Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Christine Lagarde avrà difficoltà a creare Mario Draghi | Opinione

Christine Lagarde avrà difficoltà a realizzare Mario Draghi. I mercati obbligazionari dell’Eurozona si sono stabilizzati da quando il capo della Banca Centrale Europea ha accennato a un nuovo strumento per aiutare i governi più deboli. Ma probabilmente non rimarranno così e qualsiasi intervento potrebbe non funzionare come la famigerata tattica del suo predecessore del 2012.

La promessa della Banca centrale europea di accelerare i piani per uno strumento per combattere la cosiddetta frammentazione, la disparità nei costi di finanziamento tra i sovrani più forti e più deboli dell’eurozona ha già aiutato. Lo spread tra i 10 anni italiani e tedeschi si è ridotto a meno del 2% dal 2,5% di inizio giugno. In superficie, c’è un’analogia con il piano di Draghi di dieci anni fa di acquistare debiti attraverso un nuovo programma: i margini si sono ridotti e lo strumento non è stato utilizzato.

Le condizioni di mercato non sembrano stabili come nel 2012. L’Italia si autofinanzia con meno del 4% in 10 anni. Il rendimento delle sue obbligazioni è in qualche modo in linea con quello di un’obbligazione societaria a scadenza equivalente con lo stesso rating Baa/BBB e il suo spread con la Germania è inferiore alla media 2013-2015, prima del suo lancio. Quantitative easing secondo i dati Refinitiv.

Anche il calcolo del debito italiano può aiutare Lagarde a mantenere la sua posizione. Supponiamo che la crescita del PIL di Roma torni nel tempo al tasso potenziale atteso dell’1,4% e che l’inflazione scenda intorno al 2%. Per evitare che la sua massa di debiti del 147% si espanda, l’Italia avrebbe bisogno solo di un avanzo primario, la posizione finanziaria prima dei costi del debito, inferiore all’1%. Non è lontano dal suo obiettivo dello 0,2% per il 2025.

READ  +++ Coronavirus oggi: COVID-19 torna al centro della scena a Tokyo 2020 +++ | mondo | DW

Tuttavia, il contesto economico sarà più complesso. Mentre nel 2012 la Banca centrale europea stava allentando la sua politica, ora deve aumentare i tassi di interesse per combattere l’aumento dell’inflazione, anche se l’economia globale si deteriora. Il rischio è che gli investitori temono che costi di finanziamento più elevati e una crescita più lenta possano indebolire gli sforzi dei paesi per ridurre l’indebitamento o costringerli a stringere la cinghia, il che è politicamente spiacevole. In Italia, con le elezioni del prossimo anno e gli scettici fratelli italiani in testa alle urne, l’integrità fiscale e le riforme potrebbero scivolare fuori dalla finestra. Aumentare i tassi al 5% e un tasso di crescita solo dell’1% farebbero superare il 2% dell’avanzo necessario dell’Italia.

Più debole anche la posizione della Banca centrale europea. La promessa di acquistare obbligazioni da paesi in difficoltà rischia di far arrabbiare i critici preoccupati per il finanziamento dei governi da parte della banca centrale. E mentre lo strumento di Draghi del 2012 richiedeva agli stati di cercare un salvataggio, Lagarde potrebbe avere condizioni più morbide, il che rende più controverso l’acquisto di grandi obbligazioni. Date le sfide, è improbabile che Lagarde goda di mercati addomesticati.

Gli autori sono editorialisti per Reuters. Le opinioni sono tue. La traduzione di Carlos Gomez Abajo è di responsabilità cinque giorni