Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quarta ondata di coronavirus in Germania: Angela Merkel chiede “sforzo nazionale”

Il Robert Koch Institute (RKI), responsabile del monitoraggio dell’epidemia, ha registrato oggi 45.081 casi di coronavirus e 228 decessi, quindi questo numero di nuove infezioni ha superato gli 11.000 casi segnalati la scorsa settimana.

In questo senso, ogni 100.000 residenti vengono contagiati per un totale di 277,4 contagiati, e la crescita di questo numero è notevole rispetto al mese precedente, che ammontava a 65,5. .

La Germania sudorientale è la più colpita dall’aumento dei casi di SARS-Cov-2.

In Sassonia sono stati segnalati in totale 620,7 casi ogni 100.000 abitanti, mentre in Turingia 514,4 e in Baviera 478,7.

Questi tre stati sono tra quelli con il tasso di vaccinazione più basso rispetto al resto del Paese.

Almeno il 70% della popolazione in Germania è vaccinato con una singola dose.

Il numero totale di pazienti in ospedale è di 2851 persone. La maggior parte dei pazienti ospedalizzati non viene vaccinata o non vengono applicate tutte le dosi.

Il numero totale di posti letto disponibili secondo il rapporto più recente di RKI è 2478.

Inoltre, il Robert Koch Institute ha riportato un tasso di ospedalizzazione di 4,70 per 100.000 residenti.

Sebbene questo numero sia molto più alto dei numeri registrati negli ultimi mesi, è lontano dai dati riportati nel 2020 quando era 15,5 senza vaccinazione. .

Nell’intera epidemia, la Germania ha registrato 4.987.971 casi e 97.617 decessi. .

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha invitato i residenti in Germania a uno “sforzo nazionale”, sottolineando l’importanza della vaccinazione e la sua insistenza nell’aderire al programma di vaccinazione.

Inoltre, ha chiesto ai cittadini di restare uniti e ha incoraggiato la cura individuale per proteggersi e prendersi cura degli altri.

READ  "Non comprare telefoni cinesi e sbarazzati di quelli che hai già comprato"

La Merkel ha incontrato 35 medici e scienziati per arginare la quarta ondata di Covid-19.

Scopo dell’incontro era cambiare la gestione dell’epidemia di fronte a questa nuova fase.

Gli scienziati hanno chiesto al governo di creare un team nazionale di crisi che includa specialisti in medicina, biologia e salute pubblica, nonché specialisti con esperienza nella gestione di cliniche e aziende.