Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vantaggi delle aziende elettriche pubbliche | Economia

La centrale nucleare dell’EDF a Fessenheim, in Francia.Vincent Kessler (Reuters)

La recente decisione del governo francese di limitare l’aumento del prezzo dell’elettricità a EDF al 4% è stata la risposta più forte del governo in Europa per contenere il folle aumento dei prezzi dell’energia. L’aumento, che si applicherà dal 1° febbraio, eviterà un aumento del 44,5% che l’elettricità avrebbe registrato in Francia senza l’intervento pubblico. Lo scopo del governo era “proteggere il potere d’acquisto dei francesi e mantenere la competitività della fornitura di energia elettrica alle imprese”.

Il governo centrista guidato da Emmanuel Macron ha potuto prendere questa misura perché lo Stato francese possiede l’83,9% delle azioni di EDF, la società proprietaria di un parco di 56 reattori nucleari che producono il 70% dell’elettricità francese, senza ignorarne i rischi. La decisione ridurrà i profitti della società di oltre 8000 milioni di euro e significherà una perdita del 25% del suo valore in borsa.

Il colosso elettrico francese è stato creato nel 1946 dopo il processo di nazionalizzazione delle società che producono, distribuiscono e commercializzano elettricità. L’EDF ha seguito il modello promosso dal presidente degli Stati Uniti Franklin D. Roosevelt nella costituzione del New Deal con la Tennessee Valley Authority (TVA) nel 1933 per generare elettricità, controllare le inondazioni e migliorare le condizioni di vita degli agricoltori. Oggi è il più grande servizio elettrico pubblico del Paese.

Le società pubbliche del settore energetico sono nate da esigenze specifiche che il settore privato non è stato in grado di risolvere. Oggi costituisce un potente strumento per risolvere potenziali problemi di scarsità, sottoinvestimenti o mancanza di controllo dei prezzi. Esistono società elettriche pubbliche in Francia, Germania, Svezia, Svizzera, Polonia, Romania, Lituania, Paesi Bassi, Irlanda, Italia, Stati Uniti, Giappone, Canada e Brasile.

READ  Anecoop evita la diffusione del virus crescendo del 6,6% e generando 966 milioni di affari

La Spagna aveva Endesa, una compagnia elettrica importante e molto ben gestita che è stata privatizzata. Nel 1988 e nel 1994 i socialisti iniziarono la loro privatizzazione pur mantenendo una forte maggioranza popolare. La società è stata ceduta interamente da Partito Popolare nel 1997 e nel 1998, che è stata infine acquisita dalla società per azioni Enel, con un’operazione altamente redditizia.

L’accreditamento esterno e i requisiti di transizione energetica hanno portato a una rivalutazione delle società pubbliche. Studio dell’OCSE Investi in clima, investi in crescita, ha osservato che “il ruolo del settore pubblico è essenziale per garantire che gli investimenti nelle infrastrutture siano coerenti con l’obiettivo di migliorare la resilienza agli shock economici e climatici, nonché per stimolare gli investimenti del settore privato nell’adattamento”.

Conosce a fondo tutti gli aspetti della moneta.

Partecipare

Più che un semplice confronto tra mercato e Stato, c’è una chiara complementarità tra i due sistemi. I paesi con società pubbliche hanno più strumenti per fornire maggiore sicurezza ai propri cittadini e aziende. La cosa migliore non è stata la privatizzazione.