Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dean of Cardinals sottolinea che Bell era un “esempio” di come dovrebbero essere accettate “punizioni ingiuste”.

Roma, 14 gennaio (Europe Press) –

Il decano dei cardinali italiano, Giovanni Battista Re, ha indicato nell’arcivescovo emerito di Melbourne e Sydney, card. pace”.

“E’ stata un’esperienza di grande sofferenza che ha sopportato con fiducia nel giudizio di Dio, dando un esempio di come accettare con dignità e pace interiore l’ingiusta punizione”, ha detto Batista Re ai funerali, che ha celebrato nella Basilica di San Pietro. Bell ha trascorso del tempo in prigione accusato di abusi sessuali su minori, anche se in seguito è stato assolto da tutte le accuse.

In tal modo, il Decano del Collegio cardinalizio ha sottolineato che gli ultimi anni di vita del cardinale Pell sono stati “segnati da un giudizio ingiusto e doloroso”. “Nel giugno 2017 è stato accusato di violenza sessuale in Australia e il processo si è concluso con una pena detentiva. Il cardinale Pell ha trascorso 404 giorni in cella in due carceri di massima sicurezza, a Melbourne e poi a Barwon, compreso un periodo di isolamento” ha detto . Pertanto, osserva che “nell’aprile 2020, l’Alta corte australiana lo ha assolto con un verdetto di non colpevolezza”.

Per questo, ha affermato, «la fede e la preghiera» erano i mezzi che servivano al cardinale Pell — che il Papa aveva posto a capo della Segreteria dell’Economia, e nei quali aveva incoraggiato la riforma delle finanze vaticane — «di grande consolazione e sostegno in questa triste faccenda».

Lo ha detto il Decano del Collegio cardinalizio, che ha anche ricordato di “aver pubblicato un giornale che ha lunghi giorni di carcere.

Il 7 aprile 2020, il cardinale Peel è stato assolto all’unanimità dall’Alta Corte d’Australia. Il porporato australiano ha raccontato la sua esperienza nel libro “A Prison Diary”, edito da Cantagalli in Italia.

READ  Debito estero: l'Argentina evita il “default” con il Club di Parigi | Economia

Per Batista Rey la fine della vita del cardinale George Pell è stata “inaspettata”. Così, ha indicato di essere “presente” e ha celebrato la messa funebre del Papa emerito Benedetto XVI.

“Nel nostro cuore non c’è altro che speranza, perché, come ci ammonisce sant’Agostino, sulla base di una sincera promessa, speriamo che da questa vita da cui dobbiamo fuggire, e da cui, senza perderla, mandiamo dei compagni avanti nel nostro pellegrinaggio, raggiungeremo quella vita, dove ci saranno più cari e conosciuti e potremo amarli senza temere che ci abbandonino”.

Georg Ganswein, da quasi 20 anni segretario particolare del papa emerito, che giovedì ha pubblicato Nient’altro che la verità, la mia vita fianco a fianco con Benedetto XVI (Piemme), celebrato anche ai funerali di Pell, ha suscitato polemiche nel mondo intero a causa la rivelazione da lui fatta nella stessa settimana della morte di Benedetto XVI.

Il papa – che soffre di dolori alla gamba destra che lo costringono a spostarsi su una sedia a rotelle – ha presieduto l'”Ultima Commendatio” e la “Valedictio” al termine del servizio funebre, le benedizioni che hanno preceduto la sepoltura.

Come riferito dai medici italiani, la salma del cardinale Pell è stata trasferita questa mattina nella basilica di San Pietro, accompagnata dai suoi parenti, tra cui il fratello David Pell.