Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cosa c’è che non va nell’economia spagnola? Scritto da Manel Perez

Fare esercizi di memoria, per ripensare a quanto accaduto in passato, non è solo una sana pratica della storia e della politica. Anche per l’economia. Ad esempio, potrebbe essere un buon momento per rivedere le decisioni messe in atto durante la dura fase di paralisi economica dovuta alla pandemia, soprattutto per tutto il 2020.

Ricordiamo lo sfondo. Una sezione della squadra economica del governo, guidata dal ministro dell’Economia, Nadia Calvino, in cui il ministro delle finanze, Maria Jesus Montero, e talvolta il ministro dell’immigrazione e della sicurezza sociale, José Luis Escriva, sostenevano una politica di spesa pubblica tanto ristretta quanto possibile, calibrando attentamente i bisogni dei beneficiari e pensando a debito e deficit In futuro, quando sarà il momento di stringere nuovamente la cinghia. L’altro settore, identificato ulteriormente con il partner podemita, era Pablo Iglesias, secondo vicepresidente, e il ministro del Lavoro, Yolanda Diaz, ha sostenuto l’opzione di spendere il più possibile, poiché i settori dell’esercizio rimangono.

Inaspettatamente, questa seconda ondata di governo nel diagnosticare e formulare raccomandazioni di politica economica ha coinciso con i guardiani dell’ortodossia finanziaria globale, i banchieri centrali. Tra questi c’è la presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde. E in Spagna, il governatore della Banca di Spagna, Pablo Hernandez de Cos. Il primo lo ha fatto a livello internazionale, con appelli di adesione. Anche il secondo, ma con l’aggiunta di dosi di intensa persuasione e mosse di spiegazione, queste mosse sono molto più segrete.

Sebbene il dibattito al governo non sia stato chiaramente definito, la linea di contenimento del partito ha rafforzato la sua tesi e la Spagna è stata in fondo ai paesi europei nella spesa contro la crisi. Davanti, tutti i grandi, dalla tedesca Angela Merkel o dal francese Emmanuel Macron. O l’Italia, Giuseppe Conte. Ma anche Portogallo, Grecia e Irlanda sono compagni, in varia misura, nel salvataggio della malconcia economia spagnola durante la crisi dell’euro.

READ  Il Portogallo spera di ripristinare i numeri del 2019 entro due anni

La pressione tedesca fa pressione su Lagarde affinché la BCE aumenti i tassi di interesse

.

Ora è il più lento a recuperare e sarà l’ultimo dei Grandi a salire di livello

In parte a causa di questo – anche la forte dipendenza da uno dei settori più colpiti, il turismo, ha avuto un ruolo – la Spagna è stata la più colpita dal blocco nella zona euro e quasi universalmente. Nonostante questi dati deludenti, i sostenitori della saggezza hanno affermato che la portata della tragedia sarebbe stata compensata dalla forza del rimbalzo. La famosa lettera V, poi convertita in U o radice quadrata. Insomma, il contenimento della spesa pubblica durante la crisi, che ha esacerbato la crisi economica, porterà nel prossimo futuro a una ripresa più robusta, con l’aggiunta che il peso del debito pubblico sarà minore e il deficit sarà più facilmente controllabile . .

Bene, è tempo di vedere se queste previsioni sono convalidate dalla realtà. Il fatto è che le difficoltà che l’economia spagnola sta affrontando nel recuperare i livelli che hanno preceduto la crisi pandemica stanno attirando l’attenzione sia all’interno che all’esterno del Paese. Nei giorni scorsi diverse testate internazionali, tra cui il Financial Times, hanno messo in dubbio le spiegazioni di questa situazione. Non trova una spiegazione facile.

Certamente, il consenso era che fosse il più basso quando è arrivata la pandemia e con le restrizioni ci si aspettava che avrebbe registrato una ripresa più intensa. Non è stato così e le successive revisioni delle previsioni hanno ridotto l’andamento atteso e posticipato l’arrivo del momento di piena ripresa. La Commissione Europea è stata l’ultima istituzione a rilasciare la sua analisi: una crescita sottile del 4,9% quest’anno e una ripresa definitiva nel 2023. Prima di allora, l’Istituto nazionale di statistica aveva già ammorbidito le aspettative, lasciando la crescita a un debole 2% nel terzo trimestre.

READ  ➤ Variante Delta: diversi paesi hanno deciso nuove restrizioni per fermarne la diffusione

Di tutte le maggiori economie dell’Eurozona, è il Paese con il peggior record, non solo assoluto, ma anche relativo. Francia e Italia cresceranno ancora di più. La Germania lo fa in termini percentuali inferiori, ma in proporzione al suo calo precedente, durante la pandemia è un bolide rispetto alla tartaruga spagnola e l’anno prossimo sarà già di diversi punti superiore al livello pre-crisi. È un’economia strettamente legata al commercio estero, e uno dei settori più colpiti dal collasso delle filiere produttive e di approvvigionamento globali.

È stato il governo spagnolo a fornire meno incentivi e aiuti durante l’epidemia

Se a qualsiasi ministro dell’economia del continente venisse chiesto quale combinazione preferirebbe, una con una crescita più elevata, una minore disoccupazione, una maggiore riscossione delle tasse, ma più accumulo di debiti, o un debito della realtà spagnola, una crescita inferiore, più disoccupazione, una riscossione inferiore, ma meno debito, non è difficile immaginare quale opzione otterrebbe una maggioranza schiacciante. In particolare, se si considera che le campane dell’aggiustamento – eufemisticamente chiamato consolidamento fiscale – iniziano a suonare a Berlino, dove la stampa scandalistica come Bildt Lagarde presenta come la signora dell’inflazione, una cruda campagna contro la politica monetaria della Banca Centrale Europea che riflette La classe media tedesca temeva di perdere il valore dei propri risparmi.

Per la Spagna, il pericolo sta nello stare con il peggio dei due mondi. Il suo tessuto produttivo non ha aiutato a sufficienza durante la crisi, né ha raccolto i frutti di quella falsa virtù, sotto forma di crescita e di forza una volta passata l’epidemia. E con aria modificata che soffia forte dall’Europa centrale.

READ  Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti mettono da parte le differenze e aumentano la produzione di petrolio da agosto | Economia