Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alessandro Cattane: “Siamo cresciuti forti, ma la mancanza di chips ci impedisce di vendere di più” | Aziende

Esprinet è il principale distributore di prodotti IT ed elettronica di consumo in Spagna e Italia, due dei tre paesi in cui opera, con un fatturato globale di 4.500 milioni di euro nel 2020 e 1.600 dipendenti (730 in Spagna). In Portogallo, l’azienda, che commercializza circa 130mila prodotti di oltre 650 produttori, è in forte crescita, ma è ancora al quinto posto della sua quota di mercato. L’amministratore delegato dell’azienda, Alessandro Cattani, spiega a CincoDías come la pandemia abbia portato alla crescita della sua azienda e come i problemi logistici causati dal Covid-19 e la mancanza di chip che affliggono il settore stiano influenzando l’attività. Indica anche dove vedi opportunità in futuro.

In che modo l’epidemia ha incrementato l’attività di Esprinet?

Stiamo crescendo forti. Abbiamo chiuso il 2020 con un fatturato globale di 4.500 milioni di euro, in crescita del 14% rispetto al 2019, di cui 2.700 milioni per l’Italia e quasi 1.800 milioni per Spagna e Portogallo. La Spagna, dove le nostre vendite sono aumentate del 21%, in realtà rappresenta poco più del 40% delle nostre entrate e un po ‘di più in termini di profitti. In termini di calcolo di interessi, tasse e ammortamenti, è cresciuto del 24% a 69 milioni e abbiamo chiuso l’anno con una liquidità netta di 300 milioni di euro. Record storico. Ciò è dovuto al fatto che abbiamo migliorato la nostra redditività, abbiamo ridotto significativamente il numero di giorni di inventario, abbiamo più o meno mantenuto un finanziamento stabile per i clienti e siamo stati in grado di aumentare leggermente il periodo di rimborso per i produttori, che hanno riconosciuto il nostro buon lavoro durante la pandemia. Esprinet è quotata alla Borsa di Milano dal 2001. Siamo partiti da 1,4 € e ora siamo a 13,37 €, e ci avviciniamo ai massimi. Abbiamo sempre guadagnato soldi. In 20 anni, la società ha accumulato un utile netto di 470 milioni e dal 2001 abbiamo pagato oltre 135 milioni di dividendi. L’anno scorso abbiamo annunciato un dividendo di 54 centesimi per azione.

Cosa vorresti sottolineare in particolare nel 2020?

Questi buoni risultati sono stati ottenuti nonostante le difficoltà che abbiamo incontrato. Non solo a causa del Covid-19, ma a causa di una carenza di prodotti che i produttori non sono stati in grado di fornire a causa della carenza di chip e di problemi logistici dovuti alla pandemia. I nostri dipendenti hanno combattuto come leoni per rimanere attivi in ​​questa difficile situazione, poiché abbiamo dato la priorità ai distributori che servono scuole e ospedali. Per questo abbiamo deciso di versare un bonus straordinario di 600 euro complessivi a ciascun dipendente per l’impegno, il che significa un investimento di oltre 1 milione di euro. In un’azienda come Esprinet, che non ha un marchio famoso come Gucci e facciamo il lavoro ombra per aiutare i principali attori (Media Martk, Amazon, El Corte Inglés, Carrefour …), ciò che viene apprezzato è la qualità del servizio e questo può essere ottenuto solo se la tua squadra lavora sodo ed era felice. Non è facile lavorare tutto il giorno nei magazzini con le maschere o con i bambini a casa. Esprinet non si è mai fermato; Nel 2020 abbiamo reclutato altre 259 persone e in questo primo semestre del 2021 abbiamo reclutato più di 110 nuovi professionisti (56 nella penisola iberica) per rafforzare le aree di vendita, marketing, logistica e personale.

READ  Vaccini, economia post-pandemia e cambiamento climatico: i temi di partenza del G7 - Tellam

Pensa che la crescita raggiunta nel 2020 continuerà una volta che l’epidemia sarà scomparsa?

Per il settore tecnologico, la pandemia era la cosa migliore che potesse accadere, ma è stata orribile per le persone. Questo drammatico evento ha cambiato il modo in cui le famiglie, le imprese e le pubbliche amministrazioni interpretano la tecnologia. Abbiamo avuto venti favorevoli, ma non crediamo che i livelli di picco a cui si è assistito in questi mesi possano durare per sempre, sebbene l’importanza della tecnologia rimanga nella nostra società. Gli analisti prevedono che durante la prima metà del 2021, quando siamo ancora molto limitati, la domanda di prodotti tecnologici da parte di famiglie e aziende continuerà, soprattutto con laptop per lavorare da remoto. Ma sottolineano che con la vaccinazione le persone ricominceranno a spendere in ristoranti, viaggi, hotel e abbigliamento e il consumo di tecnologia da parte delle famiglie diminuirà leggermente. Mentre quello dall’amministrazione aumenterà.

“Vogliamo acquistare una società in Portogallo e altri punti vendita ad alto margine in Spagna e in Italia”.

Quali fattori vedete che potrebbero continuare a guidare questo settore e in che modo aiuteranno la vostra azienda?

Il forte motore della crescita sarà, senza dubbio, la prossima generazione di fondi di recupero dell’Unione Europea, che porteranno molto denaro a Spagna e Italia, in quanto sono i due paesi che ne beneficiano maggiormente. E se guardiamo dove va a finire gran parte di questo denaro, sarà per progetti di sostenibilità e digitalizzazione dell’economia. Gli altri driver saranno il 5G, che guiderà il rinnovamento dei telefoni cellulari e dell’Internet of Things. Apple AirTags, un piccolo dispositivo che ti consente di tracciare i prodotti, ne è un esempio, ma è qualcosa in cui vedremo Città intelligente E nelle fabbriche, le macchine saranno collegate per acquisire dati ed eseguire la manutenzione predittiva, tra le altre cose. Il 5G consentirà anche progressi nella telemedicina.

READ  Le società energetiche consentono a Ibex di recuperare 9.100 punti

Dietro ciò che conta c’è il cambiamento culturale, accelerato con l’epidemia.

In realtà. Stiamo vivendo un momento magico, perché c’è un cambiamento culturale, molti soldi arrivano dal Paese e ci sono anche innovazioni tecnologiche. Se guardi alle famiglie digitalizzate e anche alle aziende lo fanno. Ad esempio, dati da vendita a pezzi La tecnologia mostra che del totale delle vendite online effettuate in questi mesi epidemici, solo il 50% è stato implementato prima Giocatori puri Come Amazon, il restante 50% sono vendite online di Media Markt, El Corte Inglés, Alcampo e Carrefour. Questo è molto importante perché rappresenta un percorso per l’evoluzione dei consumi, nel modo in cui operano le aziende. La stessa cosa accade con le aziende di altri settori, e questo significa investire in tecnologie Banca datiServer, dischi rigidi, apparecchiature di rete, soluzioni di sicurezza, software, soluzioni cloud … per essere in grado di supportare tutte queste operazioni.

Quali prodotti sono stati venduti di più durante l’epidemia e quali nuovi prodotti entreranno?

Tra i dispositivi più ricercati c’erano laptop, tablet e, in misura minore, telefoni cellulari. Ma sono aumentate anche le vendite di asciugacapelli, prodotti per la cucina e prodotti per la cura della persona, perché tutti volevamo diventare chef. Poi ci sono televisori, piccole stampanti domestiche e prodotti per le videochiamate. Guardando al futuro, stiamo esaminando tutto ciò che riguarda la mobilità elettrica (biciclette e scooter), un’area che riteniamo vedrà una forte crescita e prodotti professionali associati. Nube E soluzioni per la sicurezza informatica. Quest’ultimo segmento dovrebbe aumentare notevolmente perché gli attacchi informatici, lungi dall’essere contenuti, sono in aumento.

In precedenza aveva parlato della carenza di chip e dei problemi logistici. In che modo ti hanno influenzato tutti?

La logistica ci ha colpito, ma meno di quanto si possa pensare. L’impatto, in questo caso, è stato più in termini di costi, perché con la pandemia c’erano navi che tagliavano intere rotte oltremare e vuote viaggi di ritorno. Inoltre, il problema che si è verificato nel Canale di Suez ha causato lievi ritardi. Ma la questione dei semiconduttori è un problema serio, perché se avessimo più prodotti, avremmo ottenuto più vendite e tutte le aspettative sono che questa carenza di chip continuerà per molti trimestri. Abbiamo contatti con tutti gli amministratori delegati dei principali produttori di prodotti tecnologici in tutto il mondo e tutti hanno lo stesso problema. Le quantità prodotte sono in aumento ma inferiori alla domanda. È difficile sapere quante vendite potrebbero andare sprecate, ma c’è una ragione per cui il rinnovo delle attrezzature non può essere effettuato alla velocità richiesta.

READ  Gli albanesi votano in elezioni legislative fondamentali nel loro cammino verso l'Unione europea

“Stiamo cercando di espandere il Nord Africa, perché crediamo che sia una regione con un potenziale. Non escluderemo altri paesi fino a più tardi”.

La carenza di componenti e problemi logistici hanno aumentato il costo dei prodotti?

Sì, storicamente questo settore si sta contraendo. Se aspetti, puoi acquistare qualcosa di nuovo e più economico, ma ora non è così. Questo aumento non è stato sottovalutato molto perché la deflazione più l’inflazione, che c’è ora, è pari a zero. Ma ora se aspetti, paghi un po ‘di più. Questo è stato seguito da un forte aumento della domanda di prodotti elettronici con una mancanza di investimenti in nuove fabbriche di componenti e una vera esplosione della domanda da parte delle case automobilistiche, che si sono trasformate in veri e propri computer su ruote.

Alcuni dei tuoi concorrenti sono stati acquistati da società di capitale di rischio. Esprinet è sul mercato se arriva una buona offerta o, al contrario, vuole continuare a crescere attraverso acquisizioni?

Posso dire un po ‘del primo. Siamo una società quotata e se gli azionisti ricevono offerte non so cosa ne diranno. Ma il nostro piano è crescere attraverso acquisizioni. L’anno scorso, abbiamo effettivamente acquistato il sesto più grande grossista spagnolo per volume e il primo nel mondo cloud, GTI Group, e il grossista italiano Dacom, specializzato in acquisizione di dati e identificazione automatica. Ora vogliamo acquistare una società in Portogallo, dove cerchiamo una posizione più forte, e guarderemo agli acquisti in Spagna e in Italia per alcune società specializzate in prodotti ad alto margine (il mondo) Nube, Sicurezza, server … o i giochi O soluzioni di mobilità elettrica nell’elettronica di consumo). Abbiamo anche iniziato a lavorare nel mondo dei pali per la ricarica delle auto elettriche e vorremmo crescere in quest’area della sostenibilità e dell’ambiente. Target è un’azienda con un fatturato compreso tra 30 e 100 milioni con un’ottima redditività, con un team esperto e una buona gamma di prodotti e clienti.

Vogliono entrare in nuovi paesi?

Guardiamo al Nord Africa, perché acquistando GTI abbiamo acquisito anche una piccola azienda in Marocco e crediamo che in quest’area, anche in Egitto ad esempio, ci sia del potenziale. Allo stesso modo, valuteremo altri paesi europei ma sarà più tardi perché nei prossimi tre anni ci concentreremo sul rafforzamento della nostra presenza in Italia, Spagna e Portogallo e valutare se il Nord Africa rappresenta un’opportunità di business o meno.