Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Con più di 30 anni di servizio, la Marina degli Stati Uniti si prepara a ritirare le ultime tredici corvette missilistiche di classe Ticonderoga.

Con più di 30 anni di servizio, la Marina degli Stati Uniti si prepara a ritirare le ultime tredici corvette missilistiche di classe Ticonderoga.

Questa settimana, la Marina degli Stati Uniti ha stabilito il suo programma per il ritiro delle ultime tredici corvette missilistiche di classe Ticonderoga, prevedendo che le ultime due saranno ritirate entro l’anno fiscale 2027. Navi: USS Chosin (CG 65) e Cape St. George ( CG 71). Ciò segna la fine della vita utile di una classe in servizio da oltre tre decenni che si è distinta per essere stata la prima a integrare i sistemi di gestione del combattimento AEGIS.

Secondo Naval News, la decisione della Marina statunitense arriva poco dopo l’annullamento dei lavori di ammodernamento previsti dal Cruise Modernization Program della Marina statunitense, segnando una rottura con quanto ordinato dal Congresso degli Stati Uniti che chiedeva il mantenimento del suddetto progetto. Le tensioni tra politici e marinai non sono una novità per quanto riguarda il destino degli incrociatori in questione. Nel 2022, l’alto comando della Marina americana ha chiesto la rimozione di trentanove navi, tra cui la classe Ticonderoga, dalla flotta, dopo aver incontrato resistenza parlamentare. Li ha costretti a mantenere in servizio le tredici navi che verranno ritirate nel prossimo futuro.

In linea di principio, il programma di modernizzazione delle navi da crociera recentemente menzionato proponeva di utilizzare sette corvette, di cui solo due furono consegnate alla forza (USS Gettysburg e USS Chosin), mentre le navi Hue City (CG 66) e Anzio (CG 68) furono consegnate alla Marina Militare. forza. ). Sono stati ritirati a causa delle loro cattive condizioni e dei ritardi nell’orario di lavoro. In termini di budget, il fallito piano di modernizzazione è costato agli Stati Uniti circa 1 miliardo di dollari. La già citata richiesta della Marina statunitense di ritirare l’intera classe Ticonderoga adduceva tra gli argomenti le grandi difficoltà che un’operazione del genere avrebbe incontrato.

READ  Esplode una piattaforma petrolifera in Messico e scoppia un violento incendio: due persone muoiono

Di seguito, descriviamo in dettaglio la sequenza temporale per ciascun pensionamento pianificato, classificato in base a quelli previsti più vicini ad esso: USS Vickersburg (CG 69) andrà in pensione alla fine di questo mese, e USS Cowpens (CG 63) andrà in pensione allo stesso modo destinazione alla fine di agosto, mentre le portaerei USS Antietam (CG 54) e USS Leyte Gulf (CG 55) verranno ritirate entro settembre di quest’anno. Da parte loro, gli incrociatori USS Philippine Sea (CG 58), USS Normandy (CG 60), USS Shiloh (CG 67) e USS Lake Erie (CG 70) hanno una data di pensionamento prevista nel 2025. Le navi USS Princeton (CG 58) 59), USS Robert Smalls (CG 62), USS Gettysburg La CG 64 scadrà nel 2026. Le due navi rimanenti sono già state menzionate inizialmente e il loro ritiro è previsto nel 2027.

Per quanto riguarda il destino delle tredici navi che verranno dismesse, la Marina americana ha indicato che entro il 30 settembre 2027 tutte le unità diventeranno risorse di supporto logistico, o simili, da smaltire per pezzi di ricambio e attrezzature per altre navi. Le navi ancora galleggianti dopo queste operazioni verranno utilizzate anche negli esercizi di affondamento (SINKEX). Come precisato dalla Marina statunitense, le navi che sostituiranno la classe Ticonderoga una volta che ciò si verificherà saranno i cacciatorpediniere classe Arleigh Burke Flight III, di cui solo uno è attualmente in servizio.

*Le immagini sono utilizzate a scopo illustrativo

Potrebbe interessarti: La Marina degli Stati Uniti riceve un nuovo hovercraft LCAC per aumentare le sue capacità di attacco e trasporto anfibio