Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La tutela ambientale di Sanchez lascia la Spagna fuori dal piano strategico del gas: l’Ue finanzierà l’Italia come fornitore – Carlos Cuesta

Pedro Sanchez e il suo ministro Teresa Rivera Non hanno mai voluto il gas naturale. Sono convinti che la Spagna – e il mondo in generale – possano generare l’elettricità di cui hanno bisogno solo con il sole e il vento. Gli ostacoli del governo alla costruzione di un nuovo gasdotto attraverso la Catalogna per rifornire il nord Europa sono stati così evidenti e frequenti che l’UE ora preferisce finanziare lavori in Italia per importare gas algerino e dimenticare Sanchez.

Il problema è Così, la Spagna perde la possibilità di diventare nientemeno che un partner strategico Dal Nord di fronte all’instabilità dell’offerta dalla Russia. Né Sanchez né il ministro Ribera sembrano addolorarsi per me “Comunicazioni della Commissione Europea al Parlamento Europeo” il 18 maggio. E non lo faranno perché il loro obiettivo, in fondo, è sempre stato quello di far passare il treno del gas e favorire quelle che chiamano energie verdi, quelle che l’Ue accetta, tranne il nucleare.

Il problema è che la Spagna è una centrale elettrica nella rigassificazione da gas a gas e, nonostante ciò, Sarà ora l’Italia a ricevere i fondi per le infrastrutture necessarie Questa capacità garantisce la fornitura di gas naturale al nord Europa. La Spagna doveva promuovere la costruzione del cosiddetto nuovo gasdotto Medcat che avrebbe collegato la Spagna con la Francia e avrebbe attraversato la Catalogna.

Il progetto non è stato ufficialmente fermato, ma il numero dei veri ostacoli ha raggiunto un punto tale che l’Europa si è stancata di aspettare. Si ricorda che nel 2014 i dipartimenti di studio strategico del Ministero della Difesa hanno descritto il progetto come un’opportunità critica. Lo hanno fatto a causa dell’instabilità russa. E lo fecero dopo l’occupazione della Crimea. L’attacco di Putin all’Ucraina ha riaperto il dibattito. L’Unione Europea ha chiesto una risposta rapida. La Spagna ha preferito porre ostacoli. Gli ostacoli verdi sarebbero costosi per l’economia e l’importanza strategica della Spagna.

READ  Modifica del vaccino

verso l’alto, Sanchez ha fatto esplodere le possibilità di negoziare con l’Algeria. L’Unione Europea non considera più la Spagna un paese affidabile per le forniture di emergenza di gas dal sud del continente. Ora l’Ue preferisce l’Italia, che ha riattivato i negoziati con l’Algeria diventando così l’angelo custode dell’Europa in materia di forniture di gas. Ruolo assolutamente strategico Ti permetterà di essere il salvatore, per esempio, della Germania, il principale motore dei salvataggi economici. Questo stesso ruolo strategico è quello che la Spagna ha mancato. Tutto questo senza tener conto del fatto che la Spagna ha sette rigassificatori gas-gas – di cui uno attualmente vietato per decisione del governo – e l’Italia solo due.

Più premi per l’Italia

Ma l’Italia ha cercato una soluzione a questo problema: l’Unione Europea Finanzierà inoltre parte del gasdotto con il quale trasporterà il carburante rigassificato in Spagna nel suo Paese di origine. In questo modo, nonostante la capacità di convertire il gas importato in gas naturale via nave sia in Spagna, il vantaggio di distribuirlo in tutto il Nord Europa andrà all’Italia. E anche i soldi del finanziamento delle infrastrutture. Un nuovo successo per la politica energetica di Sanchez.

Il documento del comitato lo definisce chiaramente Punti strategici di Bruxelles. E quelli, quindi, devono essere finanziati come punti chiave per l’UE. “La maggior parte dei paesi dell’Europa occidentale mostra poca dipendenza dal gas russo al momento. Tuttavia, la Germania è altamente vulnerabile alla dipendenza dal gas russo”, afferma la dichiarazione della Commissione europea. “In assenza di importazioni di gas russe, i colli di bottiglia delle infrastrutture sono associati a una capacità insufficiente dei gasdotti occidentali e orientali, nonché a una capacità di importazione insufficiente, comprese le infrastrutture del GNL”, aggiunge. “I vincoli infrastrutturali e normativi impediscono ai paesi del sud-ovest di cooperare con i paesi del nord-ovest, nonché dell’Europa centrale e orientale” e da allora “Non ci sono grandi capacità di gas disponibili dalla Francia alla Germania”l’Unione Europea è costretta a guardare verso l’Italia.

READ  Alain Dehaze: “La Spagna dovrebbe consentire agli ETT di stipulare contratti a tempo indeterminato” | Economia

Il documento afferma che: “A Dovrebbe essere effettuata un’ulteriore valutazione del progetto infrastrutturale transfrontaliero nella penisola iberica Assolutamente, dato il suo potenziale a lungo termine, per sfruttare l’importante potenziale di idrogeno rinnovabile della penisola iberica, così come del Nord Africa, e se può diventare l’elemento numero uno nella spina dorsale dell’idrogeno considerando l’acceleratore dell’idrogeno. Ma non più in materia di un gas particolare.

Chi occupa questa posizione strategica? Bene, l’Italia. “Nell’Europa sudorientale, nel corso del periodo 2020-2021, sono entrati in funzione importanti progetti prioritari di infrastrutture del gas, tra cui in particolare Gasdotto transadriatico, Fase 1 del corridoio del gasdotto BRUA e del terminale GNL di Krk, “spiega il documento europeo”. I restanti investimenti prioritari nelle infrastrutture nella regione da completare nel 2022 sono la riabilitazione, l’ammodernamento e Ampliamento del Sistema di Trasporto Bulgaro, il nuovo collegamento tra Grecia e Bulgaria (IGB) Nella sua prima fase operativa, fornirà una capacità bidirezionale di 3 miliardi di metri cubi all’anno”.

E per l’Italia ci sono ancora più riconoscimenti: “Ulteriori forniture alla regione potrebbero venire dall’ampliamento su larga scala di TAP, ma l’upgrade di TAP richiede ulteriori investimenti accelerati nelle infrastrutture della rete di trasmissione italiana (Adriatica e linea Mattagiola-Massafra). Perché, come dice Bruxelles, ‘se la trasmissione italiana e’ fatta’ Potenziamento della rete, che permetterà di aumentare i flussi dal sud al nord Italia, che saranno legati ai flussi aggiuntivi di TAP, EastMed e Nord Africa. Oltre ad espandere il collegamento tra Grecia e Bulgaria (IGB Fase II), potrebbe alleviare ulteriormente la dipendenza, in particolare in Bulgaria e in tutta la regione dell’Europa sudorientale, consentendo maggiori flussi TAP e terminali GNL in Grecia. “

READ  I prezzi dell'elettricità scenderanno del 16% oggi, domenica, a 177,64 euro per megawattora | Economia

Non una parola dalla Spagna. Il nuovo progetto Star Gas passa per l’Italia. S Sanchez perde un’occasione storica per la Spagna Sono diventato garante del flusso di questo carburante verso la Germania, il grande finanziatore del debito pubblico nazionale.