Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

‘Chi non piace, lascialo andare’: dietro le quinte del gabinetto nel bel mezzo di una feroce prova con il kirchnerismo

Juan Manzor, Jorge Tayana, Gabriel Cattopudis e Wado de Pedro.

Tutto è andato “armoniosamente, anche se le differenze sono riconosciute internamente”, secondo fonti di Casa Rosada che erano a conoscenza di quanto discusso nella stanza di Eva Perón durante una riunione di gabinetto guidata da Juan Manzor questa mattina. Per la gente del posto e gli estranei, tuttavia, la chiusura di Tucuman è suonata forte quando ha concluso l’incontro con un messaggio clamoroso.

Dopo aver evidenziato tutte le buone azioni dei rispettivi ministeri, Mansour ha lanciato: “Dobbiamo difendere questo governo che non ti piace, lascialo”. Le porte all’interno del Balcarce 50 confermano che al momento non c’è variazione nell’elenco dei ministri di Alberto Fernandez.

Pochi minuti fa, ha affermato il ministro dell’Economia Martin Guzman, una delle domande più frequenti degli ultimi tempi dalla Kirchneriya è quella dell’economia “Abbiamo superato il peggio” E che i numeri della microeconomia e della macroeconomia stanno chiaramente migliorando. come l’ha detto “Il clamore politico va contro il nostro modello”.

Guzmán, Matías Colvas (Sviluppo produttivo) e Claudio Moroni, in particolare i ministri del settore che hanno risposto con la massima fermezza alla domanda della vicepresidente Cristina Kirchner sulla loro performance, sono stati i primi tre ad essere rivelati.

Juan Menzor, per volere di Alberto Fernandez, ha rivendicato il ruolo di protagonista che aveva assunto una volta. Il presidente cerca di proteggersi dagli attacchi dei militanti Kirchners e si rivolge a Tucumán, che con la sua esperienza cerca di trasmettere calma e armonia all’interno del gabinetto in cui ci sono funzionari più vicini al capo dello Stato, e alcuni lo identificano. Con la Rappresentante Cristina Kirchner e le Regioni nelle mani di chi è vicino a Sergio Massa.

READ  La disoccupazione nei paesi dell'OCSE è scesa al 5,5% e ha registrato sette mesi consecutivi di calo

Il capo dell’economia, quindi, era tra quelli con la maggiore partecipazione su richiesta di Mansour. “Le prospettive sono incerte. Il piano che abbiamo messo in atto li chiude tutti, quella è la strada ma tanto rumore politico complica le cose”disse il capo del portafoglio economico. All’unisono, alla Government House, hanno notato che in un colloquio privato di recente con un ministro di fiducia, Alberto Fernandez gli ha detto che “questa è una maratona, non c’è altro modo per affrontarla”, riferendosi alle difficoltà che il governo sta trovando per reprimere gli effetti dell’inflazione che a marzo ha toccato il 6,7%.

All’incontro, ci sono state delle coincidenze che uno dei modi per superare questo momento di incertezza sta passando Gestire e beneficiare della crescita dei vari settori dell’economia e della redistribuzione del reddito. Per questo ci sono altri ministri più rilevanti come Colvas e Julian Dominguez (Agricoltura), Moroni e Martin Soria (Giustizia) che hanno dato indicazioni di migliori prospettive in termini di produzione e occupazione. Surya, ad esempio, ha fornito dati dalla sua provincia natale di Río Negro, dove è aumentata l’esportazione di pere e mele.

Guzmán ha anche affermato che nel suo distretto è in corso un ampio lavoro con l’obiettivo di “riorganizzare il bilancio”, a causa del fatto che la legge in materia è fallita al Congresso, il che ha complicato il lavoro di vari settori dell’amministrazione nazionale.

L'arrivo questa mattina a Casa Rosada del ministro dell'Interno Eduardo de Pedro.  Successivamente si è unito alla riunione di gabinetto.  Foto: Massimiliano Luna.
L’arrivo questa mattina a Casa Rosada del ministro dell’Interno Eduardo de Pedro. Successivamente si è unito alla riunione di gabinetto. Foto: Massimiliano Luna.

Il ritardo con cui il ministro dell’Interno Eduardo “Wado” de Pedro entra a far parte del consiglio ha suscitato ogni sorta di sospetti che sono stati dissipati quando diversi oratori hanno spiegato che era stato ritardato a causa di un problema respiratorio per il figlio maggiore. Mercedino ha chiesto al suo compagno (es. segretario tecnico e legale, Velma Ibarra) a differenza di altri che hanno bevuto acqua o caffè e ha raccontato la sua esperienza nel maneggiare l’acqua dalla sua recente visita in Israele con altri membri del Gabinetto e governatori di sette province.

READ  PAC compie 60 anni in un momento difficile per la campagna

De Pedro ha aggiunto che diversi uomini d’affari lo hanno avvertito durante la sua visita che l’Argentina, se metterà in atto i suoi progetti legati all’energia, “avrà un grande potenziale il prossimo anno”. Guzmán ha aggiunto che sarebbe fondamentale per il Paese diventare un esportatore di gas e litio, il che consentirebbe ingenti somme di dollari. Ecco perché l’ha detto Sarà importante terminare i lavori del gasdotto Néstor Kirchner.

Vilma Ibarra, dal canto suo, ha insistito quasi alla fine dell’incontro sulla necessità di “cambiare prospettiva, dentro e fuori”, riguardo alla gestione e allo staff di Alberto Fernandez. Questa stessa preoccupazione è stata descritta da Juan Ross, che ora ha assunto la carica di ministro dell’Informazione e della Comunicazione pubblica. “È difficile per noi andare ai media perché ogni volta che qualcuno entra e chiede dello stagista. E poi non possiamo contare tutte le cose buone che vengono fatte”, hanno descritto da Casa Rosada. “Una cosa è che l’opposizione critica, e l’altra è che le critiche partono dal governo stesso”, hanno dipinto.

C’è stato anche un momento per occuparsi di politica internazionale. Il ministro degli Esteri Santiago Cafiero ha illustrato la portata del suo recente viaggio in Italia e in India. Poi c’è stata una valutazione della guerra in Russia e delle sue conseguenze e delle recenti elezioni in Francia. Hanno convenuto che l’Argentina non si sarebbe unita alla pressione per escludere i russi dal G7: “l’area di discussione dovrebbero essere le Nazioni Unite”.

Infine, riprende la parola il capo di stato maggiore, quando già erano partiti Colvas (che si era recato in provincia di Salta) e Cafiero, entrambi diretti agli affari ufficiali. La politica è questa, dobbiamo difendere questo governo. Se non ti piace, lascia perdere”. Un messaggio completo dentro e fuori.

READ  Un'opportunità per la Spagna di guidare la quarta rivoluzione industriale | Opinione

Continuare a leggere

Massa cerca di mediare all’interno: ha incontrato separatamente Cristina Kirchner e Alberto Fernandez
Agustin Rossi: “Non vedo Alberto e Cristina come due progetti economici diversi”