Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Covid-19 in Spagna: nessuna notizia dai tanto attesi turisti britannici | Economie

Non ci sono quasi notizie dai turisti britannici. Questo il riassunto del primo giorno dopo il nuovo ordine del governo spagnolo che consente ai viaggiatori provenienti dal Regno Unito di entrare nel Paese senza restrizioni o test diagnostici per il Coronavirus. Le principali destinazioni non vedono un aumento significativo del traffico, almeno per ora, a causa dei freni che i controlli obbligatori pongono al loro ritorno. “Quando torneremo dovremo mettere in quarantena per 10 giorni. Mi hanno già somministrato la prima dose di vaccino e la seconda mi verrà somministrata il 1 ° luglio”, si è lamentato lunedì Gaben al suo arrivo a Maiorca da Manchester.

Nelle Isole Baleari, la rimozione dei freni per i viaggiatori provenienti dal Regno Unito non ha avuto effetti speciali. All’aeroporto Son Sant Joan di Palma, c’erano appena tre arrivi programmati, da aerei da Manchester, Newcastle e Londra, che sono atterrati con quasi la metà del numero di passeggeri che potevano ospitare. Qualcosa di simile a quello che è successo nei principali aeroporti delle Canarie (Tenerife Sud e Gran Canaria), dove le stanze erano vuote ed era previsto un solo volo per ciascuno dei gomiti, al mattino, dal Regno Unito. In effetti, è improbabile che i principali albergatori notino differenze nell’accoglienza dei clienti almeno fino a luglio.

maggiori informazioni

I passeggeri dal Regno Unito dovevano solo compilare un modulo in cui erano tenuti a specificare il luogo di residenza e i dettagli di contatto. “Viviamo a Maiorca. Eravamo in quarantena in Inghilterra e ora al ritorno non ci hanno chiesto nulla, ma all’aeroporto incontra viaggiatori di altri luoghi che devono presentare un test PCR per i bambini la cui temperatura è stata misurata, ha detto Claire, un altro passeggero che è arrivato con due di loro. Sebbene l’aeroporto appaia un po ‘più vivace, l’impatto di questi viaggiatori è quasi una testimonianza rispetto agli anni precedenti la pandemia. In effetti, la maggior parte delle operazioni sono nazionali o da città tedesche.

READ  Giovedì i prezzi dell'elettricità sono aumentati, battendo il record precedente

Nel frattempo, il governo britannico mantiene la quota e la messaggistica dell’esecutivo rimane legata. È stata la volta del Segretario di Stato britannico per gli affari, Anne Marie Trevelyan, che lunedì è stata esplicita: “Resta la raccomandazione di non andare a meno che non sia necessario”, ha detto Trevelyan in dichiarazioni a Sky NewsA cui ha aggiunto: “La verità è che, al momento, gli stati dell’ambra [entre ellos España, Francia o Italia, entre otros] Non soddisfano i criteri che i nostri scienziati hanno stabilito per essere rispettosi dell’ambiente “.

Essere nella designazione ambra significa che i viaggiatori saranno tenuti, al loro ritorno, in quarantena per un periodo di 10 giorni. Inoltre, dovrai pagare per la PCR, che viene eseguita 72 ore prima del volo di ritorno. Prima ancora di mettere piede sull’aereo, è necessario aver prenotato online altri due test, che verranno condotti sul suolo britannico.

Queste restrizioni complicano notevolmente la rivitalizzazione del settore spagnolo, il che spiega la campagna mediatica del governo nelle ultime settimane per cercare di invertire la situazione. L’industria dei viaggi in Spagna è a rischio, con il mercato del Regno Unito che è il più importante in termini di numero di visitatori (18 milioni di viaggiatori sono arrivati ​​nel 2019, il 21,6% del totale). Pertanto, Fernando Valdes, ministro di Stato per il turismo della Spagna, ha fatto dichiarazioni a lui Sky News Chiarimento della volontà del Paese di lasciare il reparto a giugno grazie all’avanzamento delle vaccinazioni e al basso tasso di contagio da HIV. Valdes ha anche sottolineato che destinazioni come le Isole Baleari, la Costa Blanca o Malaga hanno livelli di infezione simili a quelli registrati nel Regno Unito.

READ  Notizia obiettivo: Allegri chiederà alla Juventus di tenere Morata in prestito per un altro anno

Alberghi a gas

Anche il via libera per i viaggiatori britannici non si è tradotto in più aperture di hotel. In Calvia, dove la maggior parte dei visitatori proviene da questo paese, solo il 35% dell’impianto è aperto. Sia le associazioni imprenditoriali che il governo dell’isola hanno chiesto a Londra di separare lo stato dell’arcipelago peninsulare e di valutarli in modo indipendente come destinazione per le vacanze. Nella regione di Playa de Palma, che è principalmente turistica tedesca, c’è stato un aumento del numero di visitatori e si prevede che raggiungerà il 75% della fabbrica aperta dell’hotel nelle prossime settimane.

Nel caso delle Isole Canarie, questa alternativa è meno praticabile, poiché si basa maggiormente sul Regno Unito (che rappresenta il 37% di coloro che hanno visitato l’area nel 2019). Anche la Germania è importante, ma è piuttosto in ritardo (contribuisce a poco più del 19% dei viaggiatori). Da qui l’ansia nella società, sapendo che il loro futuro è nelle mani del governo Boris Johnson, che ha deciso di aprire il rubinetto dell’acqua.

Sulla Costa del Sol, da parte sua, un afflusso di turisti sta gradualmente notando le strade, le spiagge e le attività alberghiere, anche se la situazione è ancora lontana dai tempi pre-Covid. È vero che metà della fabbrica alberghiera è già stata aperta, ma molti altri ne ritardano la riapertura. Ad esempio, l’Alay Hotel, a Benalmádena, che prevedeva di aprire i battenti all’inizio di giugno, ma ora è cambiato fino alle seconde due settimane. “Fino a quando il governo britannico non revocherà la quarantena obbligatoria, gli inglesi preferiranno il Portogallo o qualsiasi altra destinazione prima della Costa del Sol”, afferma Alvaro Reyes, direttore marketing della fondazione.

READ  Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti mettono da parte le differenze e aumentano la produzione di petrolio da agosto | Economia

È stata anche notata l’assenza di questi turisti all’aeroporto di Malaga. Lunedì ci sono stati appena 12 voli dal Regno Unito, la maggior parte da Londra e con più viaggiatori d’affari che turisti. AINA prevede che i numeri saranno preservati, ovvero il complesso aeroportuale di Malaga proseguirà nei prossimi giorni con poche partenze e arrivi con le isole britanniche come origine o destinazione. Non abbastanza per il settore.