Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Stava per morire e ha deciso di cambiare vita: ha venduto software e oggi riesce a produrre vino a Mendoza

Alejandro Cos, 52 anni, produttore di vino Ha iniziato la sua attività solo quattro anni fa, dopo che due esperienze di pre-morte gli avevano fatto capire che il suo lavoro di venditore di software in giro per il mondo non era più sostenibile. In conversazione con Nazione, Ha raccontato come è riuscito ad andare avanti all’interno di un’umile famiglia uruguaiana che ora si è stabilita in Argentina Produce un tipo di vino unico nel paeseche venivano esportati in tutti gli Stati Uniti.

Alejandro è nato a Montevideo, Uruguay, In una famiglia con reddito limitato. Anche se si identifica come classe medio-bassaHa affermato che mancano alcuni oggetti che al momento sembrano necessari, come un frigorifero o una cucina. All’età di 13 anni inizia a lavorare come aiuto in casa e subito dopo si trasferisce a Buenos Aires, dove ha modo di formarsi e iniziare il percorso di avanzamento personale e professionale.

Nel 2020, Alejandro ha guadagnato la sua generosità a Los Chacayes dopo che varie esperienze lo hanno portato vicino alla morte, costringendolo a cambiare lavoro e stile di vita.(Fonte: per gentile concessione di Alejandro Cos)

Dopo aver frequentato il college, Couce ha conseguito una laurea in sistemi Da lì ha iniziato a vendere software a diverse aziende in tutto il mondo Gli ha richiesto di viaggiare in più di 60 paesi. Nonostante la sua famiglia fosse in Argentina, nel corso degli anni andò a vivere negli Stati Uniti, per poter continuare sulla strada del successo, la stessa strada che credeva di essere convinto fosse come dovesse essere.

“Ho avuto l’opportunità di essere in 69 paesi, vivere in 9 paesi, parlare 7 lingue e incontrare molte persone, ma nel 2019 ho avuto la sensazione di dover dare un nuovo significato alla parola successo”, ha detto Alejandro . E allo stesso tempo lo capiva Questo concetto non riguardava i materiali o la professionalità, ma “entrare in contatto con le proprie emozioni e avere più intelligenza emotiva”. Riflette su altre meraviglie della vita, come connettersi con i “sorrisi” dei suoi figli o “leggere un libro di notte, invece di essere in cinque paesi a settimana o viaggiare in Irlanda per un incontro di due ore”.

Alejandro ha realizzato il suo sogno dopo averlo creato nel 1998 durante un viaggio in Sud Africa. Ecco come si presenta oggi Couce Vineyards, il vigneto che produce una tipologia di Malbec unica nel nostro Paese(Fonte: per gentile concessione di Alejandro Cos)

laureato Riuscì ad accumulare 100 viaggi in un anno Ecco perché l’organizzazione gli ha detto: “Basta”. Nel 2011 conosce in ambito lavorativo la sua compagna Graziela, di origini brasiliane, che gli regala un’altra prospettiva di vita, più spirituale; Tuttavia, nel 2013, si ammalò gravemente durante la sua permanenza nel gigante sudamericano. Ciò ha portato ad una febbre di oltre 40 gradi, “che i medici non sono riusciti a far scendere con nulla”..

Alegra reserva e Alegra Alamela, due vini prodotti da Couce Vineyards(Fonte: per gentile concessione di Alejandro Cos)

A causa di questa offerta fu ricoverato in ospedale e in questo contesto ebbe una sorta di “epifania”, guardando Grazela e menzionando il suo sogno di avere un vigneto. “Se comincio a fare vino, verrai con me a Mendoza.”Disse senza saperlo dopo che Koyo lo interruppe. Ciò che sorprese la donna e la sua comprensione fu la sua situazione delicata. Questa è stata la prima esperienza di pre-morte di Alexander. Due anni dopo rimase paralizzato durante un evento di Formula 1 in Messico e svenne due volte su un aereo.

READ  Uno studio ha scoperto che le ondate di calore non si sarebbero verificate senza il cambiamento climatico causato dall'uomo.

Tuttavia, l’allarme fisico è stato avvertito il 1° dicembre 2019, quando il suo secondo figlio, Alan, ha compiuto due anni. Lì i concetti di “trasformazione” e “riprogettazione” finirono per focalizzarsi profondamente sulla sua vita. In quel momento si rese finalmente conto che non voleva più continuare il ritmo del viaggio costante e della pressione costante. Nonostante le gioie e le vittorie professionali ed economiche, quello che Alejandro cercava era altro: Goditi di più la tua famiglia e i momenti con tutti loro.

Alejandro con la moglie Grazela in mezzo alle vigne(Fonte: per gentile concessione di Alejandro Cos)

Era lì quando Nel 2020 ha acquisito un’azienda vinicola già operativa a Los Chacayes, Valle de Oco, Mendoza.. Alla fine ha realizzato il suo sogno da quando lo aveva concepito per la prima volta nel 1998. Senza avere alcuna idea del vino, a parte i diversi tipi di ceppi, e senza conoscere i metodi di produzione, si è unito a viticoltori esperti in materia e lo ha provato.

Nel 1998, mentre Alejandro stava conseguendo il suo MBA, si recò in Sud Africa per visitare un amico che possedeva un vigneto. A quel tempo “non esistevano cantine che vendessero vino prodotto nei due anelli di produzione del vino, uno situato al 33° parallelo, che attraversa Argentina, Cile e Australia… e l’altro a nord, che attraversa Spagna e Francia…” .

Fu questo fatto che suscitò l’interesse ad avere un proprio vigneto in Argentina; Tuttavia, a quel tempo il suo lavoro aveva la precedenza.

Quando Alejandro fondò il suo vigneto, cercò di “trasformare” la sua vita, in modo da avere il tempo di sfruttare i momenti più quotidiani mentre realizzava il suo sogno.(Fonte: per gentile concessione di Alejandro Cos)

Dopo la nascita di Alan, alla fine del 2019, si è recato nell’idilliaca provincia vinicola dell’Argentina. “Era l’unica regione vinicola che non conoscevo; “In realtà sono stato in tutte le regioni vinicole del mondo e non sono mai stato a Mendoza”, ha detto. Dopo il primo contatto con quello che oggi è il suo vigneto, acquistò immediatamente la proprietà a Los Chacayes e si mise al lavoro.

READ  Cosa rivelano i dati del sondaggio IDEA

La verità è che questa zona è speciale perché si trova ad un’altitudine abbastanza elevata che, grazie allo scioglimento delle montagne, Ridurre i minerali necessari per la crescita della vite in un luogo sconosciuto. Ha spiegato: “È un terreno alluvionale, perché i minerali cadono, rotolano e si depositano nel terreno”.

Alejandro voleva produrre vini diversi entro i possibili parametri degli oltre 1.800 marchi di Malbec esistenti. Da li Nasce Allegra RiservaChi unisce il suo nome a quello della moglie. “Abbiamo trovato un vino che aveva trascorso 22 mesi in botti di rovere francese Primo utilizzo. Ovviamente è più costoso, è più costoso da produrre, ma volevamo che il nostro vino contenesse l’85% di Malbec e il 15% di uve che vengono ruotate di anno in anno.

Questo è Unico in Argentina Perché oltre ad invecchiarlo in botte, viene lasciato per altri 10 mesi in bottiglia, In modo che il cliente riceva un prodotto maturo per 32 mesi in totale.. Quindi, la sua qualità è superiore.

Attualmente, Alejandro e il suo team sono riusciti a produrre vini di qualità superiore che vengono esportati negli Stati Uniti e si prevede che raggiungeranno più paesi della regione.(Fonte: per gentile concessione di Alejandro Cos)

dopo di che, Arrivò Allegra Alamilla, In onore di unire i nomi dei loro figli: Alan e Melanie E’ in botte da 8 mesianch’esso invecchiato in botti di rovere francese e grazie a ciò si ottiene un sapore di frutta più pronunciato rispetto ad altri.

Alejandro ha scelto di produrre un vino che rappresenti il ​​nostro Paese, poiché oltre l’80% della tipologia attualmente esportata è Malbec. La sua prima destinazione furono gli Stati UnitiÈ un mercato che so già è un grande consumatore di questa bevanda prodotta qui. verso il futuro, Prevede di espandersi in Brasile e Messico.

READ  Aung San Suu Kyi è stata condannata dal regime golpista militare in Myanmar | Condanna internazionale del Premio Nobel per la pace

A Trova questi vini in ArgentinaE’ possibile acquistarlo online accedendo al sito Rete ufficiale O meglio in diversi locali come: Overo Bar a Palermo, Bebimente a Recoleta, A fuego Fuerte a Palermo, Restaurante 1888 a Pilar e Restaurant 7 fuegos de Francis Mallmann a Mendoza.