Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Comunità energetiche ancora connesse

Prima di luglio 2021, il governo spagnolo ha dovuto spostare la direttiva europea che riconosce l’energia comunitaria. Un anno dopo, le comunità energetiche civili sono continuate senza un quadro giuridico per proteggerle. “Ci hanno assicurato che sarebbe stato prima della fine dell’anno, ma ci hanno già detto la stessa cosa nel 2021”, afferma Marta Moreira, direttrice del Catala Energy Institute (Iken). Nel frattempo, più di 80 comunità energetiche nella sola provincia di Barcellona sono ancora in attesa di essere schierate, secondo le informazioni del consiglio regionale.

Le comunità di potere dei cittadini possono essere quelle associazioni, cooperative o qualsiasi entità legale senza scopo di lucro composta da cittadini, enti, piccole imprese o amministrazioni locali. La sua ragion d’essere è consentire a vari attori locali di partecipare attivamente alla transizione energetica, installando energia rinnovabile per l’autoconsumo o rafforzando i meccanismi di gestione e risparmio energetico.

Essendo una comunità, il suo potenziale va oltre il comune autoconsumo di energia

In assenza di un proprio quadro giuridico, le comunità energetiche vengono create come se fossero autoconsumo comune. Ciò accade, ad esempio, quando una comunità di vicini installa pannelli solari sul tetto in modo che l’elettricità generata sia condivisa dai vicini proprietari dell’impianto. Tuttavia, afferma Marta Moreira, “Le comunità energetiche vanno oltre l’autoconsumo condiviso perché sono collegate ad altri servizi”.

Isabel Cava e Alphonse Konisa, della società di consulenza sui consumi energetici Panso, hanno sottolineato che “c’è molto interesse da parte dei consigli comunali e dei cittadini”, ma ci sono anche preoccupazioni sulla guida di queste iniziative a causa delle incertezze esistenti. I consulenti hanno lamentato l’esistenza di ostacoli di legge, come la fissazione di una distanza di 500 metri tra il punto di generazione e quello di consumo, o la mancanza di punti di connessione alla rete elettrica gestiti da grandi aziende. “Si spera che lo stile francese venga adottato in Spagna, dove è consentito l’autoconsumo condiviso fino a 2 km nelle aree urbane e fino a 20 km nelle aree rurali”, auspica Cava.

READ  Bruxelles migliora le sue prospettive di crescita nell'area dell'euro per il 2021 e il 2022


Leggi anche

Raquel Andrés Dora

Bansu ha partecipato alla costituzione di quella che affermano essere la prima comunità energetica in Catalogna, nel maggio 2021. “Il progetto è bloccato nel record perché il numero della comunità energetica non entra nei suoi schemi perché non esiste ancora legalmente”, ha spiega. Consulente esperto.

“C’è una pressione significativa da parte delle compagnie elettriche per ridurre l’autoconsumo condiviso e le comunità energetiche”, afferma Abel Porras Brasíras, membro della cooperativa energetica Castilla-La Mancha. “Non abbiamo alcun supporto legale o governativo per fare qualcosa di diverso”, denuncia Álvaro Campos-Silador, professore all’Università dei Paesi Baschi e membro di Gure Energia, il Mutual Support Network in Response to Major Energy Projects, the Energy and Alleanza territoriale (ALENT). D’altra parte, Campos lamenta che “la Spagna ha strutture per costruire grandi parchi solari o eolici”.

“L’opposizione locale ai megaprogetti sta risvegliando piccole iniziative da parte delle comunità energetiche”, afferma Alphonse Perez, membro dell’Osservatorio sulla globalizzazione del debito (ODG). È il caso di Energia del Pallars Jussà, comunità energetica regionale promossa da Km0 Energy su richiesta della piattaforma Salvem Lo Pallars, che sta lottando per realizzare diversi mega progetti solari previsti nella regione. Energia del Pallars Jussà è in fase di costituzione e deve iniziare a operare entro il 31 agosto 2023 per poter beneficiare dei 323.000 euro assegnati dai fondi europei Next Generation.

Grande interesse da parte di cittadini, comuni e oppositori dei grandi parchi delle energie rinnovabili

La situazione negli altri paesi europei è mista. Spiega Giacomo Brinucci, della cooperativa italiana ENostra. Soffre delle comunità energetiche delle città sarde di Usaramana e Vilanovaforo. La polvere si è accumulata sui pannelli solari di entrambi da novembre 2021, in attesa dei relativi permessi per potersi collegare alla rete.

READ  I passaporti più potenti del mondo | Finanza | Economia

All’inizio dell’anno, il Portogallo ha accettato una serie di modifiche al funzionamento del sistema elettrico del paese. Una delle modifiche approvate è quella di consentire l’autoconsumo attraverso la rete a bassa tensione fino a una distanza di 2 km. Questa misura mira a favorire l’autoconsumo condiviso e le comunità energetiche.

I paesi europei più avanzati in termini di società energetiche sono Germania, Danimarca e Paesi Bassi. Secondo l’iniziativa “Future of Energy” (Future of Energy in Co-ownership), promossa dall’azienda di moda sportiva della Patagonia, nel 2050 fino al 45% della produzione di elettricità potrebbe provenire da comunità attive.