Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli standard per la valutazione del debito dei paesi stanno cominciando a cambiare.

Sia Fitch che Moody’s sono monitorati in India e Romania. Fitch ha anche Colombia, Panama e Uruguay nella sua lista di controllo, e sebbene la piccola Curaçao sia l’unica rimasta nella lista S&P, altri 10 paesi sono nella categoria di investimento rischioso “BBB-“, anche se con probabilità. “stabile”.

A prima vista, le cose non sembrano buone per molti. L’India ha un debito del 90% del PIL, ma tutti, ad eccezione della Romania, hanno rapporti di debito ben al di sopra della media del 55% per un paese con un rating “BBB-“.

Anche i pagamenti medi degli interessi dovrebbero essere molto più alti nei mercati emergenti quest’anno. Fitch stima che sia equivalente al 2,5% del PIL, rispetto all’1,2% delle principali economie, e se il coronavirus continua, la ripresa sarà ritardata.

Tuttavia, nonostante tutti i numeri cupi, gli investitori dei mercati finanziari che utilizzano Credit Default Swap (CDS) per assicurarsi contro i problemi del debito non sembrano credere che nessuno di questi paesi stia per soffrire di una crisi.

Un anno fa, CDS segnalò che India, Colombia, Indonesia e Messico erano stati declassati a “spazzatura” con il suo enorme mercato obbligazionario da 130 miliardi di dollari. Tutti loro sono ora scambiati a livelli che indicano che saranno ancora in investment grade.

“Non esiste una cifra magica tra debito e PIL che declassi automaticamente il rating”, ha affermato Colin Ellis, chief credit officer di Moody’s EMEA. “Non funziona in questo modo”.

Il declassamento a “indesiderato” può escludere automaticamente i titoli di stato o societari da determinati indicatori di investimento e innescare un’ondata di problemi aumentando i costi di prestito.

In contrasto con la tempesta di cut-off dello scorso anno, quando le grandi società sono scese tra il 25% e il 30% dei paesi ammissibili, Moody’s è migliorata di quasi tre volte rispetto a quella tagliata quest’anno. S&P aumenta del 50% in più se si includono anche le società.

READ  Sayer si aggiudica la concessione autostradale in Italia per 3.700 milioni

Ellis ha aggiunto: “Quando si tratta di qualcosa come un incidente breve e brusco, a volte è utile ascoltare il rumore”, osservando che il virus Corona ha causato gravi sofferenze economiche nella maggior parte dei paesi fino a sei mesi, rispetto a quasi 18 mesi che sono durati la crisi finanziaria del 2007. 2008.

Decodificare l’effetto del rumore può rischiare incongruenze.

Gli analisti di Barclays affermano che la Colombia, che la scorsa settimana ha dichiarato che avrebbe lavorato per preservare la fiducia del mercato nelle sue finanze, avrebbe dovuto subire un duro colpo.

S&P non ha riaffermato il proprio rating di investimento fino a un mese fa, e anche con i guai del suo piano fiscale, il rapporto debito pubblico / PIL del 65% sarebbe ben al di sotto del 90% in India o dell’85% dell’India. La Croazia, che ha ricevuto un rating BBB – venerdì.

Il balzo di 15 punti percentuali nel suo rapporto debito / PIL da quando COVID è stato anche inferiore all’aumento di quasi 20 punti percentuali in Romania, tuttavia, Standard & Poor’s ha appena ritirato un avviso di declassamento del rating.

L’Italia, il cui livello di indebitamento è sulla buona strada per superare il 150% del PIL quest’anno, ha visto Standard & Poor’s alzare il rating.

“C’è un problema diffuso: le agenzie di rating sembrano dare a molti paesi il beneficio del sospetto”, ha detto Eldar Vakhitov, uno degli “osservatori obbligazionari” del gestore del fondo M&G Eldar Vakhitov, che prende la Romania come esempio.

S&P aveva messo Bucarest in allerta di un declassamento del rating nel 2019, citando la preoccupazione che il suo deficit di bilancio fosse in aumento dal 3% al 4,5% del PIL. Tuttavia, non è andato avanti nemmeno quando è balzato al 9% del PIL nel 2020 e dovrebbe raggiungere il 7% quest’anno.

READ  Al via un bando per finanziare progetti ambientali per 9.500.000 dollari, finanziati da uno scambio di debiti con l'Italia | Economia | notizia

Frank Gill, analista sovrano senior di Standard & Poor’s, ha osservato che il nuovo governo rumeno ha annullato i grandi aumenti delle pensioni. Nel complesso, con così tanta incertezza su come COVID sta lasciando le economie, ha senso dare qualche beneficio al dubbio quando possibile.

Tony Stringer, amministratore delegato di Fitch per Global Sovereigns and Supernational Corporations, ha anche recentemente sottolineato che il fatto che il debito di quasi tutti i paesi sia aumentato significa che i singoli paesi non si sono distinti a causa del loro aspetto negativo.

Fitch prevede che il debito pubblico globale raggiungerà i 95 trilioni di dollari nel 2022, un aumento record del 40% in termini nominali rispetto a prima della crisi del 2019.

“Quando si ha una crisi che colpisce tutti i paesi, alcuni di questi indicatori sulla scala relativa si muoveranno insieme, quindi si crea una sorta di cuscinetto per i rating”, ha detto Stringer il mese scorso.

Tuttavia, per altri osservatori, questa accettazione di un debito elevato è scomoda. Le classifiche sono progettate specificamente per giudicare la capacità dei paesi di pagare i propri debiti e la storia mostra che maggiore è il debito, maggiore è il rischio di problemi.

Moritz Kramer, l’ex capo dei rating sovrani S&P, ha detto che era come dire: “Mi spiace agente, non puoi darmi un biglietto, anche tutti stavano correndo”.