Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mercati del Sud Europa: buone prospettive dopo il primo trimestre

Il buon collegamento tra la Spagna e i mercati esportatori del sud Europa – che sono due paesi confinanti – e le restrizioni imposte dai paesi rivali lo scorso anno hanno consentito una significativa ripresa di questi turisti nel 2021, una tendenza che continuerà a crescere anche quest’anno una volta l’anno arriva. Il primo trimestre si chiude, a partire da Pasqua, se la pandemia non ha provocato nuovi shock. Questa settimana è stata sottolineata dai direttori degli uffici turistici spagnoli (OET) a Parigi, Milano e Lisbona in una conferenza organizzata da Turespaña sotto Fitur in questi mercati, dove hanno rivelato come si sono comportati l’anno scorso i viaggiatori provenienti da Francia, Italia e Portogallo e le prospettive per il 2022.

“Sono entrambi paesi esportatori e allo stesso tempo concorrenti, La loro principale destinazione è anche il Paese stesso”, ha sottolineato il ministro della Turibana a Parigi, Maria José Gómez, che ha evidenziato le caratteristiche principali di questi mercati: sono paesi limitrofi, strettamente legati al Portogallo e alla Francia, soprattutto via terra, anche se tutti hanno collegamenti aerei Molto importante, come ha detto: “Durante l’epidemia non è stato possibile volare in molti luoghi, quindi il traffico si è concentrato in luoghi aperti, come la Spagna”.

Maria Jose Gomez durante il suo discorso.

In questo senso, Gomez ha osservato che la Francia è stato il mercato più rilevante lo scorso anno. “I francesi nel 2021 non potevano viaggiare fino a maggio, Ma questi cinque mesi che mancano ancora è stato il primo mercato Fino a settembre compreso quello”.

Quindi, ha spiegato, la ripresa è stata maggiore di quella di altri esportatori, attestandosi già a livelli inferiori del 25% rispetto al 2019, raggiungendo i 5,7 milioni di turisti francesi a novembre e una quota di mercato del 18,7%, che supera il 50% in luoghi come la Catalogna.

I cambiamenti lasciati dall’epidemia

Per il 2022, il cancelliere ha notato un importante cambio di direzione determinato da omicron: “Prima che i francesi usassero molti alloggi di amici, E ora siamo cresciuti per stare negli hotelHa sottolineato che “a fronte di una maggiore flessibilità e sicurezza.

READ  Il governo celebra la scelta dell'azienda di cioccolato Ferrero in Cile per l'installazione di un nuovo stabilimento | Economia

Un altro punto da tenere a mente è che i turisti gallici Scopri destinazioni dominate da tedeschi e britannici, come le Isole Canarie, In quanto gli operatori francesi finora non avevano affari perché “già preso in consegna”, nonostante avesse rivitalizzato i loro voli riducendo l’arrivo di questi viaggiatori. “Le Isole Canarie sono al primo posto in Francia per turismo invernale”, ha affermato.

Gli scambi di viaggio nel sud potrebbero facilitare le destinazioni quest’anno. Immagine di Milano, in Italia. sorgente dell’immagine Dimitris Vetsikas A partire dal pixabay.

Allo stesso tempo, le destinazioni concorrenti – Marocco, Tunisia o Territori d’Oltremare – sono state chiuse, il che significa ” Un’opportunità importante” per la Spagna come destinazione.

Così, Gomez ha percepito il 2022 “molto positivamente” e ha alluso a un sondaggio del governo francese che ha evidenziato che il numero di francesi che rifiutano di viaggiare è in diminuzione: il 15% ovviamente non andrà in vacanza fino alla fine della pandemia, rispetto al 38% assicurato nel 2020

Per questo motivo, considerando che il concorso si aprirà quest’anno, ha sollecitato un’azione per mantenere quei flussi iniziati lo scorso anno. Tuttavia, un fatto positivo è stato introdotto uscendo dalla nuova ondata: le rigide restrizioni in vigore in Francia che impongono la chiusura dei locali notturni potrebbero favorire i viaggi in Spagna.

Italia

Per quanto riguarda il mercato italiano, il quarto esportatore prima della pandemia, Isabel Garana, Direttore di Turrispana a Milano, ha avanzato, che nonostante l’attuale incertezza potrebbe essere riattivato a marzo, Il 33% di questi turisti si è ripreso a novembre rispetto al 2019.

“Le condizioni per rilanciare il mercato ci sono, c’è una voglia fortissima degli italiani di viaggiare, La Spagna è la meta preferita degli italiani per una lunga vacanza – Per quanto riguarda la destinazione corta è la Francia – e siamo in ottimi contatti: venti destinazioni italiane sono collegate a 19 destinazioni spagnole”, ha sottolineato Garania.

Quali sono le motivazioni di questi viaggiatori? Ha notato che sono turisti interessati all’arte e alla cultura, all’esplorazione di esperienze uniche, “nel godersi la Spagna come facciamo noi e nel rilassarsi sulle nostre spiagge”.

Nello specifico, ha chiarito tale centratura Il marchio spagnolo non è stato colpito dalla crisi sanitaria Ed è ancora molto buono. Uno dei fattori più importanti per viaggiare sarà la vaccinazione, ha affermato il consulente, che renderà più facile per il 90% degli italiani vaccinarsi entro la fine di gennaio.

READ  Il centro logistico Amazon a Saragozza entrerà in funzione nel 2022

Portogallo

Da parte sua, il mercato portoghese sarà rivitalizzato nel 2022 Come ritorno alla coscienza puoi viaggiare. “Non in questo primo trimestre, ma verso Pasqua ci si riprenderà”, ha detto Yolanda Martinez, cancelliera a Lisbona, che ha sottolineato che la Spagna continuerà ad essere una delle principali destinazioni internazionali e ha chiesto di tenere in considerazione il peso crescente del turismo dell’entroterra che ha trainato il epidemia “più che circostanziale”. “Il viaggio all’estero è più complicato”, ha aggiunto.

Martinez ha anche alluso al crescente interesse del viaggiatore portoghese nel 2022 per i prodotti outdoor e non ingombranti come le strade attraverso l’interno del paese, i piccoli luoghi, il Camino de Santiago o il turismo sulla neve, anche se ha notato che sono anche alla ricerca di grandi città come Barcellona o Madrid È attraente per lei perché il paese non ha città di queste dimensioni

Un altro punto da considerare è il reddito disponibile per viaggiare con la famiglia, dato che il paese vicino ha sofferto molto la crisi economica perché la sua economia è molto vulnerabile al turismo. Il ministro che ha difeso il marchio turistico Non ha perso la sua rilevanza per questi viaggiatori, ma ha migliorato la sua posizione.

Ha sottolineato che “in molti forum si sente la buona impressione fatta dagli hotel spagnoli per il modo in cui hanno gestito le misure anti-COVID”.