Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Pietre miliari per il 2023: un altro anno per le banche centrali e rischi politici | mercati

Il momento in cui le banche centrali penseranno di aver già fatto abbastanza per combattere l’inflazione sarà senza dubbio il momento più decisivo dell’anno per il mondo degli investimenti. Questo sarà il segnale tanto atteso che i tassi di interesse non continueranno a salire e che anche se saliranno per un po’, sarà possibile iniziare a pensare realisticamente al sollievo che il loro successivo calo porterà. Insomma, è tempo di tornare a scommettere sugli asset rischiosi, via libera agli acquisti in borsa.

Ma le vicende degli ultimi tre anni dimostrano che il corso dei mercati è stato infiammato da eventi del tutto inaspettati, come la pandemia del 2020, e da eventi del tutto politici, come l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, che a fine febbraio sarà un anno. La geopolitica ha dominato l’economia globale nell’ultimo anno, costringendo le banche centrali a reagire rapidamente all’impennata dei prezzi dell’energia ea una spirale inflazionistica.

Oltre all’agenda degli incontri tra Fed e Banca Centrale Europea, il 2023 sarà ricco di importanti eventi politici. Alcuni hanno una data di calendario – come le elezioni in Turchia, Argentina o Spagna – e altri sono di natura imprevedibile, come il recente tentativo di colpo di stato che ha dato inizio all’anno in Brasile.

Brasile

Una folla di sostenitori dell’ex presidente Jair Bolsonaro, che domenica scorsa ha cercato di prendere il controllo delle istituzioni statali brasiliane e quindi di far precipitare una rivolta militare, ha messo in allerta gli investimenti nella più grande economia dell’America Latina. Il presidente Lula da Silva è riuscito a restituire la vita democratica al Brasile, pur lasciando il paese in una situazione politica fragile. Sebbene la sfida fiscale del 2023 in Brasile fosse già nota, ora dobbiamo aggiungere i rischi istituzionali. Sappiamo che gli investitori stranieri fuggono da questo tipo di rischio”, osservano da Ebury, una società specializzata in pagamenti internazionali e cambi di valuta.

Cina

L’Agenda 2023 porta una data importante con la Cina a marzo, quando si riunirà l’Assemblea nazionale del popolo che rinnoverà il mandato di Xi Jinping alla presidenza. Poi, la massima legislatura cinese approverà la formazione del nuovo governo di Xi, il cui potere si è consolidato dopo il congresso del Partito comunista cinese dello scorso ottobre. Il leader del Paese asiatico ha accettato di porre fine alla politica Covid Zero, dopo tre anni di severi controlli sugli spostamenti della popolazione, una decisione radicale che ha causato vittime ma incoraggia l’attesa della ripresa dell’economia cinese, con la sua inevitabile onda d’urto a livello globale. Come fanno notare da Citi, “la Cina si preparerà a ripartire dopo la riapertura delle frontiere e l’insediamento del nuovo team economico. Ci aspettiamo che quest’anno l’economia cresca del 5,3%, nel contesto di una normale ripresa della domanda interna, e per politica economica a rimanere prudentemente favorevole”.

READ  Bruxelles teme che l'instabilità in Italia si diffonda a tutta l'Unione Europea

Il ritorno della Cina nell’economia globale avrà implicazioni importanti. D’altronde, secondo Link Securities, “la riapertura della Cina è vista più come un’opportunità che come una minaccia, anche se nel breve periodo il forte aumento dei casi di Covid-19 ha un impatto negativo sull’economia”. Paese”. Per i mercati azionari è già diventato un catalizzatore all’inizio dell’anno, soprattutto per il mercato europeo, con una maggiore esposizione delle sue grandi aziende alla Cina. D’altra parte, sebbene l’impatto che la riapertura economica del Il gigante asiatico potrebbe avere una domanda globale significativa e potrebbe ritardare la moderazione dell’inflazione globale, quindi questo potrebbe essere un motivo per cui le banche centrali manterranno il loro atteggiamento da falco sulla politica monetaria per un periodo più lungo.

tassi di interesse

Entro la fine del primo trimestre verranno rimosse alcune delle incognite riguardanti le politiche della Banca Centrale Europea e della Federal Reserve. A febbraio Christine Lagarde dovrebbe annunciare i dettagli di quello che sarà il taglio del bilancio della BCE nel corso del 2023, dopo aver deciso in una prima pennellata a dicembre: tagliarlo da marzo a un ritmo di 15.000 milioni di euro al mese fino a giugno . La progettazione di questo taglio nel bilancio sarà fondamentale per determinare l’aumento del costo del finanziamento previsto per un anno di prezzi più alti.

Il mercato sta scontando i tassi che hanno un tetto massimo nell’Eurozona al 3,25%, per le strutture di deposito, e al 4,9% negli Stati Uniti. L’estate sarà il momento in cui sia la Federal Reserve che la Banca Centrale Europea potranno completare il processo di aumento del tasso monetario, anche se ci attende un secondo capitolo di tassi di interesse più elevati, fino a quando non sarà garantito lo sradicamento dell’inflazione. In controllo Per Pimco, la Fed potrebbe comunque essere la prima banca centrale a discutere di tagli dei tassi nella seconda metà del 2023, incoraggiando l’aspettativa che quest’anno lascerà gli utili agli investitori.

READ  Quali sono le 6 piattaforme digitali più consultate per trovare lavoro in Europa

Spagna e Unione Europea

In Spagna, a maggio sono previste le elezioni comunali e regionali, compresa la Comunità di Madrid. Dicembre è il termine ultimo per indire le elezioni generali. L’anno politico è molto entusiasmante, in un clima di crescente tensione e polarizzazione. La Spagna assumerà anche la presidenza dell’UE nella seconda metà del 2023, periodo chiave per il conto alla rovescia verso la ripresa delle norme fiscali comunitarie, che dovrebbero entrare nuovamente in vigore nel 2024 in una nuova versione.

L’anno scorso, la Commissione europea ha presentato una proposta per riformularlo che non ammette l’obiettivo di un disavanzo pubblico del 3% del PIL ma offre maggiore flessibilità, considerando un percorso fiscale a medio termine adattato a ciascun paese e specifici periodi di aggiustamento fiscale, a seconda del livello di indebitamento. Il disegno finale di queste regole fiscali e la loro negoziazione con ciascun paese saranno fondamentali per la sostenibilità del debito spagnolo a medio termine, dopo l’esito elettorale di quest’anno.

Elezioni generali

Finora, il premio al rischio spagnolo è stato contenuto, sotto la stretta sorveglianza della Banca centrale europea, e le prospettive di crescita per l’economia spagnola nel 2023 sono positive, superiori a quelle dei suoi vicini europei. Inoltre, la Spagna continuerà a contare sulla preziosa immissione di fondi europei di nuova generazione, a cui quest’anno si aggiungerà l’atteso recupero del turismo internazionale. “In Spagna, i due principali partiti politici nei sondaggi (PSOE e PP) mostrano un sostegno simile per i programmi europei”, hanno considerato a Goldman Sachs. L’Italia ha già lasciato nel 2022 un chiaro esempio di quanto sia importante ricevere soldi europei, lasciando le politiche del premier di estrema destra Giorgia Meloni lontane da qualsiasi scontro con Bruxelles.

READ  Patto di stabilità: la Francia guida la riforma delle regole finanziarie | economia

L’effetto dell’inasprimento delle condizioni fiscali sul costo del debito pubblico spagnolo sarà un tema importante per tutto l’anno. Tuttavia, riteniamo improbabile che la tendenza attuale porti a un aumento significativo dell’onere degli interessi sul settore pubblico nei prossimi anni, soprattutto se il governo attua un consolidamento fiscale graduale ma sostenuto. Il compito da svolgere sarà chi vincerà le elezioni generali.

Grandi appuntamenti elettorali

tacchino

Il Paese governato dal pugno di ferro di Recep Tayyip Erdogan terrà le elezioni presidenziali e parlamentari a giugno. Potrebbe essere l’ultima per Erdogan, che guida la Turchia ininterrottamente dal 2003, sia come primo ministro che come presidente. I recenti sondaggi danno alla coalizione di opposizione una possibilità di vittoria, il che potrebbe significare una svolta radicale per un paese con una democrazia fragile e dominato dall’inflazione. BBVA, che controlla la più grande banca privata del paese, è la grande azienda spagnola con la maggiore esposizione verso la Turchia.

Argentina

Il paese tiene le elezioni presidenziali in ottobre, in cui la coalizione peronista al governo, il Fronte Todos, si candida per un secondo mandato.

Finlandia e Polonia

Nell’Unione Europea, la Finlandia tiene le elezioni in aprile, mentre la vicina Polonia dell’Ucraina tiene le elezioni in autunno.