore prosperità economica.

READ  L'Italia approva il pacchetto di aiuti ai milionari per gli aumenti di gas ed elettricità


Il mattone non è molto produttivo


Per esempio, Il boom immobiliare di inizio secolo Ciò spiega, in larga misura, il comportamento complessivo negativo della TFP. Aggiungono che “settori come l’edilizia (dal lato dell’offerta), l’ospitalità, l’energia e molte attività di servizi – come l’intensa domanda di magazzini, edifici commerciali o direzionali, così come l’edilizia abitativa – hanno attratto ingenti investimenti che si sono rivelati essere improduttivo”. Analisti di IVIE e BBVA.


Si può dire che c’è stata una distribuzione disastrosa delle risorse scarse. Gli investimenti sono stati a ondate, verso un settore che richiede molti input e fattori produttivi per costruire un prodotto (l’edilizia abitativa) che non è “esportabile” su larga scala. Il risultato è stato quello che tutti sappiamo. “Questi investimenti hanno portato ad un aumento della capacità non sfruttata, che è stato particolarmente evidente quando l'economia è entrata in recessione. In particolare tra il 1995 e il 2007, gli investimenti residenziali e altri progetti di costruzione sono stati guidati maggiormente dalle plusvalenze attese a breve termine, guidate dall'aumento del Il rapporto aggiunge che i prezzi degli immobili durante il ciclo espansivo superano la produttività che questi capitali potrebbero fornire nel medio termine se pienamente utilizzati.


Non ci sono segni di ICT, R&S


Il PIL cresceva, ma la produttività e la competitività no. “L’utilizzo di più lavoro e capitale ha contribuito alla crescita del PIL spagnolo, ma si possono anche migliorare l’uso produttivo di questi fattori”. Contribuire alla crescita del PIL, cosa che non è avvenuta durante gli anni del boom e della Grande Recessione. In secondo luogo, il modello di crescita è debole perché la bassa produttività del capitale riflette un’eccessiva accumulazione di asset immobiliari – residenziali e non residenziali – durante il boom, che rimangono in parte utilizzati dalle imprese che li possiedono, limitando così la produttività. In terzo luogo, perché gli investimenti in beni che dovrebbero contribuire a migliorare la produttività – come le TIC e i beni immateriali – stanno progredendo a un ritmo più lento rispetto ad altre economie”, affermano gli esperti dell’IVIE e del BBVA Institute.

READ  Siviglia offre tre eventi sulla ceramica per gli amanti dell'artigianato


Sembra chiaro che l'economia spagnola (tutti i settori) investe meno in beni immateriali (R&S, software e database, design, immagine di marca, formazione aziendale per i lavoratori, strutture organizzative innovative, ecc.) il cui potenziale per migliorare l'efficienza delle aziende è elevato,” affermano gli autori del rapporto.


Gli esperti dell'IVIE e del BBVA spiegano che, rispetto alle economie avanzate, la Spagna occupa l'ultimo posto negli investimenti in beni immateriali, poiché ad essa viene destinato solo il 40,5% degli investimenti totali. Sebbene la percentuale sia elevata, in paesi come Regno Unito, Finlandia, Stati Uniti, Francia o Svezia Questi investimenti costituiscono la maggioranza, superando di 20 punti percentuali il loro peso in Spagna. Anche il peso degli investimenti in beni immateriali nel PIL spagnolo è in fondo, raggiungendo il 9,5% nel 2020, quasi la metà di quello di paesi leader come Francia, Svezia o Stati Uniti. Nonostante il ritardo che la Spagna sta ancora vivendo a questo riguardo, si può osservare un cambiamento di tendenza e il tasso di crescita annuo delle attività immateriali ha accelerato dopo la Grande Recessione, passando dal 2,6% annuo nel periodo dal 2000 al 2013, a un tasso di crescita del 3,9% annuo tra il 2013 e il 2019.


Mentre in questi paesi l'investimento aziendale in capitale è strettamente legato alla crescita economica, in Spagna è l'investimento nel fattore lavoro (assumere più lavoratori), che ha molto a che fare con il tipo di modello di produzione di ciascun paese. Sebbene sia semplicità e riduzione di qualcosa di più complesso, ePeso del turismo, dell’ospitalità e dell’edilizia (settori ad alta intensità di manodopera e altamente improduttivi) dell’economia spagnola impediscono alla produttività di aumentare allo stesso ritmo di altri paesi vicini durante i periodi di espansione. In queste economie, la crescita è maggiormente legata agli investimenti in macchinari o tecnologia, settori che generano maggiore valore aggiunto e consentono l’innovazione.


Le caratteristiche del modello di produzione di ciascun paese sono essenziali per il comportamento produttivo. Pablo Hernández de Cos, governatore della Banca di Spagna, ha tenuto diversi interventi (L'organizzazione stessa ha anche preparato dei rapporti) per cercare di far luce su questo problema strutturale che sembra avviarsi molto lentamente a risolversi. Il governatore ha sottolineato in diversi interventi che “il rapporto tra crescita e produttività in Spagna non è particolarmente elevato. In altre parole: non sempre le aziende più produttive guadagnano quote di mercato”, ha affermato il governatore della Banca d'Inghilterra. Ma per la Spagna non tutto sembra perduto, perché un raggio di luce filtra attraverso le nuvole scure.

READ  Comisión Europea trabaja en compras y reservas comunis de gas por tensión en Ucrania


Un raggio di speranza in Spagna


La produttività sembra aver iniziato a cambiare un po’ il suo comportamento in Spagna negli ultimi anni. Dopo la Grande Recessione, Produttività totale dei fattori o TFP La Spagna ha registrato un cambiamento di tendenza, registrando un miglioramento cumulativo molto modesto di questo indicatore, pari all’1,2%, tra il 2013 e il 2019. Il Covid-19 (e i grandi piani di mantenimento del lavoro) hanno inferto un duro colpo a questa tendenza, e nel 2020 la TFP è diminuita del 5,1%. Ma dopo la pandemia, l’indice è tornato a crescere, accumulandosi al 2,8% tra il 2021 e il 2022 (1,4% ogni anno), recuperando più rapidamente che dopo la crisi precedente.


Considerando la produttività per dipendente, la Spagna sembra aver registrato una crescita relativamente intensa negli ultimi anni. Questo aumento della produttività spiegherebbe perché l’economia spagnola sta crescendo così fortemente senza dover generare tanti posti di lavoro come in altri cicli di ripresa. A prima vista, questo nuovo comportamento dell’economia spagnola appare positivo.


A poco a poco, e In assenza di bolle, l’economia spagnola destina una maggiore quantità di risorse ai settori più produttivi. “Nonostante il ritardo che la Spagna sta ancora sperimentando a questo riguardo, si può osservare un cambiamento di tendenza e il tasso di crescita annuale delle attività immateriali ha accelerato dopo la Grande Recessione, passando dal 2,6% annuo nel periodo dal 2000 al 2013, ad una crescita tasso del 3,9% annuo tra il 2013 e il 2019.


Tuttavia, Se la Spagna vuole colmare il divario, è necessario un vero boom della produttivitàCiò richiede capitale umano meglio formato e aziende più grandi (con la capacità di investire). In breve, come ha sottolineato alla fine del 2023 Javier García Arenas, della società di ricerca Caixa Bank: “Un miglioramento significativo della produttività nell’economia spagnola richiede di concentrarsi, tra gli altri strumenti, sull’istruzione, sul fatturato e sull’innovazione”.