Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'OCSE in Italia richiede che i pensionati che guadagnano di più paghino di meno

L'OCSE in Italia richiede che i pensionati che guadagnano di più paghino di meno

Lunedì l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha suggerito che l’Italia, nel suo studio economico sul paese transalpino, introduca una “riforma fiscale” che includa imposte più elevate sulle pensioni e sulla proprietà. L'organizzazione internazionale esorta il paese a prestare particolare attenzione al crescente debito e a correggerlo: “È il terzo più alto dell'OCSE”, dicono. Nello specifico, si tratta di circa il 140% del Pil.

L’invecchiamento della popolazione comporterà un costo non indifferente per le casse italiane, da qui la raccomandazione di tassare nuovamente gli stipendi più alti perché la tendenza, secondo l’OCSE, è che questo fenomeno demografico porterà ad un aumento del debito italiano di 4,5 punti percentuali tra il 2023 e il 2023. 2023. 2040. Da qui la necessità di “attuare riforme finanziarie e di spesa per reindirizzare il debito su un percorso prudente e ridurlo in modo permanente durante il 2025”.

“L'Italia deve dare priorità assoluta al consolidamento dei suoi conti pubblici con aggiustamenti su più anni. Allo stesso tempo, deve contenere la spesa proteggendo gli investimenti pubblici per ridurre al minimo gli impatti negativi sulla crescita economica”, insistono gli esperti dell'OCSE.

Nel complesso, l’economia italiana si è dimostrata molto resiliente durante questo periodo di crisi persistenti. “La situazione sta rallentando”, avvertono. La stima finale della crescita del PIL per il 2023, in attesa di revisione, è dello 0,7%. Uguali alle stime di consenso di Bloomberg.

Per quest’anno e il prossimo, le aspettative sono “limitate”. Stime dell'OCSE Il Pil stagna e torna allo 0,7%, mentre nel 2025 si stima una lieve ripresa all'1,2%. Mantengono quindi le previsioni per novembre 2023.

READ  Gli obiettivi globali di Putin in Ucraina

Il fattore principale dietro la stagnazione dell’economia italiana è “l’inasprimento delle condizioni finanziarie”. Allo stesso tempo, il rallentamento della Germania sta colpendo anche l’Italia, due economie fortemente interconnesse a causa delle loro relazioni industriali.

La soluzione per l’organizzazione internazionale è chiara: “È necessario risparmiare il più possibile la spesa pubblica”. Come consiglio si punta sulle cosiddette “pensioni d'oro”, cioè assegni sociali di valore compreso tra 2.500 e 3.000 euro al mese.

Si stima che le pensioni “d’oro” italiane richiedano ca 17.000 milioni all'anno secondo i dati ufficiali. Ma in generale, le pensioni rappresentano gran parte della spesa pubblica totale. Nel frattempo, questo problema può essere risolto a breve termine eliminando gradualmente i piani di prepensionamento.

A lungo termine si parla di abolire la deindicizzazione delle pensioni e di sostituirla con un'imposta sulle pensioni più alte, non legata ai contributi precedenti dei pensionati. “Questo contributo di solidarietà potrà essere mantenuto finché il reddito relativo dei pensionati non sarà in linea con la media OCSE”.

Berlusconi ci aveva già provato allora, creando appositamente un “contributo di solidarietà”. Si trattava di un'imposta sulle pensioni che superava i 90.000 euro annui fino al 31 dicembre 2014. L'imposta variava dal 5% a 150.000 euro e aumentava al 10%. Per pensioni tra 150.000 e 200.000 euro. Superati tali importi l’imposta sale al 15%.

L’obiettivo era che le tasse riscosse si riflettessero sui pensionati che percepiscono meno reddito. Ma il Contributo di Solidarietà è stato dichiarato incostituzionale dalla Corte Costituzionale italiana nel 2013, ritenendolo “ingiusto e discriminatorio”.

Nel 2014 è stato nuovamente processato con alcuni emendamenti e nel 2016 la Corte Costituzionale lo ha nuovamente respinto.

READ  I mercati azionari europei sono scesi sotto la pressione delle banche in Italia | Ultimo | Economia

Tasse di successione e di successione in più

L’organizzazione con sede a Parigi parla di un risparmio annuo pari a circa lo 0,2% del Pil, ma ritiene che dovrebbe essere “più ambizioso”. Si parla di controllo delle condizioni finanziarie, che richiede “l’adozione delle misure necessarie per limitare la crescita della spesa pubblica e migliorarne l’efficienza nei prossimi anni”.

Di per sé, ciò che propone l’OCSE è di reindirizzare le tasse dal reddito da lavoro verso l’eredità e la proprietà privata, preservando al tempo stesso l’aumento del reddito. Ciò, spiegano, renderebbe “la riscossione delle imposte più favorevole alla crescita”.

Infine, sono convinti che da allora l’Italia debba combattere l’evasione fiscale Entrate dell'imposta sul valore aggiunto Coloro che ereditano sono i meno istruiti. “Una parte significativa delle entrate viene persa a causa dell’evasione fiscale”, affermano.

WhatsAppTwitterLinkedInSpiccaSpicca